debiti ed eredità immobiliare

Ho molti debiti con equitalia, nel 2005 mia madre è morta nel settembre 2005 e ha lasciato il 50% di quota dell’appartamento di proprietà da dividere con mio padre e mio fratello.

Io avendo i debiti feci la rinuncia a favore delle figlie nel settembre 2006. Poi nel 2009 è venuto a mancare pure mio padre e quindi quel 67% del padre da dividere con mio fratello l’ho ancora ripassato con rinuncia alle figlie, tanto che oggi mio fratello ha il 50% e le 2 figlie il 25% ciascuna. Ho saputo però che possono impugnare la rinuncia nei 5 anni e togliere il tutto alle figlie.

Ora vi chiedo, ma se non succede niente in questi 7 mesi i 5 anni della rinuncia della parte di madre son passati, e allora non possono piu’ prendere niente di quella parte? Ad oggi invece possono prendermi tutto e vendere anche se il 50% è del fratello?

Se arrivo al settembre e non succede niente ( speriamo )quel 33% al quale ho rinunciato alla morte del padre essendo solo una minima parte di casa possono sempre rivalersi? Premetto che la casa ha un valore molto alto, e non sò se la rinuncia è stata la migliore soluzione ma onestamente non vedevo altre soluzioni.

Ha fatto le domande e si è dato le risposte da solo, correttamente.

Trascorsi 5 anni la rinuncia all’eredità non è più impugnabile. Quindi fra 7 mesi la rinuncia fatta nel 2006 non sarà più impugnabile.

Resterà impugnabile per 5 anni la rinuncia fatta nel 2009, quindi fino al 2014. Equitalia, qualora invalidasse la rinuncia, potrebbe comunque iscrivere ipoteca solo sulla quota di eredità di Sua appartenenza.

18 Febbraio 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e come, e se durante la procedura fallimentare fatta alla società, farebbere una procedura per accertata responsabilità all'amministratore,io cosa andrei incontro per l'eredità… Grazie,spero di essere stata chiara. Ci avevano già pensato altri, ma i creditori dei chiamati all'eredità che abbiano rinunciato possono farsi autorizzare entro 5 anni dalla rinuncia ad ...

Debiti eredità e rinuncia
Mio padre è deceduto un mese fa: io abito in un'altra regione e ho grossi problemi economici dal momento che il quinto del mio stipendio è ormai andato per un pignoramento. C'è una famiglia da mantenere e mio marito è disoccupato cronico da tre anni. Quindi altri debiti per sopravvivere. Mio padre lascia solo la casa dove abitava con mia madre. Ho tre sorelle e il notaio ha consigliato una di loro di procedere ad una rinuncia all'eredità, per me e per mio figlio di 18 anni. Questo, per evitare il pignoramento dell'abitazione lasciata da mio padre in conseguenza ai ...

Rinuncia all'eredità del debitore fallito
Com'è noto, il codice civile (articolo 524) prescrive che, se il debitore rinuncia ad una eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti. Il diritto dei creditori si prescrive in cinque anni dalla rinuncia. Concessa l'autorizzazione ad accettare, il rinunziante e i creditori che hanno esperito l'azione non divengono eredi poichè la rinunzia conserva i suoi effetti. I creditori hanno esclusivamente il diritto di soddisfarsi sui beni dell'eredità fino alla concorrenza del loro credito. La ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti ed eredità immobiliare. Clicca qui.

Stai leggendo debiti ed eredità immobiliare Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 18 Febbraio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Gianluca76 26 Maggio 2013 at 20:52

    Problema: i miei nonni paterni hanno DONATO tutti i loro beni ai loro quattro figli. Mio nonno è morto parecchi anni fa’ e mia nonna è ancora in vita. Per vari problemi interni mia nonna ha fatto degli assegni bancari ad alcuni nipoti escludendo di fatto alcuni nipoti. Ovvero di quattro figli, solo i nipoti di DUE figli avranno questi assegni quando verrà meno. Lo sopo di mia nonna è crearsi un debito e ridurre la legittima a due dei quattro figli.
    In caso di morte dovrebbe essere fatta la riunione fittizia dei beni, tolta la testamentaria, viene data la legittima ai figli. In caso di debito verso alcuni nipoti, come si deve comportare il notaio?

    • Annapaola Ferri 27 Maggio 2013 at 02:17

      Gli assegni ai nipoti rappresentano delle donazioni ai figli. In fase di ripartizione della legittima, i figli che non hanno beneficiato di assegni per la propria prole, dovranno chiedere al notaio la riduzione dell’eredità per gli altri due beneficiari di donazioni in vita. Qualora non ci fosse accordo a riconoscere gli assegni percepiti come donazioni, occorrerà procedere con azione giudiziale.