I creditori possono ottenere il pignoramento della casa e la successiva vendita all'asta per rientrare dei crediti non onorati

Buona sera ,allora mi scusi se puo io spiego velocemente quello che mi è successo .in passato ho perso mio padre e mia mamma ha deciso di vendere una casa che mi aveva comprato lui e comprarne una piu grande per andarci a vivere tutti insieme ,ovvero io mia madre e mio marito .qualche mese prima avevo aperto un'attivita e per fronteggiare le spese ho preso vari prestiti,sono passati due anni e non riesco a pagare piu .cosi volevo rinegoziare il mutuo ma la persona a cui mi ero rivolta ha fatto passare troppo tempo e cosi io e mia madre siamo diventate cattive pagatrici e quindi niente piu mutuo .dopo di cio ho conosciuto un'altra persona che mi ha consigliato di prendere una cessione del quinto sula pensione di mia madre ed a me ha consigliato vedere casa a mio marito e chiudere attivita che un mese dopo ha poi riaperto mio marito .in conclusione volevo sapere se rischio comunque di perdere casa ( è l'unica cosa che a me interessa ).(ho un prestito con la renault di 16000,00 e mancano da dare 6500,00 ,prestito citifin 18000,00 mancano 15000,00 circa intestati solo a me ed invece mia madre ha prestito consel 32000,00 rimanenza 24000′00 prestito citifin 18000,00 rimanenza 16000,00 + mutuo su casa rimasto intestato a mia madre di 119000,00 rimanenza 104000,00)di questi paghiamo regolarmente mutuo e tutti e due i prestiti citifin sia il mio che di mamma gli altri due proprio non ci riusciamo iva e inps rateizzata e sto cercando di pagarla cosi non ce ce la facciamo più mi auguro di essere stata chiara grazie P.S. sono ancora regolarmente sposata in separazione dei beni non so se puo essere utile

I creditori possono cottenere il pignoramento della casa e la successiva vendita all'asta per rientrare dei crediti non onorati.

Comunque, dovendo scegliere, conviene privilegiare sempre i crediti INPS ed IVA. In pratica quelli dello stato che vengono riscossi da Equitalia o società collegate. L'agente della riscossione Equitalia, infatti, non ha bisogno di un decreto ingiuntivo per ottenere il pignoramento.

Cerco di spiegarmi meglio.

Con una cartella esattoriale non pagata, Equitalia si reca in cancelleria e può cominciare la procedura di pignoramento.

La finanziaria, invece, deve citarti in tribunale e ottenere dal giudice (dopo verifica delle carte che attestano il debito) quello che si chiama decreto ingiuntivo.

Solo a questo punto la finanziaria può iniziare la procedura di pignoramento dell'immobile.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

20 settembre 2010 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento della prima casa » Facciamo chiarezza
In tema di pignoramento immobiliare, ultimamente, i debitori italiani stanno facendo un pò di confusione. Dopo gli ultimi sviluppi normativi, infatti, molti si chiedono se sia stata disposta la cosiddetta impignorabilità della prima casa, oppure no. Obiettivo dell'articolo è chiarire al lettore questo aspetto. ...
Dopo il pignoramento – evitare asta della casa
La proprietà dell'immobile si perde dopo la sentenza di esproprio, che è successiva all'aggiudicazione dell'asta (che non necessariamente sarà al primo incanto). Fino a quel momento la casa è ancora del debitore che può benissimo venderla, fatti salvi gli effetti dei vincoli gravanti. Si sono inserite nel mercato, partendo da ...
Equitalia » Inutile vendere casa al marito per sfuggire al debito
Disfarsi in extremis della proprieta` del bene fingendosi incapiente, non e` un rimedio valido che salva da quanto dovuto a Equitalia per non aver pagato la cartella esattoriale notificata. L'agente della riscossione, ai sensi dell'articolo 49, comma 1, del Dpr 602/1973, può mettere in pratica ogni azione cautelare e conservativa ...
Pignoramento immobiliare » Casa all'asta invenduta per deprezzamento del valore del bene? Fine della procedura esecutiva
Novità dalla riforma della giustizia civile: dopo il pignoramento, l'immobile non viene venduto nonostante i continui ribassi? La procedura esecutiva si ferma. E' quasi impercettibile e quasi nessuno se ne è accorto, ma l'articolo esiste. Si tratta del 164 bis della legge 162/2014, la riforma della giustizia civile appunto, il ...
Cartelle esattoriali di equitalia e pignoramento della casa » Diritti doveri e consigli per evitare l'espropriazione dell'immobile
Debiti per cartelle esattoriali di equitalia non pagate: è possibile perdere il proprio immobile per pignoramento? Quali sono i diritti che tutelano il debitore? Ecco alcuni consigli e doveri per evitare l'espropriazione dell'immobile. Contro il pignoramento dell'immobile, per eventuali cartelle esattoriali di Equitalia non pagate, quali sono gli strumenti del ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i creditori possono ottenere il pignoramento della casa e la successiva vendita all'asta per rientrare dei crediti non onorati. Clicca qui.

Stai leggendo I creditori possono ottenere il pignoramento della casa e la successiva vendita all'asta per rientrare dei crediti non onorati Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 20 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 10 marzo 2018 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca