Debito solidale e coobbligati - Rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione

Come sappiamo, il debito è in solido quando più debitori (condebitori) sono tutti obbligati al rimborso, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità del debito (o parte di esso) e l'adempimento di uno libera gli altri.

Analizziamo, adesso, le differenze fra rinuncia alla solidarietà a favore di uno dei condebitori con o senza remissione del debito pro quota.

Supponiamo che cinque debitori rispondano in solido, verso il creditore, di un debito di 5 mila euro. Ipoteticamente ciascuno dei condebitori deve al creditore mille euro (debito pro quota), anche se il creditore può pretendere da uno solo dei debitori l'intero importo di 5 mila euro, o parte di esso.

Se uno dei condebitori, Tizio, paga la somma di 400 euro al creditore e questi gli rilascia quietanza con la formula per la parte di lui, senza riserva [di agire per i restanti 600 euro dovuti pro quota], il creditore rinuncia alla solidarietà nei confronti di Tizio e libera Tizio anche dal debito pro quota. In pratica il creditore conserva l'azione in solido verso gli altri condebitori per il debito residuale di 4.600 euro: in questo caso si ha rinuncia alla solidarietà senza remissione (da intendere nel senso di condono) agli altri condebitori, del restante debito pro quota di Tizio.

Se uno dei condebitori, Caio, paga la somma di 400 euro al creditore e questi gli rilascia quietanza con la formula per la parte di lui, ma con riserva [di agire per i restanti 600 euro] il creditore rinuncia alla solidarietà nei confronti di Caio, ma non libera Caio dai restanti 600 euro dovuti pro quota. In pratica il creditore conserva l'azione in solido contro gli altri condebitori per il debito residuale di 4.000 euro, mentre potrà richiedere a Caio i restanti 600 euro dovuti pro quota. In questo caso si ha rinuncia alla solidarietà con remissione (da intendere nel senso di condono) agli altri condebitori, di quanto ancora dovuto da Caio pro quota.

Concludendo, in caso di rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori, senza remissione, gli altri condebitori continueranno a rispondere per l'intero debito residuo, mentre, quando c'è remissione, gli altri condebitori non dovranno adempiere la restante quota del debitore non liberato.

Questi i principi enunciati dai giudici di legittimità nella sentenza numero 1453/14.

29 gennaio 2015 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Debito solidale e transazione a saldo stralcio di uno dei condebitori
Facciamo l'esempio di un credito verso tre condebitori solidali, d'importo pari a 90, e ipotizziamo che la transazione a saldo stralcio sulla quota di uno dei debitori abbia determinato il pagamento di 20. La domanda: gli altri due condebitore restano obbligati per una cifra pari a 70? Non è così, ...
Spese di giustizia - Requisiti per ottenere la remissione del debito
La legge subordina la rimessione del debito per le spese del procedimento, nei confronti del soggetto già detenuto, alla verifica di due condizioni consistenti nelle disagiate condizioni economiche e nella regolare condotta tenuta nel periodo di carcerazione. Ora, il requisito delle disagiate condizioni economiche è da ritenersi integrato non solo ...
Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia alla riduzione della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione per lesione della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di ...
Garanzie – fideiussione con escussione a prima richiesta (esempio)
Tizio stipula un contratto di subappalto con Caio Tizio chiede una fideiussione con escussione a prima richiesta a Caio per garantirsi da eventuali inadempienze di Caio nell'esecuzione del contratto di subappalto. Vengono stabilite delle penali pecuniarie che Caio dovrà corrispondere a Tizio quando vengano violate le clausole contrattuali concordate. O ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debito solidale e coobbligati - rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione. Clicca qui.

Stai leggendo Debito solidale e coobbligati - Rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 29 gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria attività di recupero crediti Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande