Indice del post il diritto dei superstiti alle pensioni di reversibilità e indiretta

In caso di morte del titolare di pensione (vecchiaia, anticipata, anzianità, inabilità e invalidità), nasce il diritto alla reversibilità per alcuni familiari superstiti che individueremo più precisamente nel prosieguo dell'articolo. Anche i superstiti del lavoratore deceduto e non ancora pensionato hanno diritto alla pensione di reversibilità, che assume però la denominazione di pensione indiretta. Tuttavia è necessario che il lavoratore deceduto abbia maturato complessivamente 15 anni di contribuzione; oppure 5 anni di contribuzione di cui almeno 3 anni nel quinquennio precedente la data del decesso. I superstiti del titolare di assegno ordinario di invalidità sono considerati quali superstiti di [ ... leggi tutto » ]

Il coniuge superstite (anche separato) cessa dal diritto al trattamento pensionistico di reversibilità o indiretto se passa a nuove nozze. Anche il coniuge separato ha diritto al trattamento pensionistico previsto per i superstiti. In particolare, in caso di addebito della separazione, il coniuge separato superstite avrà diritto alla pensione solo nel caso in cui risulti titolare di assegno di mantenimento stabilito dal tribunale. Per le pensioni aventi decorrenza 1° gennaio 2012 è prevista una riduzione dell’aliquota percentuale, rispetto alla disciplina generale, nei casi in cui il matrimonio sia stato contratto ad un’età del pensionato superiore a 70 anni; la [ ... leggi tutto » ]

In caso di morte dell’ex coniuge e in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti di reversibilità, il coniuge rispetto al quale è stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e sempre che sia titolare dell’assegno divorzile, alla pensione di reversibilità, sempre che il rapporto da cui trae origine il trattamento pensionistico sia anteriore alla sentenza. In pratica il coniuge divorziato superstite ha diritto alla pensione di reversibilità o indiretta in presenza delle seguenti condizioni: abbia la titolarità dell’ assegno periodico divorzile. Al riguardo, [ ... leggi tutto » ]

Hanno diritto alla pensione di reversibilità o alla pensione indiretta i figli superstiti (ed i soggetti ad essi equiparati) che alla data di decesso del lavoratore o del pensionato non abbiano superato il 18° anno di età o, indipendentemente dall’età, siano riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di quest’ultimo. Sono equiparati ai figli del pensionato o del lavoratore che abbia versato i necessari contributi: i figli adottivi e affiliati del lavoratore deceduto; i figli del deceduto riconosciuti o giudizialmente dichiarati; i figli non riconoscibili dal deceduto per i quali questi era tenuto [ ... leggi tutto » ]

Per i figli superstiti studenti che non prestino lavoro retribuito e a carico del genitore defunto al momento della morte, il limite di 18 anni è elevato a 21 anni in caso di frequenza di scuola media o professionale e a tutta la durata del corso di laurea, ma non oltre al 26° anno di età, in caso di frequenza dell’Università. Sono considerati studenti, ai fini della concessione della pensione di reversibilità o indiretta, i figli superstiti del pensionato o del lavoratore deceduto che alla data del decesso hanno un’età compresa tra i 18 e i 21 anni e [ ... leggi tutto » ]

In assenza del coniuge e dei figli o se, pur esistendo essi non abbiano diritto alla pensione ai superstiti, il diritto al trattamento pensionistico di reversibilità o indiretto è riconosciuto ai genitori del lavoratore o pensionato che al momento della morte di quest’ultimo: abbiano compiuto il 65° anno di età; non siano titolari di pensione diretta o indiretta; siano a carico del lavoratore deceduto Il genitore che, dopo il conseguimento del trattamento pensionistico ai superstiti, diventa beneficiario di un’altra pensione, perde il diritto alla pensione ai superstiti con effetto dal primo giorno del mese successivo a quello di decorrenza [ ... leggi tutto » ]

In assenza del coniuge, dei figli o del genitore o se, pur esistendo essi non abbiano diritto alla pensione ai superstiti, il diritto al trattamento pensionistico di reversibilità o indiretto è riconosciuto ai fratelli celibi e sorelle nubili del lavoratore o pensionato che al momento della morte di quest’ultimo: siano inabili al lavoro; non siano titolari di pensione diretta o indiretta; siano a carico del lavoratore deceduto. Il fratello celibe o la sorella nubile che, dopo il conseguimento del trattamento pensionistico ai superstiti, diventa beneficiario/a di altra pensione, perde il diritto alla pensione ai superstiti con effetto dal primo [ ... leggi tutto » ]

La pensione ai superstiti decorre dal primo giorno del mese successivo a quello del decesso del pensionato o del lavoratore con sufficienti versamenti contributivi e spetta in una quota percentuale della pensione già liquidata o che sarebbe spettata al lavoratore deceduto. Le aliquote di reversibilità sono stabilite nelle seguenti misure: coniuge solo: 60%; coniuge e un figlio: 80%; coniuge e due o più figli: 100%. Qualora abbiano diritto a pensione soltanto i figli, ovvero i genitori o i fratelli o sorelle, le aliquote di reversibilità sono le seguenti: un figlio: 70%; due figli: 80%; tre o più figli: 100%; [ ... leggi tutto » ]

20 novembre 2015 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità
Il coniuge divorziato ha diritto, alla morte dell'ex coniuge, alla pensione di reversibilità, come prevede l'articolo 9 della legge numero 898 del 1970. Per ottenere la pensione di reversibilità, è necessario che: il coniuge superstite sia titolare di un assegno divorzile; il coniuge superstite non sia passato a nuove nozze; ...
Pensione di reversibilità » Tutto ciò che devi conoscere
La pensione di reversibilità è un importo della pensione che un componente della famiglia, il beneficiario, riceve alla morte del lavoratore assicurato o che percepiva una pensione di vecchiaia, di anzianità o di inabilità. Vediamo, all'interno dell'articolo, tutti gli aspetti di questa particolare procedura. Tutto sulla pensione di reversibilità Esistono ...
Pensione indiretta - Di cosa si tratta
La pensione indiretta è una prestazione simile ma non identica alla pensione di reversibilità, dalla quale si distingue per il solo fatto che il soggetto deceduto non era ancora titolare di pensione, ma risultava un semplice lavoratore. I familiari superstiti hanno diritto alla pensione indiretta alla morte del lavoratore sempre ...
La pensione di reversibilità va ripartita fra la vedova e il coniuge divorziato
Le norme inerenti la pensione di reversibilità, si interpretano nel senso che per titolarità dell'assegno deve intendersi l'avvenuto riconoscimento di esso da parte del Tribunale. Tale riconoscimento è intervenuto, essendo in corso il giudizio per la determinazione dell'assegno alla morte del pensionato, e il Tribunale ha dichiarato il diritto del ...
Pensione di reversibilità per il figlio superstite del pensionato deceduto
In caso di morte dei pensionato, il figlio superstite ha diritto alla pensione di reversibilità, ove maggiorenne, se riconosciuto inabile al lavoro e a carico dei genitore al momento dei decesso di questi, laddove il requisito della "vivenza a carico", se non si identifica indissolubilmente con lo stato di convivenza, ...

Spunti di discussione dal forum

Separazione e pensione di reversibilità
Vorrei sapere se in caso di separazione personale tra coniugi, dopo la morte di uno dei due la pensione di reversibilità spettante al coniuge deceduto spetterà al coniuge superstite anche se separato legalmente.
Pensione di reversibilità e ripartizione fra la vedova e il coniuge divorziato
Volevo sapere quali sono le condizioni per avere la pensione di reversibilità del coniuge divorziato, tenendo conto che il coniuge si e risposato dopo il divorzio. Dopo il divorzio non ho percepito assegno di mantenimento ma se ho capito bene è possibile chiederlo anche dopo. Ho una figlia studente di…
Fattibile dal creditore il pignoramento della pensione indiretta percepita dal coniuge debitore superstite?
Da anni possiedo una piccola pensione di anzianità, da tre anni ho anche la pensione indiretta, e sono con i miei figli erede beneficiaria. Ho un debito di 20 mila euro dal 2008: nel 2013 è morto il creditore, c'è stata la sentenza ed il giudice ha dato ad un…
Coniuge defunto – Cosa devo fare per ottenere pensione di reversibilità?
Mio marito è morto a 79 anni dopo una brutta malattia: siamo stati sposati per 59 anni e lui era in pensione da 15, dopo 40 anni di lavoro e contributi versati. Io ora, disoccupata (non ho mai lavorato), sto aspettando di ottenere la pensione di reversibilità di mio marito…
Licenziamento – L’indennità di disoccupazione è compatibile con la pensione di reversibilità?
Sono una donna nata nel dicembre 1953: sono lavoratrice dipendente dal Febbraio 2003 (primo contratto nella vita lavorativa) e percepisco una pensione di reversibilità di 700 euro al mese. Purtroppo non posso andare in pensione fino al 2024, ma le mie forze mi stanno abbandonando e quindi volevo sapere due…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post il diritto dei superstiti alle pensioni di reversibilità e indiretta. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Il diritto dei superstiti alle pensioni di reversibilità e indiretta Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 20 novembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2018 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca