Decreto ingiuntivo » Documenti a prova scritta valida per ottenerlo

Di norma, qualsiasi creditore può recuperare il proprio credito dal debitore, ottenendo dal Giudice l’emissione di un decreto ingiuntivo. Perchè questo sia possibile, però, il creditore deve fornire una prova scritta. Quali documenti si considerano validi a questo fine? Chiariamo quest’aspetto nel prosieguo dell’articolo.

Come accennato, per procedere al recupero dei crediti, è possibile ottenere la pronuncia da parte di un magistrato di un decreto ingiuntivo.

Si tratta di un procedimento molto più veloce e semplice rispetto a una causa ordinaria, che consente, entro pochi mesi e senza udienze, di notificare al debitore un ordine di pagamento da parte del giudice.

In quel caso, il debitore avrà poi 40 giorni di tempo, dalla notifica del decreto ingiuntivo, per scegliere se pagare o contestare il credito mediante una opposizione al decreto ingiuntivo, avviando così una causa ordinaria.

Se il debitore non paga, né si oppone, decorsi i predetti 40 giorni, il decreto ingiuntivo diventa definitivo, non può essere più messo in discussione e consente al creditore di iniziare l’esecuzione forzata contro il debitore, come ad esempio un pignoramento.

Ma la condizione indispensabile per avviare questo procedimento veloce ed agevole è fornire al giudice di merito una prova scritta.

Documenti che attestino la prova scritta valida all’emissione di un decreto ingiuntivo

Per prova scritta, è valevole qualsiasi documento dal quale si possano estrarre in tutto o in parte queste informazioni:

  • l’esistenza del credito;
  • il tipo di prestazione che doveva essere eseguita dal debitore (pagamento, consegna, esecuzione di un’opera);
  • il suo valore economico;
  • l’identità del debitore e/o del creditore;
  • la scadenza del pagamento

Non capita sempre, però, di essere in possesso di un assegno, una cambiale, o anche di un mero contratto firmato dal debitore, che attesti il credito.

In questi casi, allora, il creditore deve fare il possibile per procurarsi uno scritto con le caratteristiche elencate.

Ad esempio, potrà tentare di richiedere al proprio debitore il pagamento di quanto dovuto inviandogli una lettera a mezzo raccomandata a/r o una pec o un fax, sollecitando una sua risposta.

In questo modo riuscirà a procurarsi una dichiarazione del debitore dalla quale desumere l’esistenza del credito o l’impegno ad effettuare il pagamento.

12 Febbraio 2014 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Recupero crediti » Quando presentare ricorso per decreto ingiuntivo
Tramite l'esibizione della domanda di decreto ingiuntivo, la quale si effettua con il ricorso, è possibile instaurare un procedimento ingiuntivo. Con quest'ultimo, il titolare di un credito liquido, certo ed esigibile, fondato su prova scritta, può ottenere, il decreto ingiuntivo. Il decreto ingiuntivo è un provvedimento con il quale il Giudice di merito ingiunge al debitore di adempiere un'obbligazione, dii pagamento o di consegna, entro quaranta giorni dalla notifica dello stesso, avvertendolo che entro tale termine può proporre opposizione. In assenza di opposizione e di pagamento, si procederà ad esecuzione forzata in quanto il decreto costituisce titolo esecutivo che consente ...

Opposizione tardiva a decreto ingiuntivo - In caso di notifica viziata del provvedimento, Il debitore ha 40 giorni di tempo decorrenti dalla data in cui dimostra di aver avuto conoscenza effettiva del decreto ingiuntivo
Ai fini della legittimità dell'opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l'accertamento dell'irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e non sia stato in grado di proporre una tempestiva opposizione. Tale prova deve considerarsi raggiunta ogni qualvolta sia da ritenere che l'atto non sia pervenuto tempestivamente nella sfera di conoscibilità del destinatario. Ove il creditore procedente intenda contestare la tempestività dell'opposizione tardiva in relazione alla irregolarità della notifica al debitore, ...

Decreto ingiuntivo, opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria
Attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria il legislatore si è posto come obiettivo quello di rendere il procedimento giudiziale la extrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al processo e ha il potere di iniziare il processo. Attraverso il ricorso per decreto ingiuntivo, il creditore sceglie la linea deflattiva coerente con la logica dell'efficienza processuale e della ragionevole durata del processo. E' l'opponente debitore che ha il potere e l'interesse ad introdurre il giudizio di merito, cioè la ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decreto ingiuntivo » documenti a prova scritta valida per ottenerlo. Clicca qui.

Stai leggendo Decreto ingiuntivo » Documenti a prova scritta valida per ottenerlo Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 12 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Febbraio 2019 Classificato nella categoria decreto ingiuntivo opposizione a decreto ingiuntivo e al precetto opposizione ad esecuzione e agli atti esecutivi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)