Decreto ingiuntivo - efficacia e prescrizione

Indice dei contenuti dell'articolo


Decreto ingiuntivo ancora efficace?

Dunque il creditore ottiene un decreto ingiuntivo il 12-12-1998 munito di formula esecutiva il 2-3-1999.

Esecuzione immobiliare parziale recupero del creditore dei 2/3 del credito.

Procedura esecutiva dichiarata estinta nel dicembre 2007.

Dal giugno 2003 una società di recupero è divenuta legittima titolare del portafoglio crediti della banca creditrice.

Viene in data 10 giugno 2011 atto di precetto verso il debitore efficace in funzione del decreto ingiuntivo esecutivo del 1999.

E' ancora efficace quel decreto ingiuntivo?

Prescrizione decreto ingiuntivo

Il decreto ingiuntivo cade in prescrizione dopo 10 anni.

E' da dire che tutte le procedure eseguite e le comunicazioni intercorse avranno sicuramente avuto, almeno in alcune occasioni, effetto interruttivo dei termini di prescrizione, pertanto con ogni probabilità il decreto ingiuntivo ha ancora la sua validità.

15 Novembre 2012 · Marzia Ciunfrini


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Da quando decorre la prescrizione di un decreto ingiuntivo?
Un decreto ingiuntivo ha prescrizione decennale, non ci piove, ma ci si chiede da quale momento la prescrizione decennale decorra. La prescrizione decennale di un decreto ingiuntivo, prevista dall'articolo 2953 del codice civile, decorre non dal giorno in cui sia possibile l'esecuzione della sentenza, né da quello della sua pubblicazione, ma dal momento del suo passaggio in giudicato. Secondo i giudici della Corte di cassazione (sentenza 15157/2017) il decreto ingiuntivo acquista gli effetti del giudicato a seguito dell'estinzione del giudizio di opposizione. Infatti, con la notifica del ricorso e del relativo decreto ingiuntivo il ricorrente interrompe i termini di prescrizione, ...

Contenzioso fra banca e cliente presunto debitore - Efficacia probatoria del'estratto di saldaconto nel decreto ingiuntivo e dell'estratto conto zero nell'opposizione a decreto ingiuntivo
In tema di prova del credito fornita da un istituto bancario, va distinto l'estratto di saldaconto (che consiste in una dichiarazione unilaterale di un funzionario della banca creditrice accompagnata dalla certificazione della sua conformità alle scritture contabili e da un'attestazione di verità e liquidità del credito), dall'ordinario estratto conto, che è funzionale a certificare le movimentazioni debitorie e creditorie intervenute dall'ultimo saldo, con le condizioni attive e passive praticate dalla banca. Mentre il saldaconto riveste efficacia probatoria nel solo procedimento per decreto ingiuntivo eventualmente instaurato dall'istituto, l'estratto conto, trascorso il previsto periodo di tempo dalla sua comunicazione al correntista, assume ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decreto ingiuntivo - efficacia e prescrizione. Clicca qui.

Stai leggendo Decreto ingiuntivo - efficacia e prescrizione Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 15 Novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Giugno 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte