Debiti e impossibilità di pagare

Debiti di circa 20000 euro tra inps e iva

Sono la titolare di una piccola lavanderia che va a singhiozzi e negli ultimmi anni mi ha prodotto degli debiti di circa 20000 fra inps iva e arretratto dell'affitto.

Vorrei chiudere e porre fine a tutto questo, ma cosa succede con i debiti?

Come devo pagarli?

Abbiamo due bambine minorenni e dobbiamo badare anche a loro e ho l'intenzione di cercarmi un alto lavoro (sono laureata in famacia)anche perchè il mio marito attualmente e un partita IVA e non si arriva piu alla fine del mese; abbiamo una casa, intestata solo al mio marito, che dovevamo finire di pagare nel dicembre dell 2011, ma al momento attuale ci mancano 670euro da pagare e non siamo riusciti ancora (la banca ci ha concesso ancora un mese, fino al fine del settembre).

Pensavo di rifare un mutuo sulla casa per poter sanare i debiti.

Cosa ci consigliate?

Cosi facendo salderà i debiti ma dovrebbe rimborsare il prestito garantito dalla nuova ipoteca

Da quanto mi sembra di intendere, lei vuole passare da una situazione debitoria critica ad una disperata.
Lo scenario più probabile che intravedo è quello che mi appresto a descrivere. Lei chiede un prestito con l'intenzione di coprire i debiti accumulati con Agenzia delle entrate ed Inps. Può darsi glielo concedano ma, inevitabilmente, suo marito sarà chiamato a prestare garanzia come terzo datore di ipoteca. Il terzo datore di ipoteca è colui che, disponendo della proprietà di un immobile, acconsente all'iscrizione della garanzia sul proprio bene. Diciamo che, avendo ormai suo marito [quasi] completato il rimborso di quanto garantito dalla prima ipoteca, non si dovrebbero incontrare difficoltà ad iscriverne un'altra.

A questo punto salderà i debiti, ma dovrebbe rimborsare il prestito garantito dalla nuova ipoteca. Ora, se da dicembre 2011 non riesce a mettere da parte 670 euro per pagare l'ultima rata del mutuo contratto per l'acquisto della casa, mi spiega come pensa di servire il nuovo debito? Evidentemente ci sono all'orizzonte nuove e reali prospettive di incrementare il suo reddito. Altrimenti, è come se avesse deciso di andare al casinò per giocare alla roulette.

Con la spiacevole conseguenza che ben presto la casa verrà pignorata, venduta per quattro soldi e lei si troverà, insieme a suo marito e ai figli, in mezzo ad una strada, senza una proprietà e con più debiti di prima perchè le procedure di espropriaione forzata di un immobile comportano anche l'indifferibile obbligo di corrispondere le spese sostenute dal creditore e dal Tribunale per portare a termine la vendita all'asta.

Se i debiti non la fanno dormire, la casa deve venderla e trovarsi una sistemazione in affitto.

Oppure, lei che è laureata in farmacia, si fa prescrivere degli ansiolitici in modo da stare più tranquilla ed evitare di essere colta da raptus che la porteranno al suicidio economico patrimoniale.

Quello che va fatto, in prospettiva futura ed allo scopo di evitare anche eventuali disguidi burocratici (ipoteca sulla casa per debiti imputabili solo a lei), è optare per la separazione dei beni da suo marito, facendola annotare sull'atto di matrimonio.

Poi continuerà a vivere come nullatenente, e, in tale veste, inattaccabile da Equitalia. Senza farsi venire per la testa strane idee. Solo quando troverà un lavoro più redditizio, potrà preoccuparsi di pagare il debito ad Agenzia delle entrate ed INPS. L'Agenzia delle entrate non ha fatto nulla per lei, tranne che chiederle soldi da trasferire ai corrotti di Stato. L'INPS, se lei non provvederà a mettere da parte qualcosa per assicurarsi una fettina di pane in vecchiaia, la lascerà morire di stenti. Non capisco perchè, invece, lei si dà tanta pena per assecondare le loro esose e, spesso ingiustificate, pretese.

19 settembre 2012 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Vademecum per non pagare debiti, tasse e cartelle esattoriali
Alcune raccomandazioni per debitori nullatenenti (aspiranti o effettivi) - adottare il regime patrimoniale coniugale di separazione dei beni e farlo annotare sull'atto di matrimonio. Meglio una vera e propria separazione legale (per l'accordo da omologare basta un azzeccagarbugli qualsiasi, a cui offrire, per l'incomodo, cappuccino e cornetto al bar del tribunale); vendere la casa di proprietà prima che Equitalia vi iscriva ipoteca; abitare in affitto con comodato d'uso di arredi, suppellettili ed elettrodomestici. Tutto registrato all'Agenzia delle entrate, con elenco dei beni concessi in comodato puntualmente dettagliato .... ...
Equitalia iscrive un'ipoteca nonostante lo sgravio del Fisco? » Deve pagare le spese processuali
Equitalia è stata condannata a pagare le spese processuali per aver iscritto un'ipoteca nonostante lo sgravio del Fisco. L'agente della riscossione è condannato a pagare le spese di causa nel caso in cui abbia iscritto ipoteca sui beni del contribuente nonostante l'avvenuto sgravio del credito da parte dell'Agenzia delle Entrate. ...
Equitalia: pignoramento immobiliare ed ipoteca sulla casa » Limiti analogie e differenze
Pignoramento immobiliare ed iscrizione di ipoteca da parte di Equitalia: quali sono i limiti? E le differenze? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. Per cominciare, va detto che i due concetti sono completamente differenti: l'ipoteca è una cosa completamente diversa dal pignoramento immobiliare e l'una non comporta, ne esclude, per forza l'altro. ...
Solo la redazione dell'inventario consente all'erede di pagare i debiti del defunto entro il limite del valore dei beni ricevuti
Com'è noto, l'effetto dell'accettazione dell'eredita con beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede. L'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti e tutti gli obblighi che aveva verso il defunto, tranne quelli estinti per effetto della morte (sanzioni amministrative, ad esempio). Inoltre, l'erede accettante con ...
Ipoteca esattoriale per debiti inferiori ad 8 mila euro - illegittima anche se iscritta prima del 26/5/10
Con sentenza del 10 aprile 2012, numero 5771 la Cassazione a Sezioni Unite ha annullato l'iscrizione di ipoteca esattoriale dell'Agente della Riscossione in quanto relativa ad un debito inferiore ad 8 mila euro. E questo anche se si trattava di ipoteca iscritta prima del  26 maggio 2010, data di ‘entrata ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti e impossibilità di pagare. Clicca qui.

Stai leggendo Debiti e impossibilità di pagare Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti