Divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità

Coniuge divorziato - Condizioni per ottenere la pensione di reversibilità

Il coniuge divorziato ha diritto, alla morte dell'ex coniuge, alla pensione di reversibilità, come prevede l'articolo 9 della legge numero 898 del 1970.

Per ottenere la pensione di reversibilità, è necessario che:

  1. il coniuge superstite sia titolare di un assegno divorzile;
  2. il coniuge superstite non sia passato a nuove nozze;
  3. il rapporto di lavoro da cui trae origine il trattamento pensionistico sia anteriore alla sentenza di divorzio.

Pensione di reversibilità quando l'ex coniuge titolare si era risposato

Cosa succede se l'ex coniuge deceduto si era nuovamente sposato?

In questo caso si ha un concorso tra il coniuge divorziato ed il nuovo coniuge superstite.

Entrambi hanno diritto ad una parte della pensione di reversibilità, fermi restando per il coniuge divorziato i requisiti sopra indicati.

Come si stabilisce la quota spettante all'uno ed all'altro coniuge?

Per stabilire la quota, è necessario presentare un ricorso in Tribunale. Sarà il giudice a stabilire la quota spettante ai coniugi superstiti tenendo conto della durata del rapporto matrimoniale.

I criteri per stabilire la quota spettante della pensione di reversibilità ai due coniugi aventi diritto

La legge numero 898 del 1970 indica come criterio di determinazione della quota soltanto la durata del rapporto matrimoniale.

La giurisprudenza, tuttavia, per ottenere il risultato più equo possibile, ha  preso in considerazione anche altri criteri, quali, ad esempio, l’ammontare dell'assegno divorzile, le condizioni economiche dei soggetti interessati e perfino il periodo di convivenza prematrimoniale (Cassazione, sentenza  numero 2092 del 31 Gennaio 2007; Cassazione, sentenza numero 18199 del 18 agosto 2006).

Per porre una domanda su divorzio e pensione di reversibilità, accedi al forum. Clicca qui.

14 settembre 2010 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pensione di reversibilità - criteri per la ripartizione fra ex coniuge e coniuge superstite
In relazione alla ripartizione del trattamento di reversibilità in caso di concorso tra il coniuge superstite ed il coniuge divorziato, aventi entrambi i requisiti per la relativa pensione, la giurisprudenza consolidata indica che tale ripartizione deve essere effettuata, oltre che sulla base del criterio della durata del rapporto matrimoniale (ossia ...
La pensione di reversibilità va ripartita fra la vedova e il coniuge divorziato
Le norme inerenti la pensione di reversibilità, si interpretano nel senso che per titolarità dell'assegno deve intendersi l'avvenuto riconoscimento di esso da parte del Tribunale. Tale riconoscimento è intervenuto, essendo in corso il giudizio per la determinazione dell'assegno alla morte del pensionato, e il Tribunale ha dichiarato il diritto del ...
Pensione di reversibilità - ripartizione fra coniuge superstite ed ex coniuge
La ripartizione della pensione di reversibilità fra il coniuge superstite e l'ex coniuge deve essere disposta tenendo conto della durata dei rispettivi matrimoni non come un criterio rigidamente matematico ed esaustivo ma come un elemento la cui valutazione non può in nessun caso mancare e anzi a tale elemento -secondo ...
Nessuna pensione di reversibilità all'ex coniuge superstite che ha beneficiato di un assegno divorzile corrisposto in unica soluzione
In caso di morte dell'ex coniuge e in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione di reversibilità, il coniuge rispetto al quale è stata pronunciata la sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e ...
L'ex coniuge non ha diritto alla reversibilità se il titolare della pensione muore prima che sia stato riconosciuto l'assegno divorzile
Come sappiamo, in caso di morte dell'ex coniuge la legge riconosce al coniuge superstite, rispetto al quale è stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, se non passato a nuove nozze e che sia titolare dell'assegno divorzile, il diritto alla pensione di reversibilità o ...

Spunti di discussione dal forum

Pensione di reversibilità e ripartizione fra la vedova e il coniuge divorziato
Volevo sapere quali sono le condizioni per avere la pensione di reversibilità del coniuge divorziato, tenendo conto che il coniuge si e risposato dopo il divorzio. Dopo il divorzio non ho percepito assegno di mantenimento ma se ho capito bene è possibile chiederlo anche dopo. Ho una figlia studente di…
Separazione e pensione di reversibilità
Vorrei sapere se in caso di separazione personale tra coniugi, dopo la morte di uno dei due la pensione di reversibilità spettante al coniuge deceduto spetterà al coniuge superstite anche se separato legalmente.
Coniuge defunto – Cosa devo fare per ottenere pensione di reversibilità?
Mio marito è morto a 79 anni dopo una brutta malattia: siamo stati sposati per 59 anni e lui era in pensione da 15, dopo 40 anni di lavoro e contributi versati. Io ora, disoccupata (non ho mai lavorato), sto aspettando di ottenere la pensione di reversibilità di mio marito…
Quali sono le modalità di recupero delle somme erogate dall’INPS ed indebitamente percepite?
Sono pensionata di reversibilità: nel 2013 feci domanda cartacea all'INPS (ex gestione INPDAP) per gli Assegni al Nucleo Familiare (ANF), non sapevo ne' se mi sarebbero toccati ne' se non mi sarebbero toccati. Ho pensato al massimo rifiutano la domanda. Nel giugno 2013 mi pagano gli ANF assegni al nucleo…
Dichiarazione redditi e RED per pensione di reversibilità
Mia madre da questo mese riceve la pensione di reversibilità per mio padre morto in gennaio: ella non possiede una sua pensione ma è proprietaria della nostra casa di abitazione oltre che cointestataria di conti correnti e deposito titoli. Mi è stato detto che non è obbligata a presentare dichiarazione…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità . Clicca qui.

Stai leggendo Divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 14 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • tiziana62 25 aprile 2014 at 14:16

    Sono disperata e chiedo il vostro aiuto. Espongo il mio caso: sposata per 20anni dopo 10 di fidanzamento, 5 anni fa il mio ex mi tradisce ed io gli impongo una separazione consensuale molto onerosa per lui (abbiamo due figli anche con grossi problemi sia di salute che disoccupati). Dopo 3 anni lui chiede il divorzio e la riduzione dell’assegno. Io, che lo amo ancora, mi oppongo e chiedo la conferma dell’assegno. Il Tribunale pronuncia la cessazione del matrimonio e rinvia la decisione sull’assegno divorzile. Lui si risposta un anno fa e dopo 9 mesi muore (per di più scopro che aveva una malattia degenerativa che conosceva quando si è sposato e che è quella che ha provocato il decesso). Ma il problema mio e dei miei figli è questo: poiché il Tribunale non ha ancora assegnato a me un assegno divorzile, mi dicono che non avrò diritto alla pensione di reversibilità, perché questo è requisito indispensabile in base alla legge. Ma è possibile che la lentezza dei processi civili venga fatta pagare a me ed ai miei figli? E che la pensione debba andare per intero ad una amante senza scrupoli che è libera professionista e non dichiara redditi né paga tasse, mentre io sono una semplice impiegata e appaio una persona ricca, con un reddito di 34000 euro lordi annui che significa 1800 euro al mese?
    Qualcuno mi sa dire cosa posso fare?

    • Simone di Saintjust 25 aprile 2014 at 17:52

      Spiace dover confermare quello che lei riporta. La pensione di reversibilità costituisce una prestazione economica erogata per conservare la continuità del sostegno economico in favore dei familiari del pensionato (l. n. 74/1987): hanno diritto alla pensione il coniuge superstite, anche se separato, ed il coniuge divorziato non ri-sposatosi, se titolare di assegno divorzile.

      La ripartizione tra coniugi del deceduto va effettuata in virtù del collegamento di vari criteri: la durata del rapporto matrimoniale, l’ammontare dell’assegno goduto dal coniuge divorziato, le condizioni dei soggetti, il tenore di vita assicurabile al coniuge divorziato ecc.

      Tanto premesso, va aggiunto che, quando le sarà riconosciuto l’assegno divorzile, la coniuge del suo ex-marito dovrà corrispondere a lei gli arretrati, ovvero la quota della pensione di reversibilità che le sarà assegnata, a partire dal primo rateo successivo al decesso.

      Lei scrive che la sua controparte è persona senza scrupoli, libera professionista che non dichiara redditi, né paga tasse. Se teme di non riavere indietro gli arretrati che le spettano, posso confortarla chiarendo che, con una nemmeno tanto complicata azione giudiziale, potrà chiedere ed ottenere il pignoramento, per quanto eccede il minimo vitale, della quota di pensione di reversibilità che spetta alla sua controparte.

      Volendo, può anche chiedere al giudice (ma questa è una strada più complicata e dispendiosa) di congelare temporaneamente, in via cautelare ed in base alla circostanza che il procedimento per il riconoscimento dell’assegno divorzile è in itinere, una parte della pensione di reversibilità.

      Per il resto mi trova pienamente d’accordo sulla sua denuncia circa le disfunzioni della giustizia che si ripercuotono, il più delle volte in modo devastante, sui cittadini più deboli ed indifesi.

      Le auguro di ritrovare al più presto la serenità che merita.

Altre info