Il creditore deve provare l'invio del preavviso di segnalazione ai SIC

Il “Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti” (Autorità per la tutela dei dati personali e della privacy) dispone che al verificarsi di ritardi nei pagamenti, il creditore aderente al sistema di informazioni creditizie (SIC) debba avvertire il debitore circa l’imminente registrazione dei dati in uno più sistemi di informazioni creditizie. I dati relativi al primo ritardo devono essere resi accessibili a banche e finanziarie convenzionate con i SIC solo dopo almeno quindici giorni dalla spedizione del preavviso di segnalazione al debitore.

Lo scopo della disposizione è, evidentemente, quello di avvisare il debitore dell’imminente segnalazione in modo da consentirgli di eliminarne il presupposto, adempiendo immediatamente al proprio debito.

Naturalmente, la norma è applicabile anche ai garanti quali soggetti coobbligati. Ed infatti il Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati, dispone anche che il trattamento effettuato nell’ambito di un sistema di informazioni creditizie riguarda non solo i dati riferiti al soggetto che chiede di instaurare o è parte di un rapporto di credito con un partecipante, ma anche quelli degli eventuali soggetti coobbligati.

L’effettività di tale regola è logicamente connessa alla circostanza che il preavviso di segnalazione non solo venga inviato, ma pervenga altresì a conoscenza della persona alla quale è destinato (debitore principale e coobbligati). Ora, com’è noto, in base alle norme del codice civile, le dichiarazioni dirette ad una determinata persona si reputano conosciute nel momento in cui giungono all’indirizzo del destinatario.

Pertanto, sebbene il codice deontologico non preveda testualmente l’invio dell’avviso mediante raccomandata, è evidente che, sulla base delle disposizioni generali del codice civile, incombe sul creditore, che eccepisce di aver provveduto alla trasmissione del preavviso, l’onere di provare la ricezione dello stesso.

Alla luce di quanto precede la segnalazione, per la quale il creditore non sia in grado documentare l’invio e la ricezione della comunicazione di preavviso, risulta illegittima e comporta il conseguente diritto del debitore principale, nonché degli eventuali coobbligati, cointestatari e garanti, ad ottenerne la cancellazione.

Così ha stabilito l’Arbitro Bancario Finanziario nella decisione numero 2852/12.

2 Settembre 2014 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Preavviso di segnalazione in Centrale Rischi - Se omesso la segnalazione è illegittima
Ai fini della liceità e della correttezza delle segnalazioni in Centrale Rischi gestite da società private, in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, è necessario che il preavviso di segnalazione sia non solo inviato, ma altresì pervenuto all'indirizzo del debitore al quale è destinato. Nel caso in cui il destinatario neghi di aver ricevuto detto preavviso, la banca, o la finanziaria segnalante, è tenuta a fornire la prova della sua ricezione. Ove la tempestiva comunicazione del preavviso non risulti provata, la segnalazione è da ritenersi illegittima. Il preavviso di segnalazione, come puntualizzato dal Garante Privacy, costituisce ...

Risarcimento danni da segnalazione illegittima in Centrale Rischi - il debitore deve dimostrare di non essere un cattivo pagatore
Secondo la normativa vigente, la giurisprudenza civile e quella dell'Arbitro Bancario Finanziario, i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi privata (CRIF, Experian, CTC) sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare il segnalando della prossima sua iscrizione in una centrale rischi. Per quanto attiene entrambi gli aspetti appena citati, il preavviso di segnalazione in Centrale Rischi riveste la funzione di consentire al debitore di non incorrere nella segnalazione: il destinatario del preavviso potrebbe, infatti, far rilevare la mancanza del presupposto sostanziale ...

Cattivi pagatori e preavviso di segnalazione con posta ordinaria - non sempre illegittima l'iscrizione in Centrale Rischi
Secondo la normativa vigente i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi, sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare il segnalando della prossima sua iscrizione in una centrale rischi. Tuttavia circa gli effetti dell'inadempimento dell'obbligo di preavviso sussistono orientamenti diversi. Più specificatamente il Collegio di Roma dell'Arbitro Bancario Finanziario, sulla base dell'assunto che quello di preavviso è un obbligo ex lege che incombe sul segnalante e che l'adempimento di tale obbligo è condizione di legittimità della susseguente segnalazione del cliente in ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il creditore deve provare l'invio del preavviso di segnalazione ai sic. Clicca qui.

Stai leggendo Il creditore deve provare l'invio del preavviso di segnalazione ai SIC Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 2 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria decisioni Arbitro Bancario Finanziario in tema di protesto e segnalazione illegittima in centrale rischi Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)