Disoccupazione: Iscrizione alle liste » Una breve guida

Trovare un impiego è ormai sempre più difficile: conti alla mano un italiano su dieci allo stato attuale è fuori dal mercato del lavoro. Non ci sono soltanto i disoccupati ormai a quota 3,07 milioni, ma anche 2,99 milioni di persone che non cercano ma sono disponibili a lavorare, in pratica i rassegnati, e quelli che cercano lavoro ma non sono subito disponibili. Totale sei milioni di persone. È l’amara fotografia scattata dall’Istat in relazione al secondo trimestre 2013.

Per tutte queste persone, è bene sapere che mentre si cerca una, tanta agognata, occupazione potrebbe essere utile iscriversi ai centri per l’impiego per chiedere lo stato di disoccupazione.

Disoccupazione: Iscrizione alle liste » Chi la può richiedere

L’iscrizione alle Liste di Disoccupazione può essere richiesta da qualunque cittadino disoccupato presso il Centro per l’Impiego competente.

Il cittadino extracomunitario dovrà essere munito di permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di un documento equivalente.

Il richiedente deve aver assolto l’obbligo scolastico o aver compiuto i 15 anni d’età.

Cosa è necessario fare per l’iscrizione alle liste di disoccupazione

E’ necessario presentarsi al Centro per l’Impiego del proprio Comune di domicilio, con il codice fiscale, copia del contratto di lavoro precedente e compilare un modulo di autocertificazione dei requisiti richiesti.

Devono essere presentati eventuali titoli e certificazioni utili all’inserimento lavorativo, anche autocertificabili, oltre alla certificazione relativa alle qualifiche possedute, non autocertificabile.

L’iscrizione non comporta alcuna spesa. L’Iscrizione è immediata.

Disoccupazione: Validità dell’iscrizione

La validità è variabile a seconda della Regione.

Per la legislazione nazionale l’iscrizione resta valida: se il richiedente non lavora; se ha un lavoro ma il reddito non supera i limiti disposti dalla legge; se ha un rapporto di lavoro a tempo determinato di durata minore di 8 mesi.

L’iscrizione decade nel momento in cui l’interessato viene assunto a tempo indeterminato e percepisce uno stipendio che supera i parametri di reddito previsti per legge.

31 Ottobre 2013 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Divieto di cumulo fra indennità di disoccupazione e assegno ordinario di invalidità - Ma l'invalido può optare per l'indennità di disoccupazione
Il divieto di cumulo dell'indennità di disoccupazione con i trattamenti pensionistici a carico dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, vecchiaia e i superstiti, si estende all'assegno ordinario di invalidità, la cui natura di trattamento pensionistico trova conferma nella modalità di erogazione che avviene secondo il sistema dell'assicurazione generale obbligatoria, nella modalità di calcolo, che ha luogo secondo le norme del predetto sistema, nonché nella circostanza che l'assegno ordinario di invalidità si converte ex lege in pensione di vecchiaia al compimento dell'età prevista per il pensionamento. La legge vigente prevede che, all'atto dell'iscrizione nelle liste di mobilità, i lavoratori che fruiscono dell'assegno ...

Indennità di disoccupazione e attività lavorativa - Limiti di compatibilità
Per i soggetti beneficiari di indennità di disoccupazione, titolari di borse lavoro, stage e tirocini professionali, premi o sussidi per fini di studio o addestramento professionale, pur a fronte dell'assimilazione, ai fini fiscali, delle somme percepite ai redditi da lavoro dipendente, non si ravvisa lo svolgimento di un'attività lavorativa prestata dal soggetto con correlativa remunerazione. In tali ipotesi, pertanto, le remunerazioni derivanti da borse lavoro, stage e tirocini professionali, nonché i premi o sussidi per fini di studio o di addestramento professionale sono interamente cumulabili con l'indennità di disoccupazione e il beneficiario della prestazione non è tenuto ad ad effettuare ...

Il progetto garanzia giovani dell'Ue per trovare lavoro » La guida al programma contro la disoccupazione giovanile
La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un'attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (Neet - Not in Education, Employment or Training). In sinergia con la Raccomandazione europea del 2013, l'Italia dovrà garantire ai giovani al di sotto dei 30 anni un'offerta qualitativamente valida di lavoro, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su disoccupazione: iscrizione alle liste » una breve guida. Clicca qui.

Stai leggendo Disoccupazione: Iscrizione alle liste » Una breve guida Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 31 Ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)