Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi con il modello UNICO Persone fisiche

Devono presentare il Modello UNICO Persone fisiche 2014 e non possono utilizzare il Modello 730, i contribuenti che si trovano in una delle seguenti situazioni:

  •  nel 2013 hanno posseduto:
    • redditi d'impresa, anche in forma di partecipazione;
    • redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita IVA;
    • redditi "diversi" non compresi tra quelli che possono essere dichiarati con il modello 730;
    • plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate o derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in società residenti in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati;
    • redditi provenienti da "trust", in qualità di beneficiario;
  •  nel 2013 e/o nel 2014 non sono residenti in Italia;
  • devono presentare anche una delle dichiarazioni: IVA, IRAP, sostituti d'imposta modello 770 ordinario e semplificato;
  •  devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti;
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • ignazio 26 aprile 2013 at 12:14

    ipoteca di 39 mila euro messa a me e quota di mia moglie per 1 dichiaraz. congiunta del 95 mentre i debiti miei con equitalia comprese interessi e tutto 110 mila euro,quindi alla luce di tutto come si dovrebbe muovere mio nipote per non aver guai? e anche se alla fine il debito resta a me a vita con equitalia non fa niente importante per me è salvare la casa e non metter nei guai a mio nipote

    • Ornella De Bellis 26 aprile 2013 at 12:44

      Ignazio, chiariamo una cosa, tanto è inutile girarci intorno. Il debito non può restare a lei in condizioni da nullatenente, vita natural durante. Capisco che questa sarebbe la soluzione da lei auspicata, ma le cose non funzionano così. La quota di sua proprietà dell’immobile sarà espropriata per ripianare il debito. Se non basterà a rimborsare i 110 mila euro che deve all’erario, verrà espropriata anche la quota di sua moglie. Questo, indipendentemente da chi sia l’acquirente, un terzo o suo nipote. Bisogna farsene una ragione.

      Suo nipote non corre rischi, se non quello di pagare qualcosina in più acquistando la quota della zia, non in sede di asta. Ma si sa, per affetto si fa questo ed altro. Quando suo nipote acquisterà il bene, dovrà innanzitutto versare i soldi ad Equitalia. Altrimenti l’ipoteca continuerà a gravare sull’immobile e, nel giro di qualche tempo, anche suo nipote si ritroverebbe senza casa e, in più, senza i soldini versati alla zia.

      E con questo, ritengo chiuso l’argomento. Altri commenti sulla medesima questione verranno cestinati.

  • ignazio 25 aprile 2013 at 22:25

    quindi se ho kapito bene, se mio nipote acquista subito prima dell’asta la parte di mia moglie deve pagar ad equitalia la somma per cui è messa l’ipoteca cosi facendo si libera anke la mia ipoteca ke è messa all’asta dato ke è la stessa? e cmq se mio nipote la kompra a un prezzo superiore la parte eccedenza va a mia moglie e mio nipote compra metà casa libera da ipoteche….mentre se compra prima la mia parte all’asta se la somma supera anche di1000 euro l’ipoteca questa ipoteca verrà cancellata perchè mio nipote acquista all’asta e quindi lui è tranquillo ma io visto che all’asta non si è arrivato a saldar tutto il debito sarò sempre sotto ochhio di equitalia? magari togliendomi la pensione? emia moglie avrebbe problemi a vendere la sua quota dopo che all’asta mio nipote acquisterebbe ad un prezzo soddisfacente per quel che riguarda la somma dell’ipoteca ma non soddisfacente invece per quanto riguarda il totale miei debiti,,,,non è che non toglierebbero l’ipoteca della sua quota come garanzia? o come dovrebbe esser acquistando all’asta ad un prezzo che compra l’ipoteca si estingua tutta anche la parte di mia moglie visto che è la stessa ipoteca per Il debito congiunto che come dice lei non dovrà esser corrisposto per 2 volte,infine cosa consiglia per non metter nei guai mio nipote ? prima far acquistar all’asta o prima acquistar laquota di mia moglie pagando equitalia la somma dell’ipoteca?

    • Ornella De Bellis 26 aprile 2013 at 05:18

      Indipendentemente dal valore dell’ipoteca, che di solito è molto superiore all’ammontare del credito garantito, suo nipote dovrebbe capire a quanto ammonta il debito complessivo che Equitalia ha avuto mandato di escutere. Comprensivo di interessi e sanzioni.

  • ignazio 23 aprile 2013 at 23:41

    perchè dice A parte tutto il resto? e perchè anche mia moglie è perseguita dal fisco? visto che lei si è trovato nel mezzo per una sola dichiarazione dei redditi congiunta del 95 poi per il resto mica è indebitata? ha solo quell’ipoteca che equitalia ha iscritto anche nella sua quota perchè è una dichiarazione congiunta cioè se paga 1 viene cancellata all’altro mika dobbiamo pagar 2 volte la somma per la ipoteca? e poi se mio nipote acqista prima la parte di mia moglie deve per forza pagar nel momento di acquisto della quota di mia moglie oppure potrà aspettar che faccia l’acquisto all’asta xkè sò che acquistando all’asta uno acquista il bene pulito cioè senza ipoteche, cosi facendo se tolgono le ipoteche per l’acquisto all’asta della mia quota dovrebbero cancellar l’ipoteca anche della quota di mia moglie visto che l’ipoteca lo hanno messo ad entrambi x lastessa cartella esattoriale,almeno cosi mi hanno detto …visto che è una stessa cartella ma che vincola entrambi se si libera uno contemporaneamente si libera l’altra persona,cosi facendo mio nipote risparmierebbe del denaro visto che all’asta comprerebbe per unacifra inferior al mio debito ripeto mio e nn anche di mia moglie…..lei si ritrova con quella ipoteca e debito solo per quel 95 ma con la vendita all’asa l’ipoteca verrebbe cancellata e quindi anche il suo debito presumo.cmq posso andar dal notaio e far acquista a mio nipote la quota di mia moglie? rischia qualcosa’? oppure rischia di pagar l’ipoteca messa a mia moglie?no perchè mi hanno detto pure che siccome io ho un debito elevato con equitalia e magari la vendita all’asta non copra tutto il debito allora lo stato cancellerebbe l’ipoteca acquistata all’asta ma non cancellerebbe l’ipoteca della quota di mia moglie che nel frattempo avevo venduto a mio nipote nonostante ripeto l’ipoteca è stata iscritta per una dichiarazione congiunta vale a dir uno implica l’altro,qualora non togliessero l’ipoteca dalla quota di mia moglie ,mio nipote si troverebbe obbligato a pagar l’ipoteca oppure a pagar tutti i debiti che ho io marito? questo passaggio non lo kapisco perchèè se dovrebbe pagar tutto il resto mio nipote(debito mio es 100 e compravendita asta 60) il restante 40 lo dovrebbe pagar lui che ha acquistato anche la quota di mia moglie oppure lui non avrebbe problemi,se kosi fosse domani andrei dal notaio e venderei quota mia moglie a mio nipote aspettando la data dell’asta dopo….

    • Ornella De Bellis 24 aprile 2013 at 03:10

      L’ipoteca è iscritta a garanzia di un credito. Se suo nipote acquista la quota della zia prima della vendita all’asta, si dovrà versare ad Equitalia, contestualmente al perfezionamento della compravendita, l’intero importo del debito congiunto. Ne consegue che il ricavato della successiva vendita all’asta andrà a lei, Ignazio.

      Se, invece, suo nipote acquista la quota della zia dopo la vendita all’asta dell’immobile, si dovrà versare ad Equitalia solo l’eventuale differenza fra l’importo del debito congiunto ed il ricavato della vendita all’asta (qualora il secondo sia inferiore al primo).

      Il debito congiunto non dovrà esser corrisposto due volte. Su questo siamo d’accordo.

  • ignazio 23 aprile 2013 at 13:16

    non sò come ma equitalia ha messo all’asta metà del bene e siccome mio nipote è interessato all’acquisto prima della quota di mia moglie(dove vi è 1 ipoteca per una dichiarazione congiunta del 95,che come dicevo è uguale all’ipoteca messa in relativo anche alla mia quota visto che io non ho pagato e pertanto mia moglie si è visto ipotecata anche la sua quota solo perchè nel 1995 ho fatto 1 dichiarazione redditi congiunta,poi per gli altri anni lei ha fatto la sua dichiarazione ed io la mia…ah premetto che siamo sempre stati in regime di divisione dei beni) dopo di che mio nipote vuole acquistar all’asta l’altra metà di quota visto che il prezzo è buono e sopratutto è minore al debito che io ho con lo stato,pertanto lui comprerebbe ad un prezzo buono e il bene beneomale resta in famiglia. ma la cosa che preoccupa mio nipote è se acquista ora la parte di mia moglie rischia di doversi accollare tutti i debiti qualora all’asta acquista l’altra metà ad un prezzo buono ma che non farebbe estinguere il mio debito con equitalia, inoltre visto che compra all’asta l’ipoteca verrebbe cancellata?anche quella della quota di mia moglie visto che hanno messo un ipoteca che è la stessa messa alla mia quota per quella dichiarazione congiunta dove uno implica l’altro a pagar

    • Ornella De Bellis 23 aprile 2013 at 14:03

      A parte tutto il resto, se suo nipote acquista la metà del bene di proprietà di sua moglie, egli dovrà innanzitutto soddisfare il credito garantito dall’ipoteca. Se, dopo aver pagato il creditore garantito (diciamo Equitalia) resta qualcosina rispetto al prezzo pattuito per il passaggio di proprietà, quel qualcosina andrà a rimpinguare il conto corrente di sua moglie. Quindi, il nipote è in una botte di ferro.

      Lei e sua moglie, invece, sarete ancora perseguitati da Equitalia che vi richiederà, vita natural durante, quanto residua rispetto alle somme da voi dovute e non coperte dalla vendita all’asta e dall’ipoteca.

  • ignazio 21 aprile 2013 at 23:29

    nel 1995 ho fatto una dichiarazione congiunta dove io commerciante dovevo allo stato 14 milioni di lire e mia moglie pensionata 1 milione,io non ho mai pagato quelle tasse ed ora equitalia mi ha ipotecato casa per un valore di 22 mila euro sia a nome mio che a nome di mia moglie avendo una casa con separazione beni, inoltre debbo dir che io ho ulterior debiti con equiatalia che ammontano a 80 mila euro,io mi chiedo visto che equitalia ha messo all’asta la mia metà casa se vendo l’altra metà casa intestata a mia moglie rischio qualcosa? e l’acquirente rischia se all’asta la mia metà quota della casa viene venduta al di sotto dei miei debiti anche se soddisfa la somma dell’iscrizione dell’ipoteca di 29 mila euro? premetto che un funzionario di equitalia mi ha detto che visto che l’ipoteca è stata messa ad entrambi per una dichiarazione congiunta del 95 e visto che è la stessa cartella e somma ….se all’asta verrà venduta al costo meggior di 29 mila euro somma di iscrizione ipoteca.allora decadrà anche l’ipoteca che grava sulla quota di mia moglie visto che è in sostanza la stessa ipoteca dovuta ad 1 dichiarazione congiunta….!mica poi si rifaranno su mia moglie?o sulla quota di mia moglie?o sul futuro acquirente quota di mia moglie?

    • Ornella De Bellis 22 aprile 2013 at 04:20

      Volendo nemmeno considerare che nel caso in esame anche sua moglie risulta debitrice, quando un bene indiviso è ipotecato e successivamente oggetto di azione esecutiva per il rimborso del debito, esso viene, di solito, venduto per intero ed i proprietari non debitori di quote del bene vengono soddisfatti con ripartizione del ricavato.

      Questo, a meno che i proprietari non debitori non si accollino le ulteriori spese per la divisione fisica del bene, qualora possibile. E, considerando, altresì, che risulterebbe assai improbabile la collocazione diretta sul mercato della quota indivisa del debitore ad un prezzo che consenta il soddisfacimento dell’obbligazione verso il creditore.




Cerca