Divorzio – il diritto dell’ex coniuge ad una quota del TFR


Divorzio: il diritto dell’ex coniuge ad una quota del TFR

In caso di divorzio, l’ex coniuge ha diritto al 40% del TFR percepito dall’altro dopo la proposizione della domanda di divorzio.

L’articolo 12-bis della legge 898/70 stabilisce che il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto sia titolare di assegno di mantenimento divorzile, ad una percentuale dell’indennità di fine rapporto (TFR) percepita dall’altro coniuge all’atto della cessazione del rapporto di lavoro, anche se l’indennità viene a maturare dopo la sentenza di divorzio.

Tale percentuale è pari al quaranta per cento dell’indennità totale riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio.

Non può richiedersi la quota di TFR se la corresponsione dell’assegno di mantenimento in sede di divorzio è stata concordata in unica soluzione.

In sintesi l’ex coniuge ha diritto alla quota del tfr se:

La percentuale  del quaranta per cento va calcolata sull’indennità riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio.

Secondo la giurisprudenza prevalente, si considerano anche gli anni della separazione.

Per calcolare la quota da versare all’ex coniuge, quindi, occorre fare le seguenti operazioni:

  1. dividere il TFR totale per il numero di anni lavorativi;
  2. moltiplicare il risultato ottenuto per il numero di anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio, inclusi  gli anni della separazione legale, fino alla sentenza del divorzio;
  3. calcolare sul valore ottenuto il 40%. L’importo ottenuto sarà la quota da versare all’ex coniuge.

Per porre una domanda sul diritto dell’ex coniuge ad una quota TFR, accedi al forum. Clicca qui.

14 Settembre 2010 · Antonella Pedone


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui





Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!


Costa sto leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Divorzio – il diritto dell’ex coniuge ad una quota del TFRAutore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 14 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nelle categorie , , , , , Numero di commenti e domande: 1. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.' .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Giuseppe Mannino 15 Dicembre 2010 at 16:22

    L’Avv. Pedone trascura un aspetto importantissimo riguardante l’argomento TFR e 40% al coniuge. Se la liquidazione è avvenuta in epoca antecendente alla proposizione della domanda di divorzio nulla è dovuto.