Cosa accade se avviene una segnalazione di difformità in merito alla definizione agevolata

Vediamo cosa accade se avviene una segnalazione di difformità in merito alla definizione agevolata.

Se sono state rilevate differenze tra i dati delle cartelle/avvisi riportati nella “Comunicazione” ricevute e quelli che indicate tua dichiarazione di adesione alla Definizione agevolata, è possibile segnalare i casi di difformità attraverso il nuovo servizio dedicato

Casi di difformità

Qualora nella comunicazione ricevuta:

  • non si riscontri la presenza di tutte le cartelle o di tutti gli avvisi che indicati nella dichiarazione di adesione: per non perdere i benefici della Definizione agevolata, pagare comunque gli importi dovuti delle cartelle/avvisi contenuti nella comunicazione entro il termine di scadenza del 31 luglio 2017 e segnalare le sole cartelle/avvisi riscontrate come mancanti;
  • si riscontri la presenza di cartelle o di avvisi non indicate nella dichiarazione di adesione: per non perdere i benefici della Definizione agevolata pagare comunque gli importi dovuti per le cartelle/avvisi indicate nella dichiarazione di adesione entro il termine di scadenza del 31 luglio 2017 e segnalare le sole cartelle/avvisi non indicate;
  • si riscontri una soluzione rateale differente rispetto a quella indicata nella dichiarazione di adesione: per non perdere i benefici della Definizione agevolata, segnalare entro il termine di scadenza del 31 luglio 2017 il piano di rateizzazione indicato.

Se si vuole effettuare il pagamento soltanto di alcuni debiti (cartelle/avvisi) compresi nella "Comunicazione" ricevuta, è possibile accedere al portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it e utilizzare il servizio ContiTu entro il 31 luglio 2017: in questo modo è possibile richiedere e stampare i bollettini Rav relativi soltanto alle cartelle/avvisi che si decide di pagare.

Per ulteriori dubbi e perplessità in merito a segnalazioni di difformità, consultare questa guida:

segnalazione difformità definizione agevolata

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Simone di Saintjust 13 ottobre 2017 at 16:33

    Il consiglio dei ministri, nella riunione del 13 ottobre 2017, ha approvato la rottamazione bis, in base alla quale chi non aveva aderito alla prima rottamazione delle cartelle esattoriali o chi era stato escluso per errori formali nell’istanza, potrà aderire alla definizione agevolata bis presentando domanda entro il 15 maggio 2018 sia per i ruoli precedenti sia per quelli ricevuti fino al 30 settembre. Si potrà poi pagare in un’unica rata entro il 31 luglio 2018 o in cinque rate: 31 luglio, 30 settembre, 31 ottobre e 30 novembre 2018 e 18 febbraio 2019.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca