Disoccupazione alle stelle » il 2013 l'anno più buio dal dopoguerra

Disoccupazione alle stelle secondo l’istat » Questo 2013 l’anno più buio dal dopoguerra

Lavoro: questo sconosciuto. Mentre il Cnel delinea il suo ritratto del mercato del lavoro italiano, sottolineando come parte della disoccupazione generata nella crisi sia ormai da ritenersi strutturale, arrivano i dati ancor meno rassicuranti dell’Istat.

Disoccupazione alle stelle secondo l’istat » I dati

In Italia quasi un giovane su due (15-24) non ha lavoro e gli italiani over 24 disoccupati sono oltre 3 milioni, dato in aumento rispetto al mese precedente dell’1,4% e del 14,5% su base annua.

I dati Istat fotografano una situazione desolante del pianeta lavoro.

Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) ad agosto balza al 40,1%, in rialzo di 0,4 punti percentuali su luglio e di 5,5 punti su base annua.

Un vero e proprio record perché viene così superata per la prima volta la soglia del 40% e raggiunto il livello più alto dall’inizio sia delle serie mensili (2004) sia trimestrali (1977).

Ma l’emergenza non riguarda solo i giovani. Aumenta, anche se di poco, il tasso di disoccupazione nazionale che si attesta al 12,2%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,5 punti nei dodici mesi.

Ad agosto l’occupazione maschile diminuisce dello 0,4% in termini congiunturali e del 2,8% su base annua; quella femminile invece cresce dello 0,5% rispetto a luglio e dello 0,4% nei 12 mesi.

Il tasso di occupazione maschile quindi, pari al 64,7%, diminuisce di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,9 punti su base annua. Quello femminile invece, pari al 47,1%, aumenta di 0,2 punti in termini congiunturali e di 0,3 punti percentuali su anno.

Disoccupazione alle stelle secondo l’istat » Rapporto Cnel

Intanto proprio la questione della performance del lavoro è tema di un rapporto del Cnel (Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro).

In particolare per quanto riguarda la questione giovanile non si arresta il fenomeno dei ragazzi che non hanno un’occupazione e al tempo stesso non sono a scuola o in formazione.

Qui, i dati si attestano intorno al 23,9% della popolazione giovanile, con punte di 35% nelle regioni del Mezzogiorno.

1 Ottobre 2013 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Disoccupazione alle stelle » il 2013 l'anno più buio dal dopoguerra Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 1 Ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 22 Gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)