Ristrutturazioni edilizie con lo sblocca italia: il cambio di destinazione d'uso dell'immobile è più semplice

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Il decreto introduce la distinzione tra quattro categorie di immobili:

  1. residenziale e turistico-ricettiva;
  2. produttiva e direzionale;
  3. commerciale;
  4. rurale.

Se il proprietario vuole cambiare la destinazione d'uso, la burocrazia si semplifica quando la destinazione diversa rientra nella stessa macro categoria della destinazione attuale. Per esempio trasformazione da appartamento residenziale a struttura ricettiva, da ufficio direttivo a negozio della stessa azienda ecc.

In questi casi è però necessario che i lavori di ristrutturazione non modifichino la superficie e volumetria dell'immobile.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca