Le ipotesi di aggressione del bene ricadente nella comunione legale fra coniugi

Si profilano pertanto almeno tre ipotesi di esecuzione alternative:

  1. la necessità di aggredire il bene per l'intero;
  2. la facoltatività dell'aggressione per la sola metà;
  3. l'indispensabilità dell'aggressione per una sola metà.

Va subito precisato che ciascuna di tali soluzioni presta il fianco ad inconvenienti, comunque non dando luogo a conclusioni assolutamente impeccabili dal punto di vista della coerenza sistematica. Unica soluzione appare allora, ribadita l'intangibilità in questa sede del punto di partenza sulla definizione della comunione legale quale comunione senza quote, quella di individuare l'ipotesi più coerente con le premesse e dalle conseguenze meno incongruenti, se non pure dalla minore negatività delle ricadute pratiche ed operative.

Orbene, ammettere un'espropriazione per la sola quota della metà, comporterebbe l'assegnazione della "quota" del coniuge debitore ad estranei. A colui, cioè, che della "quota" eventualmente espropriata divenisse aggiudicatario o assegnatario.

Vanno quindi sicuramente escluse le ipotesi indicate sub b) e c).

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca