Dichiarazione anagrafica e registrazione del contratto di convivenza

La legge 76/2016 (Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze) entrata in vigore il 5 giugno, definisce conviventi di fatto due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile.

Per l’accertamento della stabile convivenza, gli uffici anagrafici dovranno far riferimento alla dichiarazione anagrafica resa dal responsabile della convivenza. In tale contesto, va premesso che ciascun componente della convivenza e’ responsabile, per sé e per le persone sulle quali esercita la potestà o la tutela, delle dichiarazioni anagrafiche relative alla costituzione di nuova convivenza, ovvero ai mutamenti intervenuti nella composizione della convivenza stessa e che la convivenza ha un suo responsabile da individuare nella persona che normalmente la dirige.

La normativa vigente ha attribuito ai conviventi di fatto la facoltà di regolare i propri rapporti patrimoniali mediante un contratto di convivenza, le cui regole di costituzione, modifica, risoluzione, prevedono l’atto pubblico o la scrittura privata autenticata da parte di un notaio o di un avvocato, che ne attesta la conformità alle norme imperative e all’ordine pubblico. Il professionista, ai fini dell’opponibilità ai terzi, ne trasmette quindi copia, entro dieci giorni, al comune di residenza dei conviventi, per la registrazione in anagrafe.

Relativamente alla cessazione del vincolo contrattuale la legge ha previsto la risoluzione del contratto per accordo delle parti, recesso unilaterale, matrimonio o unione civile tra i conviventi o tra un convivente ed altra persona oppure per morte di uno dei contraenti.

Pertanto, l’attività degli uffici anagrafici riguarderà l’iscrizione delle convivenze di fatto, la registrazione dell’eventuale contratto di convivenza, ed il rilascio delle relative certificazioni.

Alla dichiarazione anagrafica di convivenza resa agli uffici anagrafici si è già accennato. Per quanto riguarda, invece, per l’opponibilità del contratto di convivenza ai terzi, l’ufficiale di anagrafe del comune di residenza dei conviventi, ricevuta copia del contratto di convivenza, trasmessa dal professionista che l’ha redatto, dovrà tempestivamente procedere a registrare, nella scheda di famiglia dei conviventi oltre che nelle schede individuali, la data e il luogo di stipula, la data e gli estremi della comunicazione da parte del professionista, nonché assicurare la conservazione agli atti dell’ufficio della copia del contratto patrimoniale di convivenza.

Anche la successiva risoluzione del contratto di convivenza dovrà essere registrata, nella scheda di famiglia dei conviventi, oltre che nelle schede individuali, mediante indicazione della data, del luogo della risoluzione e della motivazione. In particolare, l’ufficiale dello stato civile dovrà procedere alla registrazione della risoluzione del contratto patrimoniale di convivenza nei casi in cui riceva uno dei seguenti atti: notifica da parte del professionista dell’intervenuta risoluzione per accordo delle parti; notifica da parte del professionista dell’intervenuta risoluzione per recesso unilaterale di una parte; comunicazione dell’ufficio di stato civile riguardante il matrimonio o l’unione civile tra i conviventi o tra uno dei conviventi ed altra persona; notifica da parte del professionista dell’intervenuta risoluzione per morte di una parte.

Sono, quelli appena esposti, i contenuti della circolare numero 7/2016 della direzione centrale per i servizi demografici del Ministero dell’Interno.

8 Giugno 2016 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Unioni civili e convivenze di fatto - Diritti e doveri in pillole
Due persone maggiorenni dello stesso sesso costituiscono un'unione civile mediante dichiarazione di fronte all'ufficiale di stato civile ed alla presenza di due testimoni. Non possono costituire un'unione civile due persone maggiorenni dello stesso sesso legate da vincoli di parentela o affinità oppure se sussiste, per una delle parti, un vincolo matrimoniale o di unione civile. Al solo fine di assicurare l'effettività della tutela dei diritti e il pieno adempimento degli obblighi derivanti dall'unione civile tra persone dello stesso sesso, le disposizioni che si riferiscono al matrimonio e le disposizioni contenenti le parole coniuge, coniugi o termini equivalenti, ovunque ricorrono nelle ...

Assegno di mantenimento o divorzile - Cessa il diritto se il beneficiario forma una nuova famiglia di fatto
Per giurisprudenza ormai consolidata l'espressione "famiglia di fatto" non consiste soltanto nel convivere come coniugi, ma indica prima di tutto una "famiglia", portatrice di valori di stretta solidarietà, di arricchimento e sviluppo della personalità dì ogni componente, e dì educazione e istruzione dei figli. Ove tale convivenza assuma i connotati di stabilità e continuità, e i conviventi elaborino un progetto ed un modello di vita in comune (analogo a quello che di regola caratterizza la famiglia fondata sul matrimonio) la mera convivenza si trasforma in una vera e propria "famiglia di fatto". A quel punto, si rescinde ogni connessione con ...

Convivenza more uxorio - non è applicabile il regime di comunione dei beni fra coniugi
La convivenza more uxorio è legata a doppio filo al concetto di famiglia di fatto. Con l'espressione famiglia di fatto deve intendersi l'unione tra due persone, anche dello stesso sesso, che convivono come in un matrimonio. La Corte d'Appello di Milano, infatti, ha esteso la nozione legale di conviventi more uxorio, comprendendovi anche le coppie omosessuali, per le quali deve valere, secondo i giudici, il diritto a un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata. La Corte di Cassazione, con la sentenza numero 7214 del marzo 2013, si è spinta oltre, sancendo che il convivente more uxorio ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dichiarazione anagrafica e registrazione del contratto di convivenza. Clicca qui.

Stai leggendo Dichiarazione anagrafica e registrazione del contratto di convivenza Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 8 Giugno 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Marzo 2020 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)