In alcuni casi l'immobile indivisibile caduto in comunione ereditaria può essere assegnato con criterio diverso da quello della maggior quota

In tema di divisione ereditaria, nel caso in cui uno o più immobili non risultino comodamente divisibili, il giudice ha il potere discrezionale di derogare al criterio della preferenziale assegnazione al condividente titolare della quota maggiore, purché assolva all'obbligo di fornire adeguata e logica motivazione della diversa valutazione di opportunità adottata.

Ad esempio, è stato spesso assegnato l'immobile non divisibile assumendo come criterio discriminante quello dell'interesse personale prevalente dell'assegnatario, privo di un'unità immobiliare da destinare a casa familiare, rispetto al titolare di quota maggiore che disponeva di altra abitazione.

La sussistenza di seri motivi, in pratica, consente di ancorare la valutazione all'interesse economico ed individuale di uno dei richiedenti, non essendo mai stata del tutto esclusa l'adozione di un criterio diverso da quello della maggior quota anche dalle meno recenti pronunce di legittimità in tema (che si limitavano solo a privilegiare l'interesse comune).

Nella fattispecie esaminata, i giudici di legittimità hanno ritenuto che poteva essere assegnato l'immobile caduto in comunione ereditaria ai quotisti minoritari, i quali avevano prospettato, in qualità di gestori di un'azienda con sede nell'immobile stesso, che la perdita dei locali determinava la conseguente perdita dell'avviamento commerciale e pregiudicava la possibilità della prosecuzione e continuazione della stessa attività commerciale.

Quelli appena esposti sono i principi giuridici che emergono dalla lettura della sentenza della Corte di cassazione numero 22663/15.

7 novembre 2015 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ripartizione ai coeredi di un bene indiviso e non comodamente divisibile
La giurisprudenza non è sempre univoca nello stabilire la natura dell'interesse dei coeredi che può determinare l'individuazione dell'assegnatario del bene indiviso. Secondo alcune decisioni, nella divisione, salvo deroga per gravi motivi che riguardano l'interesse comune dei condividenti, devono essere preferibilmente seguiti dal giudice i criteri di attribuzione dettati dal codice ...
Alienazione della quota in comunione ereditaria - Prelazione e diritto di riscatto dei coeredi
Il coerede, che vuoi alienare a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine di due mesi dall'ultima delle notificazioni. In mancanza della notifica, ...
Comunione ereditaria di immobile non comodamente divisibile - Le regole per l'assegnazione
In caso di comunione ere­ditaria avente ad oggetto un immobile non comodamente divisi­bile, se vi sono coeredi titolari di quote identiche e tutti chiedono l'assegnazione, il giudice ha il potere-dovere di scegliere tra i più richiedenti valutando ogni ragione di op­portunità e convenienza, dandone adeguata motivazione; se poi non sia ...
Locazioni non abitative - Non può essere riconosciuto al locatore il risarcimento del danno da ritardo nella restituzione dell'immobile, qualora questo sia giustificato dal mancato pagamento al conduttore di una dovuta indennità di avviamento commerciale
All'atto della cessazione del rapporto di locazione non abitativa, in relazione alla quale il conduttore abbia diritto alla corresponsione dell'indennità per perdita dell'avviamento commerciale, permangono a carico delle parti reciproci obblighi di natura contrattuale. Permane, infatti, l'obbligo di restituzione dell'immobile gravante sul conduttore e quello di versamento dell'indennità per perdita ...
Usucapione del bene in comunione ereditaria
Per quanto attiene il possesso di un bene insieme ad altri soggetti, il godimento esclusivo della cosa comune da parte di uno dei possessori non è, di per sé, idoneo a far ritenere lo stato di fatto cosi determinatosi funzionale all'esercizio del diritto di usucapione. La circostanza venutasi a creare, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su in alcuni casi l'immobile indivisibile caduto in comunione ereditaria può essere assegnato con criterio diverso da quello della maggior quota. Clicca qui.

Stai leggendo In alcuni casi l'immobile indivisibile caduto in comunione ereditaria può essere assegnato con criterio diverso da quello della maggior quota Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 7 novembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di eredità successione e donazioni Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca