Eredità - Il debitore che rinuncia rischia la revocatoria dell'atto

Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti.

Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati solo a lui. Non vi è testamento e gli eredi siamo io, mia sorella e mia madre. Come avviene e quali sono le modalità della ripartizione dei beni sopra citati? Vengo poi al secondo punto più complicato ed ingarbugliato. Da tempo mia sorella si trova in gravi difficoltà economiche a seguito di due prestiti Bancari ottenuti dal marito, per un totale di circa 700.000,00 euro di cui si è resa garante. Le Banche da oltre un anno stanno agendo legalmente, anche se non hanno ancora chiesto il fallimento. Che fine fanno i beni sia mobili che immobili ereditati da mia sorella? Oltre a ciò vorrei sapere se a tale eredità lei può rinunciare a favore dei figli che sono ormai maggiorenni. Vi è qualche modo fattibile di successione che non permetta alle Banche di poter poi intervenire su tali beni? Sperando in una vostra risposta, porgo distinti saluti.

L’eredità si divide attraverso un atto di divisione, che sarà necessariamente notarile per i beni immobili e per i mobili registrati. L’atto di divisione vi assegnerà i beni in rapporto alle vostre quote di spettanza ereditarie, cioè un terzo a testa. Attenzione però. L’atto di divisione comporta accettazione tacita dell’eredità paterna, con conseguente ingresso dei beni ereditari nel patrimonio della sorella.

In tal caso i beni diventano aggredibili dai creditori. La rinuncia all’eredità (fatta prima di tre mesi dall’apertura della successione, trascorsi i quali si diventa eredi se si è in possesso dei beni ereditari) impedisce certamente questo effetto, perché devolve l’eredità direttamente ai figli della rinunciante, ma i creditori della sorella potranno dimostrare che la rinuncia è stata effettuata in loro danno per frodarli e quindi potranno chiedere la revocatoria dell’atto di rinuncia. La legge infatti tutela i diritti dei creditori.

Per fare una domanda su debiti ed eredità, sul come difendersi dalle società di recupero crediti e dagli agenti esattoriali, sui diritti del debitore, sui debiti in generale nonché su tutti gli argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

16 Agosto 2013 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia del debitore a promuovere nei confronti dei coeredi ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di soddisfarsi sui beni che, in caso di esito positivo di una eventuale azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, entrerebbero a far parte del suo patrimonio. La domanda che ci si pone è se possa essere oggetto di revocatoria, da parte del creditore, la ...

Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e come, e se durante la procedura fallimentare fatta alla società, farebbere una procedura per accertata responsabilità all'amministratore,io cosa andrei incontro per l'eredità… Grazie,spero di essere stata chiara. Ci avevano già pensato altri, ma i creditori dei chiamati all'eredità che abbiano rinunciato possono farsi autorizzare entro 5 anni dalla rinuncia ad ...

Rinuncia eredità con beneficio di inventario - i creditori possono chiedere di abbreviare il termine decennale per l'accettazione
A tutela dei creditori del de cuius e a tutela dei creditori nei confronti del chiamato all'eredità che accetta con beneficio di inventario, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace, il cui scopo è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile può prevedere la fissazione di un termine perentorio per l'accettazione, più breve di quello decennale. Chiunque vi abbia interesse, infatti, può chiedere all'autorità giudiziaria di fissare un termine più breve entro il quale il chiamato deve dichiarare se accetta o rinuncia all'eredità (actio interrogatoria). Trascorso questo termine, senza che il chiamato ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su eredità - il debitore che rinuncia rischia la revocatoria dell'atto. Clicca qui.

Stai leggendo Eredità - Il debitore che rinuncia rischia la revocatoria dell'atto Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 16 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Febbraio 2019 Classificato nella categoria accettazione e rinuncia eredità - accettazione con beneficio di inventario Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 8 Febbraio 2019 at 19:55

    Mía madre titolare di una Srl con un débito verso Equitalia molto importante è deceduta. Ho figli minori e una semplice rinuncia implicherebbe il passaggio a loro, ho il terrore che il tribunale non accetti il loro rifiuto e ho pensato donare la mía quota a un coerede interessato a riceverla. Se dovessi cedere la mía quota di ereditá ad un’altro coerede c’é la possibilitá che Equitalia possa reclamarmi Qualcosa? Grazie mille

    • Simone di Saintjust 9 Febbraio 2019 at 05:31

      Accettando l’eredità lei si accolla (in quota con eventuali altri coeredi) tutti i debiti di sua madre: indipendentemente dal fatto che ceda o meno la quota di srl. Un socio di srl risponde dei debiti societari solo fino al valore della propria quota, non oltre. Il problema sta nel fatto se sua madre abbia svolto anche funzioni di amministratore della srl. I figli minori devono accettare con beneficio di inventario, se il genitore chiamato rinuncia all’eredità: quindi, i figli del chiamato rinunciante risponderebbero dei debiti della nonna solo nel limite del valore dei beni e liquidità effettivamente ereditate (in alcuni situazioni i minori, che devono, per legge, necessariamente accettare con beneficio di inventario, riescono anche a rinunciare all’eredità una volta divenuti maggiorenni).

  • Anonimo 8 Febbraio 2019 at 14:01

    Mía madre titilare di una Srl con un débito verso equitalia molto importante è deceduta. Se dovessi cedere la mía quota di ereditá ad un’altro coerede c é la possibilitá che equitalia un giorno possa reclamarmi Qualcosa? Grazie mille

    • Simone di Saintjust 8 Febbraio 2019 at 16:01

      Se sua madre è stata semplice socia della srl, allora risponderà di tutti i debiti della società entro il valore della quota conferita, che potrebbe al massimo, se va male, azzerarsi. Invece, se sua madre ha svolto anche funzioni di amministratrice della srl potrebbe essere chiamata a rispondere personalmente delle imposte (IVA e IRES) non versate all’erario: il consiglio è, in tale ipotesi, quello di rinunciare all’eredità o accettarla con beneficio di inventario.

      Accettare l’eredità e poi alienare la quota societaria ad un terzo, come abbiamo accennato, non costituisce di per sè un problema: il rischio sta nell’eventualità che sua madre, avendo eventualmente amministrato la società, si sia resa responsabile (o sia chiamata a rispondere, il che è lo stesso) dell’omesso versamento delle imposte dovute allo Stato