Gli oneri accessori del mutuo sono fiscalmente detraibili

Tra gli oneri accessori sono compresi anche le commissioni per l'attività di intermediazione che spettano all'ente erogante, gli oneri fiscali (inclusa l'imposta per l'iscrizione o la cancellazione dell'ipoteca), le spese notarili, di istruttoria e di perizia.

Le spese notarili comprendono l'onorario del notaio per la stipula del contratto di mutuo e le spese sostenute dallo stesso per conto del cliente (per iscrizione o cancellazione ipoteca).

L'importo massimo (comprensivo di oneri accessori) su cui calcolare la detrazione del 19% è di 3.615 Euro, pertanto la detrazione non può mai essere superiore a 687 Euro.
Ad esempio, se nell'anno si pagano interessi passivi per 4.380 Euro, la riduzione d'imposta sarà comunque di 687 euro, cioè il 19% di 3.615 Euro. L'immobile dovrà essere adibito dd abitazione principale.

Nel caso di acquisto di un immobile affittato, per essere considerato prima casa deve essere stato notificato all'affittuario, entro tre mesi all'acquisto, l'atto d'intimazione di licenza o di sfratto e, entro un anno dalla liberazione, ‘immobile dovrà essere adibito ad abitazione principale. L'acquisto deve essere avvenuto nell'anno antecedente o successivo alla data di stipula del mutuo.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli oneri accessori del mutuo sono fiscalmente detraibili. Clicca qui.

Stai leggendo Gli oneri accessori del mutuo sono fiscalmente detraibili Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 21 gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 22 novembre 2018 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Annapaola Ferri 30 aprile 2012 at 11:18

    Il 31 maggio 2012 è la scadenza ultima per presentare presso un Caf o un intermediario qualificato (commercialista o consulenti del lavoro) la dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2011. Tra le varie detrazioni di cui i cittadini possono usufruire c’è n’è una che riguarda da vicino i mutuatari: si tratta della detrazione del 19% degli interessi passivi per i mutui destinati all’acquisto della prima casa.

    Per poter usufruire di questa detrazione è però necessario che l’immobile sia utilizzato come dimora abituale, cioè è possibile effettuare la richiesta solo se si tratta di una prima casa. Inoltre il contratto di mutuo deve essere garantito da ipoteca su immobili e dev’essere stipulato nei dodici mesi antecedenti o successivi all’acquisto dell’immobile.

    L’ammontare dell’importo sul quale può essere calcolata la detrazione non dev’essere superiore ai 4.000 euro (per un rimborso massimo di 760 euro) e all’interno della detrazione sono compresi, oltre agli interessi passivi, anche gli oneri accessori (come, ade esempio, le spese notarili, le spese d’iscrizione d’ipoteca e gli oneri fiscali). Inoltre, in caso di mutuo cointestato, la detrazione è unica e va suddivisa per il numero dei cointestatari del mutuo.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca