debiti e separazione beni

Buon giorno, i debiti sono tanti e tutti di mio marito: equitalia ha agganciato con un ipoteca il suo 50% della casa di proprietà d’entrambi, acquistata dopo il matrimonio.

Una delle soluzioni che ci ha prospettato l’avvocato è quella di vendere il 50% di mio marito a mio figlio, chiedendo un mutuo alla banca, vendita finalizzata al pagamento del debito, al momento del rogito dovrà necessariamente essere presente un delegato di equitalia… sul rogito il notaio dovrà scrivere a cosa servono i soldi…e sopratutto la banca ci chiede che non ci siamo in giro altri debiti… cosa che ne mio marito e neppure io sappiamo! Queste sono le condizioni che ci chiede la banca.

Detto ciò… siccome eravamo in comunione dei beni, abbiamo ritenuto opportuno fare la separazione dei beni (26 aprile).

La domandà è: se in futuro arrivano altri debiti su mio marito, nel momento in cui lui sarà “nullatenente” e in regime di separazione dei beni, la casa è salva? oppure metto nei guai mio figlio? e ancora entro quanto tempo si prescrivono i debiti verso le Stato? tipo IVA e IRPEF?

Il consiglio del Suo avvocato è limpido e corretto. Sono corretti e fondati anche i timori della banca, in quanto eventuali altri debiti di Suo marito potrebbero in teoria comportare la revocatoria della vendita posta in essere.

Potete sincerarvi dell’esistenza di altri debiti, per lo meno di natura finanziaria, con una visura in Crif e/o nelle altre SIC.

Se nel futuro arrivassero altri debiti di suo marito, salvo quanto detto sopra riguardo la possibile revocatoria, gli altri congiunti non hanno da temere.

Lei comunque non specifica l’entità dei debiti in gioco, sarebbe utile per consigliarvi meglio.

14 Maggio 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento e comunione dei beni
Se siete sposati in regime di COMUNIONE LEGALE dei beni e ricevete un pignoramento (sia esecuzione ordinaria che esecuzione esattoriale - Equitalia) occorre distinguere vari casi:  il pignoramento è per l'intero immobile (1/1 dell'intera proprietà) ed il debito è stato contratto soltanto da uno dei due coniugi. Secondo l'orientamento prevalente nei tribunali questo pignoramento è corretto, ma il coniuge non debitore e non sottoposto ad esecuzione può intervenire in giudizio eccependo che il bene pignorato eccede il valore del 50% dell'intero patrimonio della comunione legale. In sostanza i creditori di un solo coniuge posso rivalersi solo sul 50% dell'intero patrimonio, ...

Equitalia » Inutile vendere casa al marito per sfuggire al debito
Disfarsi in extremis della proprieta` del bene fingendosi incapiente, non e` un rimedio valido che salva da quanto dovuto a Equitalia per non aver pagato la cartella esattoriale notificata. L'agente della riscossione, ai sensi dell'articolo 49, comma 1, del Dpr 602/1973, può mettere in pratica ogni azione cautelare e conservativa posta a favore del creditore. Questa è la conclusione sostanziale cui è giunto il Tribunale di Padova che, con la sentenza 1253/2/2013 del 16 maggio, ha stabilito che la cessione dell'immobile in famiglia tra moglie e marito, di fatto unica proprietà di quest’ultimo, e avvenuta successivamente al ricevimento delle cartelle ...

Equitalia » Sono aggredibili i beni inseriti in un fondo patrimoniale
Equitalia: ecco quando può agire con esecuzione forzata sui beni inseriti in un fondo patrimoniale. E' legittima l'ipoteca iscritta da Equitalia sugli immobili, benché inseriti nel fondo patrimoniale, se il debitore non dimostra l'estraneità del debito erariale ai bisogni della famiglia e che il creditore sia a conoscenza di questa circostanza. Ciò è quanto disposto dalla Commissione tributaria regionale di Firenze con la sentenza numero 88/1/14. In particolare, gli Ermellini hanno chiarito le ipotesi e le condizioni in presenza delle quali il fondo patrimoniale rende effettivamente inattaccabili i beni che lo compongono. Precisamente, l'articolo 170 del Codice Civile, nel regolare ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti e separazione beni. Clicca qui.

Stai leggendo debiti e separazione beni Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 14 Maggio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • paolobramilla 10 Novembre 2014 at 04:48

    Salve. io ho contratto debiti con AE per 50/60K €… Debiti che deduco sia equitalia a dover riscuotere da me. A prescindere che sono nullatenente e nullafacente…nel caso mi sposassi (ovviamente in separazione dei beni) questi debiti passano e possono essere richiesti alla mia futura moglie o rimangono affar mio?
    Ovvio ke io rimarrei nullatenente e nullafacente anche dopo il matrimonio…
    Grazie mille

    • Ludmilla Karadzic 10 Novembre 2014 at 06:39

      I debiti contratti prima del matrimonio rimarranno sempre e comunque affar suo, indipendente dal regime economico coniugale adottato.

      Naturalmente, la separazione dei beni evita che vi sia confusione dei beni acquisiti dopo il matrimonio dalla sua consorte con quelli del coniuge debitore a fronte di azioni esecutive promosse dai creditori.