Dequalificazione e demansionamento del lavoratore

Ai fini della verifica della legittimità dello spostamento del lavoratore da una sede all'altra con assegnazione a diverse mansioni, operata dal datore di lavoro, deve essere valutata la omogeneità tra le mansioni successivamente attribuite e quelle di originaria appartenenza, sotto il profilo della loro equivalenza in concreto rispetto alla competenza richiesta, al livello professionale raggiunto ed alla utilizzazione del patrimonio professionale acquisito dal dipendente.

Ciò non vuoi dire, naturalmente, che che debba essere operato solo un confronto tra le mansioni attualmente assegnate e quelle precedentemente affidate, occorrendo preliminarmente un confronto tra le mansioni effettuate e la qualifica posseduta, perché è con riferimento a questa che va verificato se vi sia dequalificazione.

Solo in caso di corrispondenza delle mansioni con la qualifica, può poi procedersi alla verifica di corrispondenza tra le mansioni pregresse e le successive, al fine di escludere anche un demansionamento.

Nel rapporto di lavoro infatti non vi è solo un divieto di demansionamento dei lavoratore, ossia divieto di attribuzione di mansioni inferiori alle pregresse, ma prima ancora un divieto di dequalificazione, ossia di attribuzione di mansioni inferiori alla qualifica: il codice civile, infatti, prevede non solo il diritto a svolgere mansioni non inferiori alle ultime svolte, ma prima ancora il diritto dei lavoratore di vedersi assegnate le mansioni per le quali è stato assunto (ossia proprie della qualifica pattuita).

Oltre a ciò, va evidenziato che l'onere della prova della rispondenza delle mansioni rispetto alla qualifica posseduta è a carico dei datore di lavoro, come già chiarito da giurisprudenza consolidata.

Questo l'orientamento assunto dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 18223/15.

19 settembre 2015 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dequalificazione e demansionamento del lavoratore. Clicca qui.

Stai leggendo Dequalificazione e demansionamento del lavoratore Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di lavoro e pensione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca