Debito contratto per nome e per conto di un'associazione


Nell’associazione non riconosciuta (nella specie un club) la responsabilità personale grava esclusivamente sui soggetti che hanno agito in nome e per conto dell’associazione. Va salvaguardata, cio, l’esigenza di tutela dei terzi che, nell’instaurazione del rapporto negoziale, abbiano fatto affidamento sulla solvibilità e sul patrimonio dei detti soggetti che hanno agito in nome e per conto dell’associazione.

Ne consegue che l’obbligazione, avente natura solidale, di colui che ha agito per l’associazione è inquadrabile tra le garanzie assimilabile alla fideiussione.

Il fideiussore rimane obbligato anche dopo la scadenza dell’obbligazione principale, purché il creditore entro sei mesi abbia proposto le sue istanze contro il debitore e le abbia continuate.

Così hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione con la sentenza 12508/15.

27 Ottobre 2015 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debito contratto per nome e per conto di un'associazione. Clicca qui.

Stai leggendo Debito contratto per nome e per conto di un'associazione Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 27 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 27 Ottobre 2015 Classificato nella categoria garanzie e fideiussioni Inserito nella sezione debiti ed imprese

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)