Dichiarazione dei redditi – presentazione in ritardo

Se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a novanta giorni, la violazione può essere regolarizzata eseguendo spontaneamente, entro lo stesso termine, il pagamento di una sanzione di 32 euro, pari ad 1/8 di 258 euro, ferma restando l'applicazione delle sanzioni relative alle eventuali violazioni riguardanti il pagamento dei tributi, qualora non regolarizzate secondo le modalità illustrate precedentemente.

Un esempio pratico

Supponiamo che un contribuente abbia dimenticato di presentare alla scadenza del 31 luglio la dichiarazione dei redditi (Modello Unico) dalla quale non risultano imposte da versare.

Attraverso il ravvedimento operoso egli potrà presentare la dichiarazione nei 90 giorni successivi alla scadenza pagando la sanzione di 32 euro.

Compilazione della Sezione interessata del modello F24

compilazione-f241

Per la tardiva od omessa trasmissione delle dichiarazioni da parte dei soggetti abilitati all'invio telematico è prevista la sanzione da 516 a 5.164 euro.

La sanzione può non essere applicata nel caso in cui le dichiarazioni, tempestivamente trasmesse e scartate, vengano ritrasmesse correttamente non oltre 5 giorni dalla data di restituzione delle ricevute che segnalano il motivo dello scarto.

La violazione per tardiva od omessa trasmissione telematica delle dichiarazioni non è sanabile, poiché per essa è prevista una sanzione amministrativa e non tributaria.

Per fare una domanda su cosa è possibile fare per rimdiare  ad una presentazione della dichiarazione dei redditi effettuata in ritardo,  sul contenzioso tributario, su fisco e tasse in genere, sulle cartelle esattoriali clicca qui.

16 giugno 2008 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione dei redditi con modello Unico - come correggerla dopo la presentazione
I contribuenti che, presentato il modello Unico, si accorgono di non aver dichiarato dei redditi o di non aver riportato delle spese detraibili o deducibili, possono presentare, entro la scadenza ordinaria, un modello "rettificativo" di quello consegnato o spedito. Sul modello deve essere barrata la casella "Correttiva nei termini". Se ...
Dichiarazione dei redditi – errori o omissioni
Gli errori o le omissioni relativi alle dichiarazioni dei redditi validamente presentate (comprese quelle presentate con ritardo non superiore a novanta giorni) possono essere regolarizzati presentando una dichiarazione integrativa entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione dell'anno successivo. Entro lo stesso termine deve essere eseguito il pagamento del ...
Dichiarazione dei redditi - attività di controllo
L'attività di controllo sulle dichiarazioni dei redditi dei contribuenti è finalizzata alla verifica dei dati indicati dagli stessi nelle dichiarazioni fiscali presentate. Il controllo sulle dichiarazioni presentate è di due tipi: un controllo automatico effettuato su tutte le dichiarazioni dei redditi presentate che consiste in una procedura automatizzata di liquidazione ...
Dichiarazione dei redditi – violazioni di natura formale
Quando si parla di violazioni formali rilevate nella dichiarazione dei redditi a seguito di verifiche e controlli effettuati dall'ADE, bisogna distinguere tra le due seguenti fattispecie: violazioni formali che non hanno conseguenze sostanziali e cioè non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell'imposta e sul versamento del tributo; violazioni “meramente ...
Dichiarazione dei redditi con modello 730 - come correggerla dopo la presentazione
Chi ha utilizzato il modello 730 per dichiarare i propri redditi deve controllare attentamente il prospetto di liquidazione delle imposte (modello 730/3) ricevuto dal sostituto d'imposta (datore di lavoro o ente previdenziale) o dall'intermediario (Caf, professionista), allo scopo di verificare che non ci siano errori di compilazione o di calcolo. ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dichiarazione dei redditi – presentazione in ritardo. Clicca qui.

Stai leggendo Dichiarazione dei redditi – presentazione in ritardo Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 16 giugno 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 5 aprile 2018 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • mario 69 1 dicembre 2009 at 12:48

    Buongiorno, sono un lavoratore frontaliere. Avendo l’unico reddito tassato alla fonte, non ho mai presentato la denuncia dei redditi. Ora con la cir4colare 48/E posso sanare la situazione al 31/12/08 per la mancata compilazione del modello RW.
    In tale sanatoria rientra anche il secondo pilastro?
    L’importo di 26 € comprende anche la sanzione per ritardata dichiarazione?
    Grazie

    • c0cc0bill 1 dicembre 2009 at 13:44

      Non ci occupiamo di scudo fiscale o con quanto ad esso, direttamente o indirettamente, si riconduce.

      Mi spiace.

  • jorge 1 giugno 2009 at 22:38

    io no ho pagato mai il redditi del 2007 adesso siamo nel 2009 quanto è la mora per messi grazie?

    • weblog admin 2 giugno 2009 at 06:51

      Jorge non credo che lei debba preoccuparsi degli interessi di mora. Per omissione della presentazione della dichiarazione dei redditi c’è innanzitutto una sanzione pecuniaria rapportata alle tasse dovute e non pagate.

  • consulente fiscale 4 settembre 2008 at 17:53

    Catania 03/09/2008
    Sono un Ragioniere iscritto all’albo dei commercialisti di Catania, ho dimenticato per l’anno 2006 unico 2007 di trasmettere a dichiarazione dei redditi di una snc, premetto che c’erano delle imposte da pagare e che ad oggi non ho ancora ricevuto ne io ne la società nessuna comunicazione da parte dell’agenzia delle entrate di questa omissione,
    chiedo
    cortesemente se sapreste dirmi come posso fare per sanare questa mia omissione, quale è l’importo della sanzione e il codice tributo
    Grazie, saluti
    Francesco Pagliaro

    Ciao Francesco,ti dico che o vai a parlare con gli uffici in modo tale da risolvere subito la questione oppure aspetti l’avviso di accertamento (in caso di omissione della dichiarazione sono 5 anni successivi all’anno di trasmissione).Per l’aspetto sanzionatorio:si va dal 120% al 240% delle imposte dovute con un minimo di € 258,00.Ci sarà poi,una sanzione anche a tuo carico,in qualità di intermediario,visto che avevi assunto (nei termini) l’impegno alla trasmissione.Ti segnalo,in merito,la circolare 11/E del 19.02.2008 dell’agenzia delle entrate.

  • consulentefiscale 3 settembre 2008 at 12:04

    vorrei sapere quanto è la percentuale della mora che devo pagare dato che non l’ho fatto entro il termine prestabilito, oltre alle 32 euro

    Ciao Sara,ti dico che per il 2007 sei ancora in tempo per presentare la dichiarazione dei redditi (mod.unico 2008)…la scadenza è stata fissata/spostata al 30.09.2008.Quindi,l’eventuale mora (6% + gli interessi legali al 3%) che devi pagare riguarderebbe solo le tasse e non la tardività della dichiarazione.

  • karalis 2 luglio 2008 at 18:53

    Mi riferisco alla compilazione del modello f24 in relazione al pagamento di 32 Euro come sanzione per ritardata presentazione della denuncia dei reditti, entro ovviamente 90 giorni.
    Ad esempio, quest’anno la scadenza per la presentazione dell’unico (standard) era al 30 giugno, io ho presentato presso l’ufficio postale la mia dichiarazione il 2 luglio.
    Per la compilazione del modello f24, nella sezione erario -codice tributo 8911 “l’anno di riferimento” è quello del periodo d’imposta? Il 2007? O no?
    Grazie

    Certamente. E’ il 2007.

  • karalis 2 luglio 2008 at 17:59

    Ma per anno di riferimento si intende quello del periodo imposta?
    Grazie

    Nell’articolo in cui hai accodato il commento, non riesco a trovare il termine “anno di riferimento” e quindi a ricostruire il contesto a cui tale termine si riferisce.

    Pertanto non posso rispondere alla domanda.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca