Rinuncia alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione

Come sappiamo, il debito è in solido quando più debitori (condebitori) sono tutti obbligati al rimborso, in modo che ciascuno può essere costretto all’adempimento per la totalità del debito (o parte di esso) e l’adempimento di uno libera gli altri.

Analizziamo, adesso, le differenze fra rinuncia alla solidarietà a favore di uno dei condebitori con o senza remissione del debito pro quota.

Supponiamo che cinque debitori rispondano in solido, verso il creditore, di un debito di 5 mila euro. Ipoteticamente ciascuno dei condebitori deve al creditore mille euro (debito pro quota), anche se il creditore può pretendere da uno solo dei debitori l’intero importo di 5 mila euro, o parte di esso.

Se uno dei condebitori, Tizio, paga la somma di 400 euro al creditore e questi gli rilascia quietanza con la formula per la parte di lui, senza riserva [di agire per i restanti 600 euro dovuti pro quota], il creditore rinuncia alla solidarietà nei confronti di Tizio e libera Tizio anche dal debito pro quota. In pratica il creditore conserva l’azione in solido verso gli altri condebitori per il debito residuale di 4.600 euro: in questo caso si ha rinuncia alla solidarietà senza remissione (da intendere nel senso di condono) agli altri condebitori, del restante debito pro quota di Tizio.

Se uno dei condebitori, Caio, paga la somma di 400 euro al creditore e questi gli rilascia quietanza con la formula per la parte di lui, ma con riserva [di agire per i restanti 600 euro] il creditore rinuncia alla solidarietà nei confronti di Caio, ma non libera Caio dai restanti 600 euro dovuti pro quota. In pratica il creditore conserva l’azione in solido contro gli altri condebitori per il debito residuale di 4.000 euro, mentre potrà richiedere a Caio i restanti 600 euro dovuti pro quota. In questo caso si ha rinuncia alla solidarietà con remissione (da intendere nel senso di condono) agli altri condebitori, di quanto ancora dovuto da Caio pro quota.

Concludendo, in caso di rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori, senza remissione, gli altri condebitori continueranno a rispondere per l’intero debito residuo, mentre, quando c’è remissione, gli altri condebitori non dovranno adempiere la restante quota del debitore non liberato.

Questi i principi enunciati dai giudici di legittimità nella sentenza numero 1453/14.

29 Gennaio 2015 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Il condebitore solidale che paga al creditore una somma maggiore rispetto alla parte che è obbligato a versare, ha diritto di regresso nei confronti degli altri condebitori anche se non ha corrisposto l'intero
Il condebitore solidale che paga al creditore una somma maggiore rispetto alla parte che è obbligato a versare, ha diritto di regresso nei confronti degli altri condebitori anche se non ha corrisposto l'intero, perché la ratio delle norme è quello di tutelare il depauperamento del suo patrimonio oltre il dovuto e il corrispondente indebito arricchimento dei condebitori, con la conseguenza che ciascun debitore può agire in regresso nei confronti dell'altro a condizione che l'importo azionato non ecceda la parte di pertinenza del condebitore nei cui confronti l'azione viene esercitata. Così hanno deciso i giudici della Corte di cassazione con la ...

Debito solidale e transazione a saldo stralcio di uno dei condebitori
Facciamo l'esempio di un credito verso tre condebitori solidali, d'importo pari a 90, e ipotizziamo che la transazione a saldo stralcio sulla quota di uno dei debitori abbia determinato il pagamento di 20. La domanda: gli altri due condebitore restano obbligati per una cifra pari a 70? Non è così, secondo i giudici della Corte di cassazione che hanno affidato le proprie motivazioni alla sentenza 22231/14. Gli altri due condebitori restano obbligati per una cifra pari a 60, ridotta cioè della quota ideale (pari a 30) gravante su debitore che è pervenuto all'accordo transattivo. Se, invece il condebitore avesse transato ...

Debito esattoriale, fideiussore escusso, surrogazione del creditore, pagamento di un debito scaduto, rinuncia alla prescrizione ed azione revocatoria ordinaria
Dal 2000 circa, a causa di problemi con la mia società in accomandita semplice, in liquidazione dal 2010, le cartelle esattoriali hanno ormai superato complessivamente l'importo di 100 mila euro: sono nullatenente quindi finora, diciamo, tutto bene. A gennaio è mancato mio padre, e qualora accettassi, erediterei 1/4 di un appartamento di villeggiatura. Valore stimato della mia quota: circa 30 mila euro. Nota: ai tempi, mio padre fece da garante in mio favore per una fideiussione di circa 50 mila euro, e fu prontamente escusso dalla banca a seguito dei detti problemi, per pagare fornitori. Le cartelle, relative a IVA ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rinuncia alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione. Clicca qui.

Stai leggendo Rinuncia alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 29 Gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 23 Luglio 2017 Classificato nella categoria attività di recupero crediti Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)