Rateazione e decadenza dal beneficio per debiti con AdE

Il versamento delle somme dovute in seguito ai controlli automatici e ai controlli formali delle dichiarazioni dei redditi può essere rateizzato. Le rate sono trimestrali, di pari importo o di importo decrescente. Sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo.

Per comunicazioni di irregolarità notificate dopo il 28 dicembre 2011, il beneficio della rateazione si perde nei casi di mancato pagamento:

  1. della prima rata entro i 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di irregolarità;
  2. di una rata (diversa dalla prima) entro il termine di pagamento di quella successiva.

Il pagamento tardivo di una rata diversa dalla prima entro il termine di pagamento della rata successiva comporta l’iscrizione a ruolo a titolo definitivo della sanzione (fino al 30% dell’importo della rata versata in ritardo) e degli interessi legali (2,5% fino al 31 dicembre 2013; 1% dal 1° gennaio 2014).

Il pagamento tardivo di una rata (diversa dalla prima) entro il termine di pagamento della rata successiva può essere oggetto di ravvedimento operoso ai sensi dell’articolo 13, DPR numero 472/1997. In caso contrario l’importo della rata viene iscritto a ruolo con applicazione delle sanzioni in misura piena (30%), in luogo del 10% quando si esercita acquiescenza dell’avviso bonario.

Il numero massimo di rate trimestrali in cui è consentito ripartire il debito dipende dall’importo da versare:

  1. fino a 5.000 euro, si può pagare in un massimo di 6 rate;
  2. oltre 5.000 euro, il debito può essere suddiviso al massimo in 20 rate.

La prima rata va versata entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione. Sull’importo delle rate successive sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo, calcolati dal primo giorno del secondo mese successivo a quello di elaborazione della comunicazione (la data di elaborazione è riportata sulla comunicazione stessa). Le rate successive scadono l’ultimo giorno di ciascun trimestre.

La decadenza dalla rateazione comporta l’iscrizione a ruolo, con successiva notifica della cartella esattoriale. Il contribuente sarà, di conseguenza, obbligato al versamento dell’importo dovuto per le imposte gravato dagli interessi e dalle sanzioni in misura piena (30%) ridotto di quanto già versato in pendenza della rateazione, nonché dell’aggio di riscossione e delle spese di notifica della cartella esattoriale.

29 Aprile 2014 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rateazione dei debiti con l'Agenzia delle entrate - Inadempimenti nei pagamenti delle somme dilazionate a seguito dell'attività di controllo
Il numero massimo di rate trimestrali in cui è consentito ripartire il debito dipende dall'importo da versare: fino a 5.000 euro, si può pagare in un massimo di 6 rate; oltre 5.000 euro, il debito può essere suddiviso al massimo in 20 rate. La prima rata va versata entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione. Sull'importo delle rate successive sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo, calcolati dal primo giorno del secondo mese successivo a quello di elaborazione della comunicazione (la data di elaborazione è riportata sulla comunicazione stessa). Le rate successive scadono l'ultimo giorno di ciascun trimestre. ...

Dichiarazione dei redditi – prospetto della tassa d'iscrizione per i corsi di laurea ai fini delle detrazioni
Le spese per la frequenza di corsi d'istruzione universitaria (tassa, contributi, spese accessorie e tassa regionale per il diritto allo studio universitario), sostenute nell'anno solare 2008, sono considerate oneri detraibili per i quali è riconosciuta, ai fini della dichiarazione per la determinazione dell'imposta sui redditi delle persone fisiche (IRPEF), una detrazione d'imposta del 19% (articolo 13 bis TUIR 22/12/1986 numero 917 e articolo 49 decreto legislativo 15/12/97 numero 446). Le stesse non possono essere considerate in misura superiore a quella stabilita per le tasse e i contributi degli istituti statali italiani. ...

L'obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi incombe sul contribuente e non sul commercialista
L'obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi incombe direttamente sul contribuente e, in caso di persone giuridiche, su chi ne abbia la legale rappresentanza, tenuto a sottoscrivere la dichiarazione a pena di nullità. II fatto che il contribuente possa avvalersi di persone incaricate della materiale predisposizione e trasmissione della dichiarazione non vale a trasferire su queste ultime l'obbligo dichiarativo che fa carico direttamente al contribuente il quale, in caso di trasmissione telematica della dichiarazione, è comunque obbligato alla conservazione della copia sottoscritta della dichiarazione. L'adempimento formale, dunque, fa carico al contribuente il quale deve essere a conoscenza delle relative scadenze ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rateazione e decadenza dal beneficio per debiti con ade. Clicca qui.

Stai leggendo Rateazione e decadenza dal beneficio per debiti con AdE Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 29 Aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Gennaio 2018 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)