Dirigenti sanitari » nel passaggio al rapporto esclusivo l'indennità non è soggetta al blocco delle retribuzioni

Un dirigente sanitario della ASL ROMA C esercita, nel novembre 2010, quando ha maturato cinque anni di anzianità nel ruolo, opzione per il passaggio a rapporto esclusivo con diritto all'indennità di esclusività.

L'indennità di esclusività è una particolare voce stipendiale della dirigenza medica che retribuisce la tipologia di rapporto di lavoro esclusivo ed il suo valore economico è correlato all'esperienza professionale maturata dal personale medico nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale.

L'azienda prende atto dell'opzione esercitata, delibera conseguentemente ed il dirigente sanitario, nel gennaio 2011, passa cosi dal regime di attività extramuraria a quello di attività intramuraria.

Ora, l'indennità di esclusività, per un dirigente con esperienza professionale nel Sistema Sanitario Nazionale tra i cinque e i quindici anni, è pari ad euro 782 erogati per tredici mensilità. Ma l'ASL ROMA C, applicando la legge 122/2010 (blocco delle retribuzioni per dirigenti pubblici) ritene di poter corrispondere al dirigente sanitario il minor importo di euro 193 per tredici mensilità.

Il dirigente sanitario, assistito dall'avvocato Annarita Manna, ricorre allora al giudice del lavoro di Roma per vedersi riconosciuto il diritto a percepire l'indennità di esclusività nella misura di € 782 mensili.

Il Giudice del lavoro adito, nella persona del Dott. Umberto Buonassisi, accoglie il ricorso proposto dal dirigente sanitario osservando che la legge sul blocco delle retribuzioni, su cui si basa l'azienda per giustificare l'erogazione dell'indennità di esclusività in misura ridotta, è molto chiara allorchè precisa che nel trattamento economico ordinario complessivamente inteso, come tale soggetto a blocco, non si ricomprendono le variazioni in aumento e tra queste, puntualmente specificate, viene indicata proprio la variazione in aumento prevista per il passaggio dal regime di non esclusività a quello di esclusività

Di seguito il dispositivo della sentenza:

25 giugno 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il licenziamento del dirigente può fondarsi su esigenze di riorganizzazione aziendale
In tema di licenziamento, secondo la giurisprudenza di legittimità, la nozione di giustificatezza del licenziamento del dirigente, per la particolare configurazione del rapporto di lavoro dirigenziale, non si identifica con quella di giusta causa o giustificato motivo, potendo rilevare qualsiasi motivazione, purchè apprezzabile sul piano del diritto, idoneo a turbare ...
Trasformazione rapporto di lavoro a tempo parziale - Come si calcola l'anzianità per il trattamento pensionistico
Il lavoro a tempo parziale costituisce un tipo particolare di rapporto lavorativo caratterizzato dalla mera riduzione della normale durata temporale della prestazione. Il lavoratore a tempo parziale ha i medesimi diritti di un lavoratore a tempo pieno ed il suo trattamento economico e normativo è riproporzionato in ragione della ridotta ...
Mansioni superiori nel pubblico impiego - Il diritto ad una adeguata retribuzione può essere negato solo con l'accertamento della collusione tra dipendente e dirigente
La normativa vigente esclude che dallo svolgimento delle mansioni superiori possa conseguire l'automatica attribuzione della qualifica superiore. Quanto invece all'obbligo di corresponsione della retribuzione corrispondente alle mansioni superiori, la giurisprudenza della Corte Costituzionale ha ritenuto l'applicabilità anche nel pubblico impiego del diritto del lavoratore ad una retribuzione proporzionale alla quantità ...
Credito al consumo e inadempimento nella consegna del bene acquistato - Il cliente è tutelato anche se il rapporto fra fornitore e venditore è regolato da una convenzione non esclusiva
Per credito al consumo si intende la concessione, nell'esercizio di un'attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di una persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta (consumatore). Il quadro ...
L'agevolazione prima casa spetta al professionista che esercita, anche se in modo non prevalente, l'attività professionale nel comune ove è ubicato l'immobile acquistato in regime agevolato
L'agevolazione prima casa spetta al professionista che esercita, ancorché in modo non prevalente, l'attività professionale nel comune ove è ubicato l'immobile acquistato in regime agevolato. Questo il principio di diritto sancito dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 13416/16. ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dirigenti sanitari » nel passaggio al rapporto esclusivo l'indennità non è soggetta al blocco delle retribuzioni. Clicca qui.

Stai leggendo Dirigenti sanitari » nel passaggio al rapporto esclusivo l'indennità non è soggetta al blocco delle retribuzioni Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 25 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 27 settembre 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca