Quando per un debito non pagato si diventava schiavi del proprio creditore

Siamo nella Repubblica dell'antica Roma, fra il sesto ed il terzo secolo avanti Cristo: durante la campagne belliche, molti plebei erano costretti a chiedere prestiti ai patrizi per non perdere i raccolti: i plebei, infatti, erano obbligati ad abbandonare le proprie terre per servire nell'esercito. Quando ritornavano, molti non erano in grado di restituire il prestito ricevuto e, pertanto, si ritrovavano esposti ad un tipo di schiavitù chiamata nexum: si trattava di un obbligo di sottomissione quasi totale al creditore da parte del debitore.

In sostanza, il debitore che non poteva far fronte al pagamento, poteva essere reso schiavo in ragione del fatto che, per ottenere il prestito, doveva prima sottoscrivere un contratto, il nexum, appunto, che prevedeva siffatta ipotesi.

Il nexum fu abolito nel 326 a.C.: non si trattò propriamente di una conquista dei plebei, ma piuttosto di una fortunata conseguenza di una circostanza contingente: l'abbondante disponibilità di schiavi riconducibile al gran numero di nemici fatti prigionieri dalle truppe romane durante le campagne militari.

Tuttavia, anche se il nexum venne formalmente abolito ed il debitore fu obbligato a rispondere del debito solo con i beni di proprietà, quando il debitore inadempiente si trovava in una condizione di nullatenenza, il tribunale poteva ancora costringere il debitore a mettersi al servizio incondizionato del proprio creditore, fino al soddisfacimento dell'importo dell'obbligazione.

12 settembre 2017 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Non pagare un debito » Quando l'inadempimento può configurare il reato di insolvenza fraudolenta o quello più grave di truffa
E' bene sapere che quando il debitore non rimborsa un prestito, la mancata restituzione di quanto ricevuto può anche comportare un reato penale, così come hanno spiegato i giudici della sezione penale della Corte di cassazione che hanno tentato di tracciare i confini tra la truffa, l'insolvenza fraudolenta ed il ...
Debito solidale e coobbligati - Rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione
Come sappiamo, il debito è in solido quando più debitori (condebitori) sono tutti obbligati al rimborso, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità del debito (o parte di esso) e l'adempimento di uno libera gli altri. Analizziamo, adesso, le differenze fra rinuncia alla solidarietà a favore ...
Ritardo nel rimborso delle rate di un prestito - Il creditore non ha diritto ad un ulteriore risarcimento se è stata convenuta la misura degli interessi moratori
Secondo quanto disposto dall'articolo 1224 del Codice civile, al creditore che dimostra di aver subito un danno per l'inadempimento del debitore, conseguente al ritardato rimborso rateale del prestito concesso, spetta un risarcimento che, tuttavia, non è dovuto se è stata convenuta contrattualmente la misura degli interessi moratori. Dunque, gli interessi ...
Il pagamento del debito con assegno non circolare spedito al creditore estingue l'obbligazione salvo buon fine
L'assegno bancario o postale inviato tempestivamente al creditore e avente ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all'epoca del pagamento, costituisce, secondo la più recente giurisprudenza di legittimità, idoneo modo di estinguere l'obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti. Peraltro, ...
Il frazionamento del credito nel processo esecutivo integra un abuso - il creditore procedente paga il proprio avvocato nel giudizio di legittimità chiesto dal debitore
Il creditore può azionare più volte lo stesso titolo esecutivo fino ad ottenere il completo rimborso del credito vantato nei confronti del debitore, comprensivo di interessi e spese sostenute per la riscossione coattiva. Ma, se è vero che l'obiettivo del processo esecutivo resta la soddisfazione del creditore procedente, ciò deve ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando per un debito non pagato si diventava schiavi del proprio creditore. Clicca qui.

Stai leggendo Quando per un debito non pagato si diventava schiavi del proprio creditore Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 12 settembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 22 ottobre 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito e di garanzia Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca