Decreto ingiuntivo per fattura non pagata da amministratore srl

Indice dei contenuti dell'articolo


Amministratore e decreto ingiuntivo per fattura non pagata a fornitore

Sono amministratore di una srl, che si occupa di commercio al dettaglio.

Mi ha scritto un avvocato che rappresenta un mio fornitore (che ha una sas ed una srl entrambe in liquidazione) per mettermi in mora su un pagamento.

Premetto che il fornitore mi ha annullato gli ordini estivi perchè in liquidazione, e che mi fatturava con entrambe le società.

Io avevo un credito sulla fornitura invernale (pagata con riba) di circa 694 euro con la srl, ed un debito di circa 610 con la sas.

L'avvocato mi ha messo in mora per il debito, e poi rendendosi conto che ero anche creditore mi ha fatto il bonifico per il mio credito.

Non mi sembra proprio giusto questo comportamento, perchè io fino ad oggi pagando con le riba ignoravo sia del mio credito che del mio debito, poichè il mio commercialista ancora non mi ha trasmesso i saldi dei fornitori al 31 dicembre 2012.

Inoltre con la messa in mora l'avvocato/liquidatore mi ha anche chiesto 100 euro come spese legali (per scrivere la lettera).

Adesso che mi ha messo in mora cosa posso fare, per oppormi?

Se non pago mi fanno il decreto ingiuntivo? Come posso oppormi?

Io vorrei proporre una transazione per pagare la metà ma non so come fare...

Bonifico per saldare debito ignorando le spese legali pretese dall'avvocato

Le suggerisco di effettuare subito un bonifico per saldare il debito. Naturalmente, ignorando la pretese dell'avvocato relative alle spese legali.

Poi, basterà rispondere all'avvocato, e per conoscenza ad entrambe le società, quanto lei ha scritto qui. Con raccomandata AR.

La documentazione (lettera con ricevute AR e riferimenti dei bonifici in entrate ed uscita) andrà conservata per esibirla nel caso in cui l'avvocato volesse persistere nel suo atteggiamento col decreto ingiuntivo.

25 Ottobre 2012 · Genny Manfredi


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contenzioso fra banca e cliente presunto debitore - Efficacia probatoria del'estratto di saldaconto nel decreto ingiuntivo e dell'estratto conto zero nell'opposizione a decreto ingiuntivo
In tema di prova del credito fornita da un istituto bancario, va distinto l'estratto di saldaconto (che consiste in una dichiarazione unilaterale di un funzionario della banca creditrice accompagnata dalla certificazione della sua conformità alle scritture contabili e da un'attestazione di verità e liquidità del credito), dall'ordinario estratto conto, che è funzionale a certificare le movimentazioni debitorie e creditorie intervenute dall'ultimo saldo, con le condizioni attive e passive praticate dalla banca. Mentre il saldaconto riveste efficacia probatoria nel solo procedimento per decreto ingiuntivo eventualmente instaurato dall'istituto, l'estratto conto, trascorso il previsto periodo di tempo dalla sua comunicazione al correntista, assume ...

Opposizione tardiva a decreto ingiuntivo - In caso di notifica viziata del provvedimento, Il debitore ha 40 giorni di tempo decorrenti dalla data in cui dimostra di aver avuto conoscenza effettiva del decreto ingiuntivo
Ai fini della legittimità dell'opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l'accertamento dell'irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e non sia stato in grado di proporre una tempestiva opposizione. Tale prova deve considerarsi raggiunta ogni qualvolta sia da ritenere che l'atto non sia pervenuto tempestivamente nella sfera di conoscibilità del destinatario. Ove il creditore procedente intenda contestare la tempestività dell'opposizione tardiva in relazione alla irregolarità della notifica al debitore, ...

Decreto ingiuntivo, opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria
Attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria il legislatore si è posto come obiettivo quello di rendere il procedimento giudiziale la extrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al processo e ha il potere di iniziare il processo. Attraverso il ricorso per decreto ingiuntivo, il creditore sceglie la linea deflattiva coerente con la logica dell'efficienza processuale e della ragionevole durata del processo. E' l'opponente debitore che ha il potere e l'interesse ad introdurre il giudizio di merito, cioè la ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decreto ingiuntivo per fattura non pagata da amministratore srl. Clicca qui.

Stai leggendo Decreto ingiuntivo per fattura non pagata da amministratore srl Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 25 Ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte