Danni da strade dissestate » Per la causa è competente il Tribunale

A chi rivolgersi se si vuole intentare una causa di risarcimento per danni derivanti da sinistri causati da macchie d’olio presenti sull’asfalto, strade dissestate o ostacoli presenti sulla carreggiata?

La causa contro il Comune o la società autostradale promossa dall’autista di un veicolo, il quale circola su una strada pubblica, che ha subito un danno, sia personale che all’automobile, a causa delle pessime condizioni della strada è di competenza del Giudice di pace per le richieste di risarcimento di valore fino a cinquemila euro.

Per quelle superiori, invece, scatta la competenza del Tribunale.

Infatti, anche se il codice di procedura civile specifica che le cause per il risarcimento danni prodotti dalla circolazione rientrano nella competenza del giudice di Pace fino a un importo massimo di 20 mila euro, è di diverso avviso la giurisprudenza.

L’ordinanza 18813/14 della Corte di Cassazione, infatti, chiarisce che la controversia, introdotta dal conducente di un veicolo circolante su una strada pubblica, che adduce di aver sofferto un danno alla persona a causa di un sinistro provocato dalle condizioni della strada, contro il Comune, proprietario della strada, esula dalle controversie disciplinate dall’art. 7, comma 2, c.p.c. (risarcimento del danno prodotto dalla circolazione di veicoli e natanti). Se compresa nel limite previsto dall’art. 7, comma 1, c.p.c. rientra per competenza per valore del gdp, altrimenti in quella del tribunale.

Questo vuol dire, in parole povere, che nel caso di danno da insidia stradale, il sinistro e il danno si producono a causa della cattiva manutenzione della strada e non a causa della circolazione in sé, che in questi casi rappresenta solo il contesto nel quale il sinistro si verifica, non la causa che lo determina.

Pertanto, se si subisce un danno alla persona o al veicolo per un incidente dovuto a cattiva manutenzione della strada (macchie d’olio, ostacoli sulla carreggiata, dossi, buche, ecc.) e questo danno ha un valore superiore ad € 5.000,00, la causa per ottenerne il risarcimento dovrà essere promossa davanti al Tribunale.

23 Settembre 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sinistri stradali » A causa dell'incidente soffri di attacchi d'ansia? Hai diritto al risarcimento danni
Sinistri stradali: sì al risarcimento danni per l'automobilista che dopo l'incidente stradale è afflitto da attacchi di ansia. Ai fini della determinazione del lucro cessante e, dunque, dell'entità del risarcimento danni dovuto, si deve guardare alla «realtà di fatto» che si è concretamente determinata a seguito dell'incidente. Per cui anche se la Ctu, fatta nei precedenti gradi di giudizio, ha attestato la mancata riduzione della capacità lavorativa, ciò non è sufficiente per negare il maggior indennizzo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di cassazione con la sentenza 20003/14. Molto spesso capita che, dopo essere stati coinvolti in un sinistro ...

Risarcimento da responsabilità civile - Chiedere i danni al giudice di pace per il veicolo e al tribunale per le lesioni subite integra abuso del diritto
In tema di risarcimento dei danni da responsabilità civile, non è consentito al danneggiato, in presenza di un danno derivante da un unico fatto illecito, riferito alle cose ed alla persona, già verificatosi nella sua completezza, di frazionare la tutela giurisdizionale mediante la proposizione di distinte domande. Non è consentito, in particolare, parcellizzare l'azione davanti al giudice di pace ed al tribunale in ragione delle rispettive competenze per valore, in quanto tale disarticolazione dell'unitario rapporto sostanziale nascente dallo stesso fatto illecito, oltre ad essere lesiva del generale dovere di correttezza e buona fede, per l'aggravamento della posizione del danneggiante debitore, ...

Risarcimento danni veicolo dopo sinistro » Non può essere superiore al valore ante-incidente
Dopo un sinistro stradale, il risarcimento danni richiesto dal danneggiato non può essere superiore al valore che aveva il veicolo prima dell'incidente. La domanda di risarcimento danni subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, quando abbia ad oggetto la somma necessaria per effettuare la riparazione dei danni, deve considerarsi come richiesta di risarcimento in forma specifica, con conseguente potere del giudice di non accoglierla e di condannare il danneggiante al risarcimento per equivalente, ovvero al pagamento di un somma pari alla differenza di valore del bene prima e dopo la lesione, allorquando il costo delle riparazioni superi notevolmente ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su danni da strade dissestate » per la causa è competente il tribunale. Clicca qui.

Stai leggendo Danni da strade dissestate » Per la causa è competente il Tribunale Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 23 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)