Indice del post crif eurisc – cattivi pagatori e diritto all'oblio

CRIF EURISC – cattivi pagatori eventi pregiudizievoli e diritto all'oblio

Ho chiesto recentemente un finanziamento che mi è stato negato in ragione del fatto, così mi hanno riferito, che risulto iscritta alla CRIF come cattiva pagatrice, o meglio cattivo pagatore. Cinque anni fa, in un momento di gravi difficoltà economiche, ho  sospeso il pagamento del mutuo di casa mia per un periodo di 8 mesi.. Poi però, fortunatamente, sono riuscita a ripianare i debiti con la banca ed ho ripreso a pagare le rate regolarmente. E' possibile che all'evento pregiudizievole appena riferito sia imputabile il rifiuto del  prestito richiesto? Non dovrebbe valere per tutti quelli che hanno avuto esperienze simili [ ... leggi tutto » ]

Chi è il cattivo pagatore

Il cattivo pagatore è di solito identificato con il debitore non puntuale (debitore moroso) nel corrispondere - alle scadenze concordate contrattualmente - l'importo delle  rate di un prestito personale o di un mutuo casa. Ma, possiamo anche tratteggiare il cattivo pagatore come  il debitore che, trovandosi in un momento di temporanea difficoltà economica, si trova obbligato a sospendere i pagamenti (debitore incagliato) comunicando tuttavia al proprio creditore la volontà e l'impegno ad onorare tutte le obbligazioni assunte. Abbiamo poi il debitore che, in quanto cattivo pagatore, mette consapevolmente in atto pratiche finalizzate unicamente a ritardare, per quanto possibile, le eventuali procedure [ ... leggi tutto » ]

Cosa sono gli eventi pregiudizievoli

Vediamo adesso di comprendere quali sono gli eventi, detti pregiudizievoli, in base ai quali un semplice debitore finisce con l'essere catalogato come cattivo pagatore nelle Centrali Rischi. La prima causa è il ritardo nei pagamenti delle rate del prestito ottenuto (ne basta anche uno solo). In ordine di gravità dell'evento pregiudizievole segue la transizione del credito nello stato di incaglio: cosa che avviene quando il debitore sospende - previo accordo con il proprio creditore - il pagamento delle rate a servizio del debito. A ruota troviamo poi il mancato pagamento delle rate periodiche - senza alcun accordo con il creditore e [ ... leggi tutto » ]

La CRIF: Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria

CRIF spa (Centrale di rischio finanziario) è una società  che gestisce  EURISC, un sistema di informazioni creditizie che registra  dati relativi ai rapporti di credito dei clienti, forniti direttamente da oltre 440 istituti bancari e finanziari. I dati CRIF o Eurisc sono utilizzati da tutto il sistema creditizio per la valutazione delle pratiche di finanziamento, compresi i mutui per l´acquisto di immobili. Nella banca dati CRIF circa l'85 per cento dei dati inseriti si riferiscono a persone che pagano regolarmente ed onorano il loro debito, mentre il restante 15 per cento si riferisce a quelli che vengono bollati come "cattivi pagatori". [ ... leggi tutto » ]

Codice deontologico sui Sisteni di Informazioni Creditizie (SIC)

L'Autorità per la tutela della privacy (Garante per la privacy) ha predisposto, in collaborazione con ABI (Associazione Bancaria Italiana), Assofin (Associazione Italiana del Credito al Consumo e Immobiliare), Assilea (Associazione Italiana Leasing), alcune Associazioni dei Consumatori e i Sic di CRIF, Experian e CTC, un "Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di credito al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti". In particolare, il nuovo Codice deontologico sui sistemi di informazioni creditizie, stabilisce, dal 1° gennaio 2005, le regole per l'utilizzo delle informazioni e dei dati personali; ora, per esempio, [ ... leggi tutto » ]

Tempi massimi di conservazione dei dati in CRIF EURISC

In teoria, e secondo quanto disposto dall'Autorità per la tutela della privacy i tempi di conservazione risultano essere diversi in relazione al tipo di rapporto di credito: le richieste di finanziamento vengono conservate per 6 mesi (1 mese in caso di rifiuto o rinuncia al finanziamento) dalla richiesta; le morosità di due rate (o mesi) poi sanate sono visibili per 12 mesi dalla data di regolarizzazione; le morosità superiori a due rate (o mesi) poi sanate sono visibili per 24 mesi dalla data di regolarizzazione; le morosità mai sanate rimangono visibili per 36 mesi dalla scadenza contrattuale o dall'ultimo [ ... leggi tutto » ]

Ma funziona davvero così nei sistemi di informazioni creditizie?

La tua esperienza, cara Emanuela,  come quella di  tanti altri cittadini alle prese con "incidenti di percorso", nella restituzione delle rate di finanziamento, pare testimoniare il contrario. In teoria e stando alle leggi vigenti, se un un cattivo pagatore è stato cancellato dalla Crif significa che il rapporto con la finanziaria è estinto da tempo. Andando a chiedere un nuovo finanziamento alla stessa finanziaria i precedenti ritardi non dovrebbero influire sull’istruttoria. La realtà, invece, pare essere un'altra ... sembrerebbe, infatti, che molte finanziarie si siano dotate di banche dati, cosiddette "occulte", dove le informazioni relative ai cattivi pagatori, pur [ ... leggi tutto » ]

2 agosto 2008 · Ornella De Bellis

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post crif eurisc – cattivi pagatori e diritto all'oblio. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post CRIF EURISC – cattivi pagatori e diritto all'oblio Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 2 agosto 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 2 ottobre 2017 Classificato nella categoria crif eurisc - la principale centrale rischi privata italiana Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca