Divorzio - il diritto dell'ex coniuge ad una quota del TFR

Divorzio: il diritto dell'ex coniuge ad una quota del TFR

In caso di divorzio, l'ex coniuge ha diritto al 40% del TFR percepito dall'altro dopo la proposizione della domanda di divorzio.

L'articolo 12-bis della legge 898/70 stabilisce che il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto sia titolare di assegno di mantenimento divorzile, ad una percentuale dell'indennità di fine rapporto (TFR) percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del rapporto di lavoro, anche se l'indennità viene a maturare dopo la sentenza di divorzio.

Tale percentuale è pari al quaranta per cento dell'indennità totale riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio.

Non può richiedersi la quota di TFR se la corresponsione dell'assegno di mantenimento in sede di divorzio è stata concordata in unica soluzione.

In sintesi l'ex coniuge ha diritto alla quota del tfr se:

  • non è passato a nuove nozze
  • gode dell'assegno di mantenimento

La percentuale  del quaranta per cento va calcolata sull'indennità riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio.

Secondo la giurisprudenza prevalente, si considerano anche gli anni della separazione.

Per calcolare la quota da versare all'ex coniuge, quindi, occorre fare le seguenti operazioni:

  1. dividere il TFR totale per il numero di anni lavorativi;
  2. moltiplicare il risultato ottenuto per il numero di anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio, inclusi  gli anni della separazione legale, fino alla sentenza del divorzio;
  3. calcolare sul valore ottenuto il 40%. L'importo ottenuto sarà la quota da versare all'ex coniuge.

Per porre una domanda sul diritto dell'ex coniuge ad una quota TFR, accedi al forum. Clicca qui.

14 settembre 2010 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Al coniuge divorziato titolare di assegno divorzile spetta anche il 40% del TFR percepito dal coniuge obbligato
Il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto titolare di assegno divorzile, ad una percentuale del trattamento di fine rapporto (TFR) percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del ...
Incentivo all'esodo per ex coniuge obbligato - Al coniuge divorziato beneficiario spetta il 40 per cento dell'importo riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro é coinciso con il matrimonio
Le somme corrisposte dal datore di lavoro, in aggiunta alle spettanze di fine rapporto, come incentivo alle dimissioni anticipate del dipendente (cosiddetti incentivi all'esodo) non hanno natura liberale né eccezionale, ma costituiscono reddito di lavoro dipendente, essendo predeterminate al fine di sollecitare e remunerare, mediante una vera e propria controprestazione, ...
Divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità
Il coniuge divorziato ha diritto, alla morte dell'ex coniuge, alla pensione di reversibilità, come prevede l'articolo 9 della legge numero 898 del 1970. Per ottenere la pensione di reversibilità, è necessario che: il coniuge superstite sia titolare di un assegno divorzile; il coniuge superstite non sia passato a nuove nozze; ...
Divorzio » Come si calcola la quota del TFR che spetta all'ex moglie?
In tema di separazione e divorzio, come è calcolata la quota del TFR spettante alla ex moglie? Nel procedimento di divorzio la quota di Tfr che spetta alla ex moglie va quantificata sulla scorta del Tfr netto corrisposto in precedenza al marito. Infatti, l'articolo 2120 Cc ammette il lavoratore a ...
Divorzio e assegno divorzile
L'assegno divorzile è previsto dall'articolo 5 della legge sul divorzio numero 898 del 1970. Il presupposto per applicare l'assegno divorzile ricorre quando un coniuge (o meglio ex coniuge) non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive. Qualora vi sia questo presupposto, il Tribunale disporrà che il ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su divorzio - il diritto dell'ex coniuge ad una quota del tfr. Clicca qui.

Stai leggendo Divorzio - il diritto dell'ex coniuge ad una quota del TFR Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 14 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Giuseppe Mannino 15 dicembre 2010 at 16:22

    L’Avv. Pedone trascura un aspetto importantissimo riguardante l’argomento TFR e 40% al coniuge. Se la liquidazione è avvenuta in epoca antecendente alla proposizione della domanda di divorzio nulla è dovuto.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca