Dieci regole per un contratto di mutuo

Un breve "vademecum" per l'aspirante mutuario in tempi di crisi è stato proposto dal sito del Sole 24 Ore. Una breve guida in dieci punti per ridurre al minimo il margine d'errore.

1. Chiedere il mutuo in diversi istituti

E' bene chiedere il mutuo in diversi istituti, e non solo dove si ha il conto corrente. Le strategie delle banche sui mutui cambiano ogni trimestre: non è detto che un'offerta competitiva sia disponibile in ogni periodo dell'anno.

2. Cercare le offerte sia online sia allo sportello

Ci si può anche rivolgere a un mediatore creditizio qualificato, che però - è bene accertarlo - operi in assenza di conflitti di interesse. Le possibilità di risparmiare, online, sono più tangibili: c'è sì un intermediario in più (il broker online), ma è altrettanto vero che questi consente alla banca di risparmiare su altri costi. Alla fine, nella maggioranza dei casi, l'offerta online sarà più competitiva rispetto a quella che vi verrà proposta allo sportello.

3. La scelta del tasso deve essere presa in base alla personale propensione al rischio

Tasso fisso per i più ansiosi, insomma, ma solo nel caso in cui questo sia competitivo (e non troppo distante dal tasso della Bce). Tasso variabile (spesso più conveniente e soprattutto nei primi anni) per chi ha una maggiore propensione al rischio.

4. Il tasso variabile è più conveniente nel medio termine

Per effetto della crisi, i tassi di interesse europei e gli Euribor (quelli relativi ai mutui variabili) sono ai minimi di tutti i tempi, vicini a quota zero: il variabile, oggi, in partenza costa circa il 2-2,5% in meno rispetto al fisso.

5. Il mutuo deve essere considerato come una sorta di investimento attivo

Bisogna sempre essere pronti a rivederlo nel corso del tempo, rinegoziandolo oppure surrogandolo (con un altro istituto). Le condizioni potrebbero cambiare nel corso del tempo: bisogna essere mentalmente attivi per non farsi sfuggire le migliori occasioni per poter rimodulare la stipula.

6. Al momento della sottoscrizione del prestito fare grande attenzione ai costi

Non c'è solo lo spread. Considerare e ponderare le spese di perizia, quelle di incasso della rata e altri costi meno visibili. Il confronto tra le offerte, dunque, va effettuato solamente sulla baese del Taeg, il Tasso annuo effettivo globale, che è contenuto nel modello Esis.

7. Fare grande attenzione alle polizze assicurative

Le polizze Cpi (Credit protection insurance) e a quelle sulla vita proposte dalle banche per coprire le rate in caso di impossibilità a pagarle. In diversi casi, questi prodotti sono la prima fonte di guadagno per gli intermediari che offrono il mutuo: il costo del premio unico può essere più elevato rispetto alle stesse polizze sottoscritte all'esterno da compagnie assicurative. E' bene spendere del tempo per confrontare le diverse opzioni.

8. La data di stipula e quella di avvio dell'ammortamento devono essere ravvicinate

Fare grande attenzione alla data di stipula: è quello il momento in cui effettivamente la banca presta i soldi. Da quel giorno, inizia il pagamento degli interessi che deve pagare il beneficiario del prestito. Cercate di porre la data di stipula il più vicino possibile a quella dell'avvio del piano di ammortamento, e quindi del pagamento della prima rata: nel periodo che va dalla stipula al pagamento della prima rata si pagano (a vuoto) gli interessi di pre-ammortamento.

9. Il valore dell'ipoteca

Fate attenzione al valore dell'ipoteca: diverse banche iscrivono un'ipoteca pari al 200% del valore dell'immobile, altre al 150 per cento. La differenza è significativa poiché la parcella notarile viene calcolata non sul prestito, ma sul valore ipotecato.

10. Contrattare spread e spese accessorie

Dovete contrattare le condizioni con l'intermediario che offre il mutuo: i contratti non sono rigidissimi, e consentono spesso margini di contrattazione sia sullo spread sia sulle spese accessorie.

26 dicembre 2012 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo casa » il decalogo
Il mutuo casa è un finanziamento a medio/lungo termine, (in genere da 5 a 30 anni) erogato da un istituto di credito e concesso per acquistare o ristrutturare un immobile (anche in costruzione), e che prevede l'assunzione dell'impegno da parte del debitore alla restituzione dello stesso con il pagamento periodico ...
Stipula del mutuo » Fare attenzione alle clausole vessatorie
Le clausole vessatorie sono quelle condizioni che all'interno di un contratto di tra un professionista e un consumatore determinano uno squilibrio significativo a danno di quest’ultimo e delle quali si può far valere la nullità. Lo stesso vale anche nel caso dei contratti di mutuo, in cui ci sono una ...
Clausole vessatorie su mutuo e conto corrente
Il testo coordinato del decreto legge 24 gennaio 2012, numero 1 Articolo 28 1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 183 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, numero 209, e dalle relative disposizioni e delibera dell'ISVAP di attuazione in materia di interesse degli intermediari ...
Polizza assicurativa associata al mutuo garantito da ipoteca - Deve essere rapportata al costo di ricostruzione e non al valore commerciale dell'immobile
Com'è noto, contestualmente alla stipula del contratto di mutuo garantito da ipoteca, al mutuatario viene fatta sottoscrivere un'assicurazione, di cui la banca risulta beneficiaria, a copertura del rischio legato a taluni eventi che impediscano la restituzione o il recupero delle somme erogate. L'importo necessario per la copertura assicurativa, tuttavia, deve ...
Il tasso di interesse del mutuo
Il tasso degli interessi e la durata sono senz'altro gli elementi principali da tener presenti nella valutazione di un mutuo. Il tasso degli interessi può essere fisso, quando è convenuto nella stessa misura per tutta la durata del mutuo, oppure variabile, quando è determinato con riferimento a parametri mutevoli che ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dieci regole per un contratto di mutuo. Clicca qui.

Stai leggendo Dieci regole per un contratto di mutuo Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 26 dicembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria decisioni Arbitro Bancario Finanziario in tema di clausole vessatorie portabilità violazione dovere buona fede contrattuale risarcimento Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca