Distacco dall'impianto di riscaldamento centrale

Il distacco dall'impianto di riscaldamento centrale

Per quanto riguarda il distacco dall'impianto di riscaldamento centrale, rimane come premessa, che a norma dell'articolo 1117 del codice civile, l'impianto di riscaldamento fino al punto di diramazione nelle varie proprietà esclusive, si presume di proprietà comune a tutti i condomini e che, a norma dell'articolo 1102 del codice civile, ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. Inoltre rimane da considerare che l'impianto è stato progettato per tutto l'immobile per assicurare una temperatura base equilibrata in tutto lo stabile.

La rinuncia unilaterale al riscaldamento operata da un singolo è vietata se da ciò derivano squilibri termici con aggravi di spesa per gli altri condomini (vedi sent. Cassazione numero 4023/1966); è consentita invece se è prevista dal regolamento condominiale , se è stata deliberata dall'assemblea o se il proprietario interessato può dimostrare che il distacco comporta una effettiva riduzione dei costi rapportata al costo complessivo. Se invece il distacco dall'impianto centrale di riscaldamento di uno o più condomini comporta un aumento di costi per gli altri fruitori, i primi sono tenuti a sostenerli (vedi  sent. Cassazione 10214/96 e numero 8924/2001).

Anche se un distacco in via di principio è consentito occorre una autorizzazione dell'assemblea con la maggioranza dei partecipanti e almeno 500 millesimi di proprietà in quanto trova applicazione l'articolo 1120 del codice civile, che disciplina le innovazioni.

Spese di gestione e di manutenzione dell'impianto centralizzato

Per quanto riguarda invece le spese di gestione e di manutenzione dell'impianto centralizzato si fa riferimento all'articolo 1118 del codice civile che espressamente prevede che il condomino non può , rinunziando al diritto sulle cose (all'impianto di riscaldamento), sottrarsi al contributo nelle spese per la loro conservazione. Alcune sentenze della corte di cassazione hanno rafforzata ed estesa questa prescrizione e stabilito che occorre distinguere fra manutenzione e gestione dell'impianto centralizzato. Se alla ripartizione delle spese di manutenzione devono partecipare tutti i condomini in base ai millesimi di proprietà, i costi di gestione vanno ripartiti solo fra gli effettivi fruitori.

Il radicale smantellamento dell'impianto centralizzato può essere ordinato solo con il consenso di tutti i condomini, in quanto l'articolo 1120 del codice civile prevede espressamente il divieto di rendere talune parti comuni dell'edificio inservibili all'uso o al godimento anche di un solo condomino.

In questo contesto vale il riferimento alla cosiddetta (vedi articolo 26, II comma) legge sul risparmio energetico

Riassumendo:

del 9.01.1991, numero 10, che prevede lo smantellamento dell'impianto centralizzato con delibera a maggioranza dei condomini, se vi è la possibilità di conseguire una riduzione dei costi di riscaldamento attraverso l'utilizzo di fonti energetiche alternative (metano, pannelli solari ecc.). L'articolo 28 della legge 10/91 prevede una consulenza tecnica che certifica l'effettivo risparmio energetico degli impianti autonomi nei confronti dell'impianto centralizzato. Infine va osservato che di norma il regolamento condominiale prevede le varie possibilità in questo settore.

2 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riforma del condominio e distacco da impianto centralizzato di riscaldamento e raffreddamento
La riforma del condominio ha, espressamente, ammesso la possibilità del singolo condomino di distaccarsi dall'impianto centralizzato di riscaldamento o di raffreddamento ma a condizione che dimostri che dal distacco non derivino notevoli squilibri di funzionamento dell'impianto od aggravi di spesa per gli altri condomini. Il condomino che intende distaccarsi deve, ...
Il condomino che se ne distacca è tenuto a corrispondere esclusivamente le spese di conservazione dell'impianto centralizzato di riscaldamento
E' legittima la rinuncia di un condomino all'uso dell'impianto centralizzato di riscaldamento, anche senza necessità di autorizzazione o approvazione da parte degli altri condomini, purché l'impianto non ne sia pregiudicato, con il conseguente esonero, dall'obbligo di sostenere le spese per l'uso del servizio centralizzato. Il condomino che decide di rinunciare ...
Legittima la rinuncia unilaterale del condomino all'uso dell'impianto di riscaldamento centralizzato
E' legittima la rinuncia di un condomino all'uso dell'impianto di riscaldamento centralizzato anche senza necessità di autorizzazione o approvazione da parte degli altri condomini, purché l'impianto non ne sia pregiudicato, con il conseguente esonero dallobbligo di sostenere le spese per l'uso del servizio centralizzato e l'obbligo di pagare solo le ...
Riscaldamento centrale in un condominio
Parte prima (Articoli 1117, 1120, 1121 del codice civile) - L'impianto centralizzato di riscaldamento è, a norma dell'articolo 1117 del codice civile, da ascrivere alla proprietà comune di un condominio fino al punto in cui le tubazioni si diramano nelle varie proprietà esclusive. Se non diversamente specificato, sono di proprietà ...
Il condomino deve contribuire alle spese anche se l'impianto centralizzato non riscalda sufficientemente il suo appartamento
L'obbligo del condomino di partecipare alle spese per il godimento e la conservazione delle cose comuni, e per la prestazione dei servizi resi nell'interesse di tutti i condomini, trova la sua unica fonte nella comproprietà delle parti comuni dell'edificio, con la conseguenza che se l'impianto centralizzato di riscaldamento non eroga ...

Spunti di discussione dal forum

Distacco da impianto di riscaldamento centralizzato del condominio – Vogliono farmi pagare lo stesso
Dopo delle divergenze reiterate nel tempo con l'amministratore condominiale, ho deciso di distaccarmi dall'impianto centralizzato di riscaldamento e ho speso parecchio per adibirne nella mia abitazione uno autonomo. Dopo questo mio intervento, è iniziata una sorta di persecuzione sia da parte dell'amministratore sia che da alcuni condomini. Praticamente, vogliono costringermi…
Ipoteca su terreni dove esiste impianto di calcestruzzo
Equitalia ha iscritto ipoteca su terreni dove esiste impianto di calcestruzzo (addirittura la struttura era stata confiscata): è legittima la procedura attivata?
Distacco fornitura gas a intero condominio per morosità singolo individuo – Cosa facciamo adesso?
Uno degli inquilini del condominio in cui vivo non paga da mesi le bollette per la fornitura del gas: dopo un po' di tempo l'agenzia fornitrice ha staccato l'emissione a tutto lo stabile. Io mi chiedo se è normale questo modo di operare e perché dobbiamo farne le spese noi…
Inquilini del condominio non in regola con i pagamenti – Devo rimetterci io?
Dopo una riunione condominiale, sono stati predisposti degli interventi per il rifacimento delle unità abitative, con il fissaggio di quote di partecipazione da onorare da parte dei condomini. Ora, nell'ultima assemblea, è venuto fuori che alcuni condomini non stanno pagando le proprie rate, e si prospetta, da parte dei creditori,…
Distacco energia con avviso mai ricevuto
Ho subito il distacco dell'energia elettrica in data 10/12/2014: ho contattato il fornitore (ENEL) e dopo aver ricevuto i dati ho subito effettuato il pagamento (90,12 €). La scadenza della bolletta era il 24/10/2014. Mai ricevuta. L'operatore mi ha comunicato che in data 11/11/2014 è stata inviata una raccomandata presso…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su distacco dall'impianto di riscaldamento centrale. Clicca qui.

Stai leggendo Distacco dall'impianto di riscaldamento centrale Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria il condominio Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • LUISA 25 gennaio 2010 at 14:49

    HO AVUTO IN EREDITA’ DA MIO PADRE UN NEGOZIO DOVE, ALLA SUA MORTE, GESTISCO E IL PROBLEMA MAGGIORE E’ IL RISCALDAMENTO.
    ALL’ INTERNO DEL MIO NEGOZIO CI SONO TRA I 14 E I 15 GRADI ( CI VIVO 12 ORE AL GIORNO) E ALLA DOMENICA , CHE IL NEGOZIO E’ CHIUSO NON SI RAGGIUNGONO I 16 GRADI.
    MI CHIEDO QUALE SIA IL MODO MENO ONORESO X POTERMI DISTACCARE DALL’ IMPIANTO CENTRALIZZATO. IMPOSSIBILE CHE NON CI SIA UNA LEGGE CHE MI CANSENTA DI FARE CIO’.
    VI RINGRAZIO.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Forum

Domande

la comunità dei debitori e dei consumatori italiani
la comunità dei debitori e dei consumatori italiani