Dichiarazione dei redditi - Detraibilità delle spese sostenute per prestazioni chirurgiche, analisi cliniche, indagini radioscopiche e prestazioni specialistiche

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Può essere portato in detrazione il 19 per cento delle spese sostenute per prestazioni chirurgiche, analisi cliniche, indagini radioscopiche, prestazioni specialistiche ed altre spese sanitarie. Più in dettaglio, ecco a seguire, l'elenco delle prestazioni il cui costo è possibile portare in detrazione nella dichiarazione dei redditi:

  •  prestazioni chirurgiche;
  •  analisi, indagini radioscopiche, ricerche e applicazioni;
  •  prestazioni specialistiche;
  •  acquisto o affitto di protesi sanitarie;
  •  prestazioni rese da un medico generico (comprese le prestazioni rese per visite e cure di medicina omeopatica);
  •  ricoveri collegati a una operazione chirurgica o a degenze. In caso di ricovero di un anziano in un istituto di assistenza e ricovero, la detrazione non spetta per le spese relative alla retta di ricovero e di assistenza, ma solo per le spese mediche che devono essere separatamente indicate nella documentazione rilasciata dall'Istituto;
  •  acquisto di medicinali;
  •  spese relative all'acquisto o all'affitto di dispositivi medici (ad esempio apparecchio per aerosol o per la misurazione della pressione sanguigna) purché dallo scontrino o dalla fattura risulti il soggetto che sostiene la spesa e la descrizione del dispositivo medico che deve essere contrassegnato dalla marcatura CE (circolare dell'Agenzia delle Entrate numero 20/E del 13/05/2011);
  •  spese relative al trapianto di organi;
  •  importi dei ticket pagati, se le spese sopraelencate sono state sostenute nell'ambito del Servizio sanitario nazionale.

È possibile fruire della detrazione d'imposta del 19 per cento anche per le spese di assistenza specifica sostenute per:

  •  assistenza infermieristica e riabilitativa (per es. fisioterapia, kinesiterapia, laserterapia ecc.);
  •  prestazioni rese da personale in possesso della qualifica professionale di addetto all'assistenza di base o di operatore tecnico assistenziale esclusivamente dedicato all'assistenza diretta della persona;
  •  prestazioni rese da personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo;
  •  prestazioni rese da personale con la qualifica di educatore professionale;
  • prestazioni rese da personale qualificato addetto ad attività di animazione e/o di terapia occupazionale
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca