Tutto ciò che devi sapere sulla riammissione dei decaduti morosi al beneficio della dilazione delle cartelle esattoriali

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Ecco tutto ciò che il debitore deve sapere sulla riammissione dei decaduti morosi al beneficio della dilazione delle cartelle esattoriali.

Come accennato, il 21 agosto 2016 è entrata in vigore la legge 160 (conversione del decreto 113/2016) che ha integrato il dpr 603/1973 con l'articolo 13 bis.

Dunque, in base alla nuova normativa il debitore decaduto entro il 30 giugno 2016 dal beneficio della rateizzazione di una cartelle esattoriale può chiedere nuovamente, fino al 20 ottobre 2016, una dilazione delle somme non ancora versate senza avere l'obbligo di pagare integralmente le rate scadute all'atto della domanda.

Va ricordato che, a partire dal 22 ottobre 2015 è decaduto dalla rateazione il debitore che ha omesso il pagamento di cinque rate anche non consecutive (per le rateazioni concesse entro il 21 ottobre 2015 ci voleva il mancato pagamento di otto rate per decadere dal beneficio).

La nuova rateizzazione può essere concessa fino a un massimo di 72 rate mensili: chi è decaduto da una dilazione straordinaria con più di 72 rate, può ottenere al massimo lo stesso numero di rate approvate in precedenza.

Quali sono le condizioni per accedere al beneficio?

La richiesta di riammissione deve essere fatta improrogabilmente entro e non oltre il 20 ottobre 2016.

E' bene sapere che il contribuente riammesso alla rateizzazione decade in caso di mancato pagamento di due rate anche non consecutive.

Inoltre, fino alla data di effettiva presentazione della domanda di riammissione, Equitalia può attivare le procedure cautelari/esecutive per il recupero del debito.

Cosa succede dopo il 20 ottobre 2016?

Il contribuente decaduto può essere riammesso alla rateizzazione, a prescindere dalla data della decadenza, ma a condizione che le rate scadute siano integralmente pagate al momento della domanda.

Qual è il modulo per chiedere la riammissione al beneficio della rateizzazione?

Per i decaduti nuova possibilità di rateizzazione della cartella esattoriale

5 settembre 2016 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca