Debiti per attività commerciale che procede malissimo - Cosa rischio?

Debiti con fornitori, banche ed INPS per attività commerciale che non procede come mi aspettavo

Da un anno ho rilevato un negozio che è andato molto male sotto tutti gli aspetti, adesso mi ritrovo con oltre 15 mila euro di debiti verso fornitori, banche, inps, e quant'altro.

Mi sono già arrivate lettere di avvocati e svariati solleciti,ma riesco soltanto in piccolissima parte a saldare parti di questo debito,è andato aumentando avendo avuto bisogno della merce per il negozio.

Siamo giunti ad una fase di stallo assoluto, visto che non ho soldi per comprare merce e per saldare debiti, per cui penso che cercherò di mettere in vendita l'attività per recuperare qualcosa.

Vorrei sapere però cosa rischio nel frattempo, visto che abito in un appartamento ammobiliato in affitto con la mia convivente, e non ho niente intestato, e i solleciti dei creditori ormai non si contano più. Insomma, il bilancio è del tutto fallimentare, tengo il telefono staccato per non essere assillato continuamente dai creditori, e vivo con un senso continuo di umiliazione.

Non so più che succederà, e vorrei recuperare dignità e tranquillità.

La sua situazione di debitore è ormai comune a molti

La sua situazione di debitore è ormai comune a molti: d'altra parte, il tentativo di avviare un'attività e trovarsi in mano un pugno di debiti non può essere vissuto come un'esperienza umiliante.

I tempi sono difficili e temo che non abbiamo ancora raggiunto il fondo del tunnel. Il peggio dovrà ancora venire.

La invito a leggere le tante storie riportate nel forum. Storie autentiche, che raccontano di ingiustizia sociale, di assurdi squilibri nella ridistribuzione di risorse, di vessazioni quotidiane e di prepotenze perpetrate da una società ormai in decomposizione.

Non certamente per consolarsi con considerazioni del tipo "mal comune, mezzo gaudio", ma semplicemente per prendere coscienza e consapevolezza che non può essere tutta colpa nostra, che un disagio così diffuso non può essere liquidato come sorte riservata agli "sfigati".

Lei, e concludo con una nota positiva, non rischia nulla se non il fastidio petulante di creditori che reclameranno, peraltro inutilmente, la loro libbra di carne.

8 ottobre 2012 · Loredana Pavolini


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'imprenditore può essere dichiarato fallito entro un anno dalla data di cancellazione dell'impresa dall'apposito registro - Anche se l'attività è effettivamente cessata in epoca anteriore
Il termine di un anno, entro il quale l'imprenditore che abbia cessato la sua attività può essere dichiarato fallito, decorre dalla cancellazione dal registro delle imprese, senza possibilità per l'imprenditore medesimo di dimostrare il momento anteriore dell'effettiva cessazione dell'attività, perché solo dalla suddetta cancellazione la cessazione dell'attività viene formalmente portata ...
Debiti e regime di comunione dei beni – domande e risposte
Quali sono i beni personali che non rientrano nella comuni­one? a. I beni di proprietà del coniuge prima del matrimonio. b. I beni ricevuti dopo il matrimonio per donazione o eredità. c. I beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge. d. I beni che servono all'esercizio della professione di ...
Cattivi pagatori e protestati - come avviare una nuova attività commerciale al riparo dai pignoramenti
Come difendersi dai creditori L'indebitamento per colpa propria o per colpa di altri - ad esempio, clienti che non hanno pagato -  mette ai margini del mondo del commercio tutti gli imprenditori sfortunati.  In tempi più floridi quando si paga regolarmente tutti i fornitori ti cercano proponendoci affari e novità, ...
Debiti – cosa fare quando non si può pagare
La decisione di sospendere i pagamenti è nel Vostro caso - extrema ratio - condivisibile: non si umanamente pretendere che una famiglia si spinga al di sotto della soglia di sussistenza per rispettare gli impegni assunti. Tuttavia, la conseguenza più probabile di questa situazione saranno, a lungo andare, il pignoramento ...
L'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale spetta al conduttore anche se dopo la disdetta ha trasferito altrove la propria attività
L'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale spetta al conduttore per il solo fatto che il locatore abbia assunto l'iniziativa di non proseguire la locazione e che l'intervenuta disdetta inviata dal locatore è idonea a far sorgere, ove ne ricorrano gli altri presupposti, il diritto del conduttore all'indennità di avviamento. Risulta ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti per attività commerciale che procede malissimo - cosa rischio?. Clicca qui.

Stai leggendo Debiti per attività commerciale che procede malissimo - Cosa rischio? Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 8 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca