Decadenza dell'atto di precetto

Se una persona raggiunta da precetto convive presso domicilio altrui senza aver nulla dichiarato in questura (ospite) e risulta residente altrove, dove viene eseguito il pignoramento? Consideriamo che titolare del contratto d’affitto di tale domicilio è altra persona, con cui il debitore convive ufficiosamente (il mobilio è dichiarato come proprietà del padrone di casa sul contratto, il problema sarebbero tv, pc ecc)

Cosa impedisce, vista l’obbligatorietà di ricevere il precetto almeno 10 giorni prima del pignoramento, di svuotare casa?

Possono pignorare beni presso la casa dei genitori di un maggiorenne debitore presso la quale tale soggetto maggiorenne debitore non risulti residente e nemmeno domiciliato con la presunzione che il debitore in questione abbia accesso alla casa dei genitori stessa?

Dopo un primo pignoramento nullo o infruttuoso possono tornare a sorpresa senza ulteriore precetto?

I motivi che lei cita, sono alla base del fallimento di molti tentativi di pignoramento. In particolare per quanto riguarda il precetto, nulla vieta di disporre dei beni prima del pignoramento, in quanto ancora non se ne è perso il diritto di proprietà (salvo la teorica azione revocatoria di eventuali atti di alienazione).

Il pignoramento può avvenire solo presso la residenza dichiarata del debitore. E, ovviamente, presso tutte le unità abitative che sono nella disponibilità del debitore (proprietà, diritto reale di godimento, usufrutto ecc.)

Il pignoramento deve essere notificato al debitore. Contro un pignoramento non notificato è sempre possibile una opposizione ai sensi dell’articolo 617 codice di procedura civile con ricorso al giudice dell’esecuzione.

Per avviare le azioni esecutive non è prevista una nuova notifica del decreto ingiuntivo, ma dell’atto di precetto, nel quale il decreto ingiuntivo in questione deve essere menzionato.

L’inizio della procedura esecutiva con l’espropriazione deve iniziare entro 90 giorni dalla notifica del precetto.

Se il creditore, in possesso di decreto ingiuntivo, non riesce ad avviare l’esproprio dei beni del debitore entro i prescritti 90 giorni, oppure il pignoramento risulta “infruttuoso”, deve far notificare al debitore un nuovo precetto.

Dunque, il precetto ha un suo tempo di validità, trascorso il quale deve essere rinotificato.

15 Maggio 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Notifica del decreto ingiuntivo e del precetto - irreperibilità del debitore e vizi di nullità
La notifica di un decreto ingiuntivo o di un precetto richiede che l'ufficiale giudiziario indichi specificamente le ragioni di difficoltà materiale per cui non ha potuto procedere, descrivendo, in particolare, le infruttuose ricerche del debitore nel luogo di residenza, dimora, o di domicilio, con conseguente illegittimità della notifica qualora la parte che procede non abbia usato l'ordinaria diligenza nell'individuare il luogo di residenza del debitore e manchi la prova che l'atto sia a questi pervenuto. Gli adempimenti previsti a cura dell'ufficiale giudiziario, nel caso in cui il destinatario risulti temporaneamente irreperibile sono, a pena di nullità: deposito della copia dell'atto ...

Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto
Il decreto ingiuntivo, così come la cartella esattoriale, l'assegno o la cambiale, sono titoli esecutivi. Dopo la notifica del decreto ingiuntivo si hanno a disposizione 40 giorni per impugnarlo. In assenza di opposizione, verrà notificato un precetto con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento. Decorso tale termine, il creditore entro 90 giorni (se non vuole vedere andare in fumo anche i soldi ed il tempo spesi nell'ottenimento del decreto ingiuntivo) dovrà procedere, ad esempio, al pignoramento dello stipendio del debitore presso il datore di lavoro. Per fare una domanda agli esperti vai al forum ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decadenza dell'atto di precetto. Clicca qui.

Stai leggendo Decadenza dell'atto di precetto Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 15 Maggio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)