Detrazioni per interessi passivi su mutui in caso di cambio, portabilità e ricontrattazione

Se l'originario contratto di mutuo per l'acquisto della abitazione principale viene estinto e ne viene stipulato uno nuovo, anche con una banca diversa, compresa l'ipotesi di surrogazione per volontà del debitore, prevista dall'articolo 8 del decreto legge numero 7 del 31/01/2007, non si tiene conto del periodo intercorrente tra la data di acquisto e quella del mutuo, .

In tale ipotesi, come pure in caso di rinegoziazione del mutuo (vedere paragrafo seguente "Detrazioni in seguito a rinegoziazione del contratto di mutuo") il diritto alla detrazione compete per un importo non superiore a quello che risulterebbe con riferimento alla quota residua di capitale del vecchio mutuo maggiorata delle spese ed oneri accessori correlati con l'estinzione del vecchio mutuo e l'accensione del nuovo.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • utente 27 luglio 2012 at 10:14

    Io e mia moglie abbiamo contratto un mutuo ipotecario per la costruzione di prima casa nel 2008. Il mutuo è cointestato, mentre la casa è intestata solo a mia moglie. Per il calcolo del recupero del 19% degli interessi passivi, nella dichiarazione dei redditi, può mia moglie ascrivere il 100% della deducibillità o deve indicare solo il 50 per cento? Preciso che gli interessi passivi sono più che doppi rispetto al tetto detraibile. Se il calcolo viene effettuato sul 50% del mutuo, essendo cointestatari, di fatto a mia moglie spetta il 50% di interessi passivi, cifra che eccede il tetto. È corretta la mia interpretazione?

    • Carla Benvenuto 28 luglio 2012 at 10:16

      In caso di cointestazione del mutuo contratto per la costruzione dell’abitazione principale, la detrazione deve essere ripartita fra i mutuatari in proporzione alla propria quota (comma 4,articolo 1 del Dm 311/1999), fermo restando il limite complessivo di 2.582,28 euro, previsto dal comma 1-ter dell’articolo 15 del Tuir. Pertanto, la moglie, unica proprietaria dell’unità abitativa e intestataria al 50% del mutuo ipotecario, potrà beneficiare della detrazione degli interessi passivi calcolata, in misura pari a quest’ultima percentuale, sull’importo citato, a nulla rilevando che l’altro mutuatario non abbia diritto a conseguire la detrazione sulla quota di interessi di sua spettanza, e neppure che l’insieme degli interessi passivi sia di entità superiore al limite di legge.

  • vicentini jean pol 30 marzo 2010 at 19:43

    Volevo sapere se mia moglie con un reddito inferiore a 7000.00 euro può scaricare la sua quota di interessi sul mutuo per aquisto prima casa.grazie.

    • cocco bill 31 marzo 2010 at 06:23

      Può farlo senz’altro. Se va male non riuscirà a scaricare tutto il 19% della quota di interessi passivi, per incapienza.

      Cioè l’imposta al lordo delle detrazioni sarà minore delle detrazioni stesse.

  • Elisa 8 febbraio 2010 at 11:46

    Salve,
    Vorrei acquistare un fabbricato per mio figlio e intestarlo a lui.
    L’intestataria del mutuo invece sarei io.
    Dato che mio figlio non ha reddito, posso detrarre gli interessi passivi?
    E se invece della proprieta’ per intero gli lasciassi solo la nuda proprieta’ mantenendo io l’usufrutto potrei detrarli?
    Grazie mille!

    • cocco bill 8 febbraio 2010 at 11:50

      Suo figlio non può detrarre gli interessi passivi, non avendo imposte da pagare. Aver diritto ad una detrazione Y significa dover pagare X – Y, se X è l’imposta che sono chiamato a pagare.

      Comunque, le detrazioni degli interessi passivi dei mutui sono fruiti dall’intestatario del mutuo che deve anche essere comproprietario dell’immobile destinato ad abitazione principale.

  • anna 24 gennaio 2010 at 14:35

    DETRAZIONI SPESE SANITARIE
    Salve, vorrei sapere se la spesa per il certificato di rinnovo patente è una spesa detraibile, naturalmente debitamente documentata.
    Grazie

  • roberto nicoleta 24 gennaio 2010 at 12:44

    salve.ho fatto un mutuo in cui vi e’ abolizione di prestiti , abolizione di 1 vecchio mutuo il quale sostituiva 2 mutui, 1 per acquisto 1 casa e il 2 per acquisto 2 casa.ho diritto al detraz. del 19%.grazie

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca