Prescrizione e decadenza degli accertamenti delle imposte dirette

Avviso di accertamento

In generale l'avviso di accertamento può riguardare, a pena di decadenza, un addebito riferibile ad una finestra temporale ordinaria di cinque anni, che termina alla data di notifica dell'atto.

Nel caso di dichiarazione omessa o infedele la finestra è di sei anni.

Al 31 dicembre 2010, dunque, possono essere notificati accertamenti per addebiti riferibili al 2006, e dunque per dichiarazioni redditi ed IVA relative all'anno 2005.

L'avviso può essere impugnato dal contribuente entro 60 giorni dalla notifica.

Dopo tale termine l'avviso di accertamento diventa definitivo e, in caso di mancato pagamento, l'importo iscritto a ruolo per essere escusso attraverso cartella esattoriale.

Termini di decadenza per l'accertamento con i 2 anni di proroga

Anno imposta 2000: 31/12/2007 - Dichiarazione omessa o infedele: 31/12/2008

Anno imposta 2001: 31/12/2008 - Dichiarazione omessa o infedele: 31/12/2009

Anno imposta 2002: 31/12/2009 - Dichiarazione omessa o infedele: 31/12/2010

Questi periodi di imposta potevano essere ammessi ai condoni previsti dalla l. numero 289/02 (cd. Finanziaria 2003), al concordato per gli anni pregressi, all'integrativa semplice, ovvero al condono tombale.

Termini ordinari (entro i 4 anni successivi alla presentazione della dichiarazione)

Anno imposta 2003 : 31/12/2008 - Dichiarazione omessa o infedele: 31/12/2009

Anno imposta 2004 : 31/12/2009 - Dichiarazione omessa o infedele: 31/12/2010

Anno imposta 2005 : 31/12/2010 - Dichiarazione omessa o infedele: 31/12/2011

Anno imposta 2006 : 31/12/2011 - Dichiarazione omessa o infedele: 31/12/2012

Anno imposta 2007 : 31/12/2012 - Dichiarazione omessa o infedele: 31/12/2013

Riferimenti normativi

Per le imposte sui redditi (articolo 43 dpr 600/1973) e per l'iva (articolo 57 dpr 633/1972).

Compensazioni F24 utilizzo crediti inesistenti: l'articolo 27 d.l. numero 185/2008 stabilisce termini lunghi, 8 anni, per il controllo degli F24 falsi. Il recupero di tali crediti dovrà essere notificato entro il 31 dicembre dell'ottavo anno successivo a quello di utilizzo del credito inesistente.

Nel caso di violazioni aventi rilevanza penale i termini di prescrizione raddoppiano sulla base di quanto previsto dal Decreto Legge 223/2006.

Con la circolare numero 54/2009, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito. Da notare che l'allungamento dei termini secondo l'Agenzia si produrrebbe anche nell'eventualità di successiva archiviazione del caso o assoluzione del contribuente.

Tale circolare si richiama alla 28/E del 4 agosto 2006 relativa al Decreto Legge 223/2006.

Per fare una domanda su questo articolo e sui termini di decadenza e prescrizione, clicca qui.

1 giugno 2010 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Schemi decadenza e prescrizione
In generale l'avviso di accertamento può riguardare, a pena di decadenza, un addebito riferibile ad una finestra temporale ordinaria di cinque anni, che termina alla data di notifica dell'atto. Nel caso di dichiarazione omessa o infedele la finestra è di sei anni. Al 31 dicembre 2010, dunque, possono essere notificati accertamenti ...
Imposte sui redditi e decadenza dell'avviso di accertamento - Nuove regole a partire dall'anno di imposta 2016
Per i periodi d'imposta a partire dal primo gennaio 2016, gli avvisi di accertamento potranno essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazione ...
Prescrizione e decadenza della notifica di atti originati da omesso o insufficiente pagamento di imposte tasse e contributi
Ci occuperemo esclusivamente di crediti vantati dalla Pubblica Amministrazione (PA) in cui la pretesa del credito può essere originata: dal controllo di una dichiarazione presentata dal debitore o dal controllo dei dati direttamente disponibili alla PA creditrice (controllo automatico); dal controllo incrociato della dichiarazione presentata dal debitore con la dichiarazione ...
IRPEF - Prescrizione e decadenza degli avvisi di accertamento d'ufficio
Gli avvisi di accertamento d'ufficio IRPEF per i periodi d'imposta a partire dal primo gennaio 2016, potranno essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione ...
Prescrizione e decadenza delle pretese su IRPEF, bollo auto, TARSU, imposta di registro di successione e di donazione
Il concessionario notifica la cartella esattoriale, entro l'ultimo giorno del quarto mese successivo a quello di consegna del ruolo, al debitore iscritto a ruolo o al coobbligato nei confronti dei quali procede, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre: del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione e decadenza degli accertamenti delle imposte dirette. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione e decadenza degli accertamenti delle imposte dirette Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 1 giugno 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 26 dicembre 2016 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca