Difetto notifica pignoramento - il debitore ha 5 giorni per opporsi

Il debitore sottoposto ad esecuzione che sostiene di non aver avuto notizia del pignoramento a suo carico ha solo cinque giorni di tempo per far valere tale difetto di notifica attraverso l’opposizione agli atti esecutivi di cui all’articolo 617 Cpc.

Cinque giorni che decorrono da quello della comunicazione o notifica dell’atto successivo che necessariamente presuppone il pignoramento. Lo ha chiarito la Cassazione nella sentenza 22279/10 con cui ha confermato la tardività dell’opposizione all’atto di pignoramento di alcuni debitori esecutati, in quanto proposta oltre il termine di cinque giorni – previsti dall’articolo 617 Cpc – decorrenti dalla notifica della diffida a presentare il rendiconto che, invece, avevano ricevuto.

Sul punto, infatti, la Suprema corte ha ricordato che l’inosservanza di tale termine perentorio comporta l’inammissibilità dell’opposizione proposta perché tardiva. Inammissibilità che può essere rilevata d’ufficio anche in sede di legittimità.

Ma non è tutto. Per sgombrare il campo da eventuali equivoci, poi, la terza sezione civile del Palazzaccio ha sottolineato che nell’ipotesi di mancata comunicazione o notifica dell’atto nullo (quello di pignoramento, ad esempio) il termine di cinque giorni decorre dal giorno della comunicazione o notifica dell’atto successivo che necessariamente lo presuppone (come, nella specie, la notifica della diffida a presentare il rendiconto).

Per fare una domanda agli esperti vai al forum

Per approfondimenti, accedi alle sezioni tematiche del blog

30 Agosto 2013 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Opposizione all'esecuzione del debitore esecutato e del terzo pignorato - ammissibile anche oltre il termine di cinque giorni dalla notifica del precetto
In materia di esecuzione forzata, il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione e l'opposizione agli atti esecutivi si individua considerando che, con la prima, si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del titolo esecutivo ovvero – nell'esecuzione per espropriazione – della pignorabilità dei beni, mentre, con la seconda, si contesta solo la legittimità dello svolgimento dell'azione esecutiva attraverso il processo, deducendosi l'esistenza di vizi formali degli atti compiuti o dei provvedimenti adottati nel corso del processo esecutivo e di quelli preliminari all'azione esecutiva. L'opposizione a precetto con la quale il debitore ...

Opposizione all'esecuzione e opposizione agli atti esecutivi - differenze
L'opposizione all'esecuzione è volta a contestare il diritto di promuovere l'esecuzione per inesistenza, invalidità od inefficacia del titolo esecutivo e, in genere per sopravvenienza di fatti impeditivi od estintivi del diritto all'esecuzione. L'opposizione agli atti esecutivi attiene invece è volta, INVECE, a denunziare l'esistenza dei vizi formali degli atti compiuti o dei provvedimenti adottati nel corso del processo esecutivo e delle irregolarità formali di quelli preliminari all'azione esecutiva come il precetto, il titolo esecutivo e le relative notifiche. Il principio è stato enunciato dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza numero 15561/01. Inoltre, le opposizioni relative alla regolarità formale ...

Opposizione agli atti esecutivi » termine per il terzo non tenuto a comparire in udienza
In tema di opposizione agli atti esecutivi vale il principio secondo il quale il momento del compimento dell'atto dal quale decorre il termine perentorio di venti giorni per la proposizione dell'opposizione, coincide con il momento in cui l'esistenza di esso è resa palese alle parti del processo esecutivo e, quindi, con il momento in cui l'interessato ha avuto legale conoscenza dell'atto, ovvero di un atto successivo che necessariamente lo presuppone. Ora, è pur vero che le ordinanze pronunciate in udienza si ritengono conosciute dalle parti presenti e da quelle che dovevano comparirvi. Tuttavia, va ricordato che la normativa vigente non ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su difetto notifica pignoramento - il debitore ha 5 giorni per opporsi. Clicca qui.

Stai leggendo Difetto notifica pignoramento - il debitore ha 5 giorni per opporsi Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 30 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)