Cresce l’indebitamento: è allarme usura

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Negli ultimi 5 anni (novembre 2002 – novembre 2007) l’indebitamento delle famiglie italiane è lievitato dell’81,5% raggiungendo un livello medio pari a 14.800 euro mentre si fa sempre più concreto il rischio usura come attesta l’aumento delle denunce passate, tra il 2000 e il 2006, da 852 a 1.135 di un fenomeno il cui giro d’affari oscilla tra i 15 ed i 20 miliardi di euro l’anno. E’ la Cgia di Mestre a scattare la fotografia sulle difficoltà in cui versano le famiglie italiane. “Negli ultimi 5 anni – rileva la Cgia di Mestre – è aumentato sia l’indebitamento delle famiglie italiane sia l’usura. Dal 2002 al 2007 in media ogni nucleo familiare del Paese ha visto lievitare dell’81,5 % il proprio ”cumulo” di debiti nei confronti del sistema bancario (in termini assoluti l’indebitamento medio delle famiglie è pari a 14.800 euro). Mentre, tra il 2000 e il 2006, le persone denunciate per usura all’Autorità giudiziaria sono passate da 852 a 1.135″, si legge nel rapporto presentato oggi”.

”E’ probabile – commenta Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre – che ci sia una correlazione molto stretta tra i due fenomeni. Ovvero, l’aumento delle esposizioni debitorie delle famiglie potrebbe aver favorito il ricorso di quest’ultime a forme di prestito illegali per fronteggiare le oggettive difficoltà economiche che stiamo vivendo in questi ultimi anni”. Se poi l’attenzione si focalizza su commercianti, artigiani, esercenti e piccoli imprenditori la sentenza è altrettanto chiara e sconfortante: ”Il tributo pagato per la lievitazione del capitale e degli interessi applicati dagli usurai a queste categorie – prosegue Bortolussi – oscilla, a nostro avviso, tra i 15 e i 20 miliardi di euro l’anno. Una stima molto spannometrica, vista la difficolta’ oggettive che non ci consentono di dimensionare un fenomeno così sommerso come l’usura”.

Il rischio usura, comunque, è da mettere in stretta relazione, per la Cgia di Mestre, con “il crescente impoverimento delle famiglie e con la mancanza di liquidità che le spinge a continue richieste di finanziamenti”. Leciti ma, purtroppo, anche illeciti. La situazione peggiore sul fronte dello strozzinaggio, sempre basandosi sul numero di persone denunciate, è la Campania che nel 2006 ha registrato 186 denunce (+ 80 tra il 2000 e il 2006). Seguono Calabria, con 123 denunce (+ 52 tra il 2000 e il 2006), Puglia con 114, Sicilia con 109, Lazio con 99 e Lombardia con 98. Il Piemonte, invece, dove i casi di usura rilevati nel 2006 sono stati 85, risulta essere una delle regioni in cui il fenomeno criminoso è cresciuto maggiormente negli ultimi sei anni analizzati (+57) Ci sono pero’ anche Regioni in cui le denunce calano, anche se questo non necessariamente e’ da legare ad una flessione del fenomeno: il Lazio, per esempio, e’ passato dalle 162 denunce del 2000 alle 99 del 2006 con una flessione del 63% cosi’ come la Sardegna ha registrato un calo del 18% passando delle 32 del 2000 alle 14 del 2006.

24 Novembre 2007 · Patrizio Oliva



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Cresce l’indebitamento: è allarme usura Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 24 Novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!