Responsabilità patrimoniale dei soci nelle società di Capitali o a responsabilità Limitata

Le società di capitali, contrariamente a quelle considerate al punto precedente, sono dotate di personalità giuridica, rappresentano cioè dei “soggetti di diritto”, capaci di assumere in proprio diritti e obbligazioni.

Il patrimonio comune (sociale) acquista in esse una precisa individualità come patrimonio della società e questa risponde soltanto con esso nei confronti dei suoi creditori. In questa situazione i debiti contratti per l'esercizio dell'attività sociale sono debiti della società e non dei soci e pertanto il patrimonio personale di questi ultimi è fuori dalla portata di qualunque pretesa dei creditori sociali. Per questo, si dice che la responsabilità dei soci è limitata alle quote di capitale sottoscritte, cioè ai conferimenti che essi si sono impegnati a eseguire. Ciò fa si che nelle società di capitali perdano rilevanza taluni elementi - quali la fiducia reciproca fra i soci, la prestazione della loro opera nella società, etc. - che limitano il numero dei partecipanti nelle società di persone. Infatti, soprattutto nelle grandi società per azioni, la partecipazione dei soci all'attività sociale è assai ridotta o addirittura inesistente, in quanto per la maggior parte di essi l'investimento societario è un semplice impiego di risparmio dal quale si attendono vantaggi economici, sia sotto forma di partecipazione agli utili sia attraverso la possibile rivalutazione del capitale impiegato.

Il panorama delle società di capitali è quanto mai vario e caratterizzato dalla presenza di imprese delle più diverse dimensioni.Tuttavia, quando l'assunzione di tali forme sociali non sia dettata soltanto dal desiderio di ottenere una limitazione della responsabilità personale dei soci, si tratta di complessi di notevoli dimensioni, con un elevato numero di soci. Tale circostanza, infatti, è una condizione necessaria perché possano raccogliersi gli ingenti capitali che l'attività aziendale richiede.Nel nostro ordinamento, le società nelle quali la responsabilità di tutti i soci è limitata alle quote di capitale sottoscritte sono:

  • le società a responsabilità limitata (sigla: srl);
  • le società per azioni (sigla: S.p.A.).
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • rosaria mietta 19 luglio 2010 at 06:20

    Azienda s.n.c. ha chiuso con debiti ma non in liquidazione nel 1996. Adesso recupera per aver vinto una causa il pignoramento del quinto dello stipendio, ma l’assegno viene intestato alla ditta ormai chiusa. Come si puo’ fare per ritirare l’assegno visto che e’ intestato alla ditta chiusa?

    • agente di recupero crediti 19 luglio 2010 at 06:21

      L’assegno, anche se non presentato nei termini, costituisce sempre titolo esecutivo nei confronti di chi ha emesso l’assegno, ma si perde l’azione di regresso nei confronti dei giranti. Quindi, dal momento che sono decorsi i termini di presentazione, il traente (colui che ha emesso l’assegno) puo’ aver dato l’ordine alla banca di non pagare l’assegno. Solo in mancanza di tale ordine, la banca puo’ pagare ugualmente, anche dopo la scadenza del termine.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca