Se voglio accettare l'eredità con beneficio di inventario in quanto tempo devo formare l'inventario?

3 mesi rinnovabili dal giudice per non più di un trimestre.

Deve distinguersi tra chiamato nel possesso dei beni ereditari e chiamato che non lo è.

Il primo deve formare l'inventario entro 3 mesi dal giorno dell'apertura della successione, decorso il quale si considera erede puro e semplice. Se invece forma l'inventario, il chiamato ha 40 giorni per decidere se accettare o meno con beneficio di inventario, se rinunciare, se accettare in modo puro e semplice. Se non decide nei 40 giorni si considera erede puro e semplice.

Se, invece, il chiamato all'eredità non è nel possesso dei beni ereditari, ha 10 anni di tempo per decidere se accettare e quindi può fare l'inventario entro questo arco temporale. Tuttavia una volta formato l'inventario, dovrà, entro i 40 giorni successivi, accettare con beneficio di inventario, altrimenti decade dal diritto e viene considerato erede puro e semplice.

Se poi il chiamato all'eredità non è nel possesso dei beni ereditari può essere chiesto al giudice con ricorso che venga fissato al chiamato un termine per dichiarare se intende accettare con beneficio di inventario. Il chiamato in questo caso dovrà fare l'inventario nel termine stabilito dal giudice pena la perdita del beneficio.

1. Le tipologie di accettazione dell'eredità
2. Accettazione dell’eredità - pura e semplice o con beneficio di inventario
3. Posso apporre condizioni all'accettazione espressa dell’eredità?
4. L’accettazione dell'eredità è revocabile?
5. Quando si verifica l'accettazione tacita dell’eredità
6. Accettazione presunta dell’eredità
7. Quanto tempo ho per accettare l'eredità?
8. Si può impugnare l’accettazione dell'eredità?
9. Se voglio accettare l'eredità ma ho paura che mi siano stati lasciati debiti superiori ai crediti?
10. Come si effettua l’accettazione con beneficio di inventario dell’eredità?
11. Se scopriamo i debiti dopo l'accettazione dell'eredità?
12. Se voglio accettare l'eredità con beneficio di inventario in quanto tempo devo formare l’inventario?
13. Cosa comporta analiticamente l’accettazione con beneficio di inventario dell’eredità?
14. Vi sono casi in cui l’accettazione con beneficio di inventario dell’eredità è obbligatoria?
15. Debiti ed eredità - I creditori del defunto possono evitare che sul patrimonio ereditato si soddisfino i creditori dell'erede?
16. Come rinuncio all’eredità?
17. Quali effetti ha la rinuncia dell'eredità?
18. Posso rinunciare ad un eredità dopo averla accettata?
19. Quanto tempo ho per fare la rinuncia all'eredità?
20. Posso rinunciare all’eredità e poi decidere accettarla?
21. Sono creditore di un chiamato all'eredita che intende rinunciare all’eredità posso impedire ciò?
22. Sono divenuto erede e voglio recuperare un bene ereditario posseduto da altri cosa devo fare?
23. Se chi era erede in forza di un testamento poi annullato ha ceduto i beni, l’erede legittimo può recuperarli?
» Vai alla visualizzazione integrale dell'articolo (pagina singola)
» Vai all'indice delle sezioni dell'articolo
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Antonello Peron 26 novembre 2017 at 11:07

    Accettata l’eredità con beneficio di inventario con dichiarazione innanzi al cancelliere del tribunale, in base al combinato disposto dei co 3,4, 5 dell’art 484 è inammissibile una volta completato l’inventario rinunciare all’eredità ed una eventuale rinuncia sarebbe impugnabile in base al principio che chi è diventato erede lo è per sempre?

    • Simone di Saintjust 26 novembre 2017 at 11:43

      Non ho ben compreso il problema, e nel caso, sarà così gentile da riformulare la domanda. L’inventario è un adempimento necessario per accertare la consistenza iniziale (al momento del decesso) dell’eredità attiva: ma potrebbero venir fuori, nei termini decennali di prescrizione, altri creditori che, al momento della redazione dell’inventario l’accettante con beneficio non conosce. Per questo, si hanno a disposizione, per l’accettazione vera e propria, dieci anni. Nel frattempo, se i creditori citano l’accettante con beneficio di inventario per i debiti del de cuius, egli potrà risponderne, se vuole, entro i limiti attivi dell’inventario. Altrimenti rinuncia. Solo al compimento del termine decennale (è consigliabile operare in tal modo) l’accettante deve sciogliere la riserva e da quel momento risponderà dei debiti del defunto, emersi nel termine di prescrizione decennale, senza alcun limite.

  • LUCIOB 31 ottobre 2017 at 11:45

    Alla morte di mio padre (2012) ho accettato per legittima la mia quota ereditaria così come mio fratello e mia madre. Io ho una mia famiglia e vivo con essa da prima del decesso di mio padre.

    Contrariamente, mio fratello invece è sempre vissuto con i genitori ed è dal 2008 che non lavora più.

    Nel 2016, ho scoperto per caso che stavano arrivando cartelle di Equitalia, a nome di mio padre, per contravvenzioni stradali, bolli auto non pagati, canoni tv, etc. più debiti verso privati di bollette gas, acqua luce, telefono, assicurazioni, etc. etc. tutte post morte.

    Questo, derivante dal fatto che mio fratello dal momento che mio padre è mancato non ha pagato assolutamente nulla, seppur godeva in toto della pensione di mia mamma, e di una discreta somma dai miei genitori accantonata durante la loro vita lavorativa e che è stata letteralmente dilapidata da lui.

    Certo del fatto che lui fosse onesto, perché mio fratello, e che post successione avesse provveduto a volturare tutto a suo nome, tra cui anche l’auto che mi aveva assicurato aver fatto, aggiustandosi tramite agenzia amica e che non era necessaria la mia presenza per il passaggio, ma non è stato così.

    Sottolineo che nella cifra accantonata dai genitori vi era anche la mia quota ereditaria che non ritirai il momento in cui ne avrei avuto diritto per lasciarla a disposizione di eventuale assistenza futura a mia madre, ma lui l’ha sperperata.

    Ad oggi sono intervenuto con le risorse finanziarie della famiglia (lavoriamo io e mia moglie) pagando debiti intestati a mio padre conosciuti per oltre 20.000 euro, speriamo non ne arrivino più.

    Ora, mia madre si è ammalata ed è una malata terminale con ancora poche settimane di vita. Io è da inizio 2017 che dò assistenza totale sia fisica che economica. Adesso, lei è ricoverata presso una casa di riposo di cui pago parte della retta con la pensione ed il resto di nostra tasca.

    Mio fratello, appena lei è andata in ospedale per la malattia, seppur Lei disabile al 100% riconosciuta, ha abbandonato il domicilio fiscale ed è andato a vivere presso amici fregandosene totalmente del problema e lasciando tutto a mio carico compresa la gestione e manutenzione dell’abitazione dove entrambi vivevano.

    Ora, presto ci sarà il funerale e alla domanda di come affrontare il problema, lui mi ha risposto che non gli interessa, e che se voglio ci devo pensare io, e di conseguenza così sarà il relativo atto di successione. Lui non intenderà pagare.

    Dalla settimana scorsa oltretutto, stanno anche arrivando cartelle Equitalia intestate a mia mamma per irpef non versata. Cosa che avrebbe sempre dovuto gestire lui avendo avuto incarico della gestione della pensione di mia mamma per il suo nucleo famigliare.

    In ultimo, nella cassetta della posta giacciono decine di avvisi di atti giudiziari intestati a mio fratello che neanche va a ritirare e che vanno a sommarsi a molti altri che ho trovato nei cassetti di casa. So di certo che ci sono anche avvisi di Equitalia ma non solo, come finanziarie che sollecitano i pagamenti per qualche decine di migliaia di euro datati 2007/2008.

    Trovato anche sparsi moduli di richiesta di finanziamenti compilati con vari tentativi di falsificazione della firma di mia mamma. Speriamo nessuno abbia accettato un modulo senza la presenza della persona firmataria.

    Legalmente non so come agire. Intendendo comunque rientrare in possesso almeno delle cifre spese, quelle future (funerale +successione), della quota di denaro mio da lui sperperato e salvaguardare gli immobili oggetto dell’eredità passata (padre) e futura (madre).

    Salvaguardare i beni costituiti con mia moglie da eventuali coinvolgimenti per l’aver accettato l’eredità ed in ultimo cosa fare per gestire mio fratello, visto che sono l’unico parente che ha.

    • Simone di Saintjust 31 ottobre 2017 at 13:40

      Mi sembra di capire che lei non abbia alcuna intenzione di rinunciare esplicitamente ai cespiti immobiliari lasciati da sua madre: dovrà però prudentemente accettare l’eredità con beneficio di inventario, se non vuole coinvolgere in questa storia i beni familiari (di moglie e figli).

      Per i debiti lasciati da suo padre e da sua madre dovrà risponderne nella misura del 50% (quelli riconducibili a sua madre andranno rimborsati non appena avrà sciolto la riserva sull’eredità beneficiata) avendo sempre cura, tuttavia, di indicare al creditore dei suoi genitori l’altro obbligato per quota ereditaria (cioè suo fratello): altrimenti rischia di essere chiamato a ripianare integralmente le pretese (tributarie e non).

      Le spese funebri dovrà accollarsele lei (a meno di non lasciare su madre in balia dei necrofori comunali) e poi, nel caso, agire giudizialmente nei confronti del fratello per la restituzione della metà dei costi sostenuti: non c’è altra strada. Le spese di successione potrà anche evitarle, per il momento, se non è in possesso di alcun bene appartenente a sua madre, potendo accettare con beneficio di inventario nel termine decennale decorrente dal decesso (a meno che un creditore non la costringa ad optare prima dei dieci anni).

      Per non compromettere l’eventuale accettazione dell’eredità quando si sarà reso conto della consistenza dei debiti lasciati da sua madre, avrà anche l’onere di vigilare sulle richieste di rimborso per i presunti prestiti ad ella erogati, ma in realtà ottenuti con firma apocrifa: non sarebbe la prima volta che impiegati conniventi eroghino finanziamenti in assenza di firma apposta personalmente dal richiedente. Ove si verificasse una tale evenienza non le resterebbe altra scelta, volendo tutelare il patrimonio accettato con beneficio di inventario, di denunciare suo fratello all’autorità giudiziaria al fine di poter efficacemente disconoscere il debito.

      Per quanto attiene, infine, i soldi sperperati da suo fratello temo ci sia poco da fare: il denaro è un bene fungibile e sarebbe difficile dimostrare che le risorse non siano state impiegate per spese personali o di assistenza effettuata da sua madre nel suo precipuo interesse.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?