Debitore totalmente pretermesso e azione surrogatoria del creditore

L’articolo 557 del codice civile, comma 1, nell’occuparsi dei soggetti che possono chiedere la riduzione delle donazioni e delle disposizioni testamentarie lesive della porzione di legittima (quota riservata), stabilisce che la riduzione non può essere domandata che dai legittimari e dai loro eredi o aventi causa.

Per giurisprudenza consolidata sappiamo che il creditore del legittimario che accetta l’eredità (pura e semplice) può essere senz’altro incluso, in riferimento all’articolo 557 del codice civile, fra gli aventi causa e al creditore deve, pertanto, riconoscersi la titolarità dell’esercizio, in via surrogatoria, dell’azione di riduzione delle disposizioni lesive della quota riservata ai legittimari, che è l’unico modo per rendere inefficaci le disposizioni lesive.

L’azione surrogatoria, in particolare, non è altro che lo strumento che la legge appresta al creditore per evitare gli effetti che possano derivare alle sue ragioni dall’inerzia del debitore stesso che ometta di esercitare le opportune azioni dirette ad alimentare il suo patrimonio con l’azione di riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni effettuate in vita dal de cuius, compromettendo, così, la possibilità di soddisfacimento dei propri creditori tramite escussione coattiva.

E’ invece escluso dagli aventi causa, il creditore del legittimario che accetta l’eredità con beneficio di inventario, così come chiaramente disposto dall’ultimo comma dello stesso articolo 557 del codice civile.

La domanda che ci si pone, tuttavia, è la seguente: cosa accade se il legittimario è stato totalmente pretermesso (cioè escluso dall’eredità con testamento olografo) e dunque non ha mai accettato l’eredità?

I giudici della Corte di cassazione (sentenza 16623/2019) hanno sciolto il dubbio enunciando il principio di diritto secondo il quale è ammissibile l’esercizio in via diretta dell’azione surrogatoria, prevista dall’articolo 2900 del codice civile, con la proposizione della domanda di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, da parte dei creditori dei legittimari totalmente pretermessi che siano rimasti del tutto inerti.

22 Giugno 2019 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia del debitore a promuovere nei confronti dei coeredi ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di soddisfarsi sui beni che, in caso di esito positivo di una eventuale azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, entrerebbero a far parte del suo patrimonio. La domanda che ci si pone è se possa essere oggetto di revocatoria, da parte del creditore, la ...

Eredità e successione - Reintegrazione della quota di legittima con riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni effettuate in vita dal de cuius
Il nostro ordinamento riserva a determinati soggetti legittimari (coniuge, figli e ascendenti del defunto) una quota di eredità legittima, della quale non possono essere privati per volontà del defunto, sia stata questa espressa in un testamento o eseguita in vita mediante donazioni.Il testatore, pertanto, può liberamente disporre solo della quota che la legge non riserva a questi soggetti ovvero la quota disponibile. Ai fini della reintegrazione della quota di legittima lesa, devono anzitutto essere ridotte le disposizioni testamentarie; tale riduzione colpisce proporzionalmente tutte le disposizioni testamentarie, sia a titolo universale che a titolo particolare, nei limiti di quanto è necessario ...

Eredità e successione - Azione di riduzione delle disposizioni lesive della quota di legittima, riunione fittizia, reintegrazione della quota di eredità riservata al legittimario e conguaglio in denaro
L'azione di riduzione delle disposizioni lesive della quota di legittima ha natura personale, sicché nell'ipotesi in cui il relativo obbligo di restituzione debba essere posto a carico di più persone, su un medesimo bene ad esse donato o attribuito per quote ideali, la riduzione deve operarsi, nei confronti dei vari beneficiari, in misura proporzionale all'entità delle rispettive attribuzioni: pertanto, ciascuno di essi è tenuto a rispondere soltanto nei limiti ed in proporzione del valore di cui si riduce l'attribuzione o la quota a suo tempo conseguita e non è configurabile un obbligo solidale dei soggetti tenuti alla riduzione. Nel procedimento ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debitore totalmente pretermesso e azione surrogatoria del creditore. Clicca qui.

Stai leggendo Debitore totalmente pretermesso e azione surrogatoria del creditore Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 22 Giugno 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 22 Giugno 2019 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di eredità successione e donazioni Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)