Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE - Il patrimonio mobiliare

Il patrimonio mobiliare è composto dalle voci di seguito indicate, anche detenute all'estero, possedute alla data del 31 dicembre dell'anno precedente a quello di presentazione della DSU. Fatto salvo quanto diversamente disposto con riferimento a singole componenti:

  1. depositi e conti correnti bancari e postali, per i quali va assunto il valore del saldo contabile attivo, al lordo degli interessi, al 31 dicembre dell'anno precedente a quello di presentazione della DSU, ovvero, se superiore, il valore della consistenza media annua riferita al medesimo anno. Qualora nell'anno precedente si sia proceduto all'acquisto di componenti del patrimonio immobiliare, ovvero a variazioni ad incremento di altre componenti del patrimonio mobiliare, per un ammontare superiore alla differenza tra il valore della consistenza media annua e del saldo al 31 dicembre, può essere assunto il valore del saldo contabile attivo al 31 dicembre dell'anno precedente, anche se inferiore alla consistenza media; ai soli fini di successivi controlli, nella DSU il valore della consistenza media annua va comunque indicato.
  2. titoli di Stato ed equiparati, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi ed assimilati, per i quali va assunto il valore nominale delle consistenze alla data del 31 dicembre dell'anno precedente a quello di presentazione della DSU.
  3. azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio (O.I.C.R.) italiani o esteri, per le quali va assunto il valore risultante dall'ultimo prospetto redatto dalla società di gestione alla data di cui alla lettera b).
  4. partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate in mercati regolamentati, per le quali va assunto il valore rilevato alla data di cui alla lettera b), ovvero, in mancanza, nel giorno antecedente più prossimo;
  5. partecipazioni azionarie in società non quotate in mercati regolamentati e partecipazioni in società non azionarie, per le quali va assunto il valore della frazione del patrimonio netto, determinato sulla base delle risultanze dell'ultimo bilancio approvato anteriormente alla data di presentazione della DSU, ovvero, in caso di esonero dall'obbligo di redazione del bilancio, determinato dalla somma delle rimanenze finali e dal costo complessivo dei beni ammortizzabili, al netto dei relativi ammortamenti, nonché degli altri cespiti o beni patrimoniali;
  6. masse patrimoniali, costituite da somme di denaro o beni non relativi all'impresa, affidate in gestione ad un soggetto abilitato ai sensi del decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415, per le quali va assunto il valore delle consistenze risultanti dall'ultimo rendiconto predisposto, secondo i criteri stabiliti dai regolamenti emanati dalla Commissione nazionale per le società e la borsa, dal gestore del patrimonio anteriormente alla data di cui alla lettera b).
  7. altri strumenti e rapporti finanziari per i quali va assunto il valore corrente alla data di cui alla lettera b), nonché contratti di assicurazione a capitalizzazione o mista sulla vita e di capitalizzazione per i quali va assunto l'importo dei premi complessivamente versati a tale ultima data, al netto degli eventuali riscatti, ivi comprese le polizze a premio unico anticipato per tutta la durata del contratto per le quali va assunto l'importo del premio versato; sono esclusi i contratti di assicurazione mista sulla vita per i quali alla medesima data non è esercitabile il diritto di riscatto.
  8. il valore del patrimonio netto per le imprese individuali in contabilità ordinaria, ovvero il valore delle rimanenze finali e del costo dei beni ammortizzabili per le imprese individuali in contabilità semplificata, determinato con le stesse modalità indicate alla lettera e).

Gli importi devono essere tutti arrotondati all'unità di euro, per eccesso se la frazione decimale è uguale o superiore a cinquanta centesimi di euro o per difetto se inferiore a detto limite. Ad esempio, 65,49 diventa 65; 65,50 diventa 66; 65,51 diventa 66.

Potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite ed effettuati da parte della Agenzia delle Entrate
presso gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari che gestiscono il patrimonio mobiliare,

1. Cos'è e a cosa serve la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ISEE
2. I modelli da utilizzare per la presentazione della Dichiarazione sostitutiva Unica (DSU) ISEE
3. Gli ISEE specifici - ISEE per l'Università o ISEEU
4. Gli ISEE specifici - ISEE per le prestazioni socio-sanitarie
5. Gli ISEE specifici - ISEE per anziani ricoverati presso le residenze socio-sanitarie assistenziali
6. Gli ISEE specifici - ISEE per minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi
7. Gli ISEE specifici - ISEE corrente
8. La verifica della Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE e l'attestato rilasciato dall'INPS
9. Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE - La composizione del nucleo familiare
10. Composizione del nucleo familiare ISEE - Coniuge non convivente con residenza diversa dal dichiarante
11. Composizione del nucleo familiare ISEE - Figli minorenni e minori affidati
12. Composizione del nucleo familiare ISEE - Figli maggiorenni non conviventi
13. Composizione del nucleo familiare ISEE - Convivenza anagrafica (componenti in caserma, istituti di cura o di detenzione)
14. Composizione del nucleo familiare ISEE - Nucleo familiare con almeno tre figli
15. Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE - La casa di abitazione
16. Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE - Il patrimonio mobiliare
17. Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE - Il conto corrente e il calcolo della giacenza media
18. Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE - Il patrimonio immobiliare
19. Dichiarazione Sostitutiva Unica - Redditi e trattamenti da dichiarare ai fini ISEE
20. Dichiarazione Sostitutiva Unica - Redditi e trattamenti da non dichiarare ai fini ISEE
21. Dichiarazione Sostitutiva Unica - Assegni periodici per coniugi e figli
22. Dichiarazione Sostitutiva Unica - Autoveicoli e motoveicoli
» Vai alla visualizzazione integrale dell'articolo (pagina singola)
» Vai all'indice delle sezioni dell'articolo
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Anonimo 3 febbraio 2018 at 21:02

    Salve,
    ho presentato dichiarazione isee sul sito inps e ad oggi tale dichiarazione risulta completa ed attestata ma non mi dà possibilità di stamparla né di visualizzarla ma solo di contestarla, rettificarla o creare isee corrente. Come mai?
    Grazie

    • Simone di Saintjust 3 febbraio 2018 at 22:34

      La procedura prevede, innanzitutto, l’accesso in consultazione effettuando una ricerca per il proprio codice fiscale (campo già impostato e non modificabile) oppure indicando anche il protocollo Inps. Si ottiene così una lista in cui vengono elencate tutte le DSU sottoscritte, attestate e le componenti aggiuntive in corso di validità. E’ possibile scaricare in formato pdf la documentazione elaborata mediante selezione delle icone presenti in elenco per ogni dichiarazione nella sezione stampe.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?