Prescrizione decreto ingiuntivo

Il decreto ingiuntivo cade in prescrizione dopo 10 anni.

E' da dire che tutte le procedure eseguite e le comunicazioni intercorse avranno sicuramente avuto, almeno in alcune occasioni, effetto interruttivo dei termini di prescrizione, pertanto con ogni probabilità il decreto ingiuntivo ha ancora la sua validità.

15 novembre 2012 · Marzia Ciunfrini

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione decreto ingiuntivo. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione decreto ingiuntivo Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 15 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 8 giugno 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte ..

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 13 febbraio 2019 at 22:56

    Sono erede della casa dei miei genitori…
    Avevo un debito non pagato 25 anni fa…ho trovato un ipoteca sulla casa devo pagarla?
    Potevano fare un ipoteca sulla casa dei miei?

    • Simone di Saintjust 14 febbraio 2019 at 06:04

      Può darsi che i suoi genitori abbiano fatto da garanti per quel prestito. Quanto a pagare il debito, prima paga e prima l’importo smette di lievitare.

  • alfonso torchia 17 luglio 2014 at 13:39

    Stamane ho ricevuto una r/r dall’Agenzia delle Entrate per un avviso di liquidazione dell’imposta irrogazione delle sanzioni. Mi si chiede il pagamento della registrazione del decreto ingiuntivo per un atto del 15.7.2011. Con codice tributo 109T l’importo da versare è pari a 483,00 euro + 360,00 di sanzione e 8,75 di altro. La domanda che Le chiedo è: l’imposta di registro come previsto dall’art.37 del DPR 131/86 è del 3% sull’importo che il giudice determina? Nel caso mio sono a credito di euro 6000,00 + 1215,00 per un totale di euro 7215,00.
    Grazie per la risposta

    • Simone di Saintjust 17 luglio 2014 at 14:11

      In effetti l’imposta pretesa si rapporterebbe ad un credito richiesto, con decreto ingiuntivo, pari a 16 mila euro. Mi viene subito da pensare al solito errore relativo all’ammontare dell’atto trasmesso dagli uffici giudiziari o ad un mero errore di calcolo dell’Agenzia.

      Potrebbe provare ad effettuare a presentare un’istanza di riesame in autotutela dell’accertamento all’Agenzia delle entrate per comprendere perché, a fronte di un decreto ingiuntivo per un credito si 7.215 euro le si chiede un’imposta pari a 480 euro.

      Non so dirle altro. Mi spiace.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca