Indice del post gli aspetti fiscali e le pratiche amministrative di un'associazione

Nell'articolo che segue, spiegheremo, in termini semplici, come costituire un'associazione (culturale, politica, sportiva, onlus ecc): tratteremo nel dettaglio la questione, passando dagli aspetti fiscali fino alle prassi amministrative. L'associazione, in pratica, è un Ente privato senza finalità di lucro, costituita da un gruppo di persone unite per il raggiungimento di un determinato scopo di interesse collettivo e che utilizza le proprie risorse finanziarie per scopi, educativi, religiosi,culturali, sociali, di pubblica utilità. Le associazioni si possono dividere in “non riconosciute” e “riconosciute”: la differenza consiste nell’aver ottenuto o meno la “personalità giuridica. La maggior parte delle Associazioni esistenti sono quelle [ ... leggi tutto » ]

Il diritto di associarsi liberamente, senza alcuna autorizzazione, per fini che non siano vietati dalla legge, è espressamente riconosciuto a tutti i cittadini dalla Costituzione della Repubblica Italiana. Nell'esercizio di questo diritto vengono dunque costituite associazioni per i fini più diversi. Basta pensare alla miriade di associazioni sportive, ma anche alle associazioni culturali, politiche (anche i partiti non sono altro che associazioni), alle pro loco, e alle varie forme di associazioni di volontariato o di beneficenza. L'unico limite è rappresentato dalla necessità di perseguire uno scopo ideale o altruistico, che si contrappone allo scopo, definito egoistico, delle società commerciali. [ ... leggi tutto » ]

Anche nella gestione delle associazioni diventa sempre più importante tenere conto degli aspetti fiscali: un alcuni casi, infatti, per evitare di dover applicare le regole dettate per gli enti commerciali è necessario che lo statuto contenga una serie di clausole previste dalla legge. Chiariamo subito che la maggior parte delle associazioni non è obbligata a fare queste modifiche. Si tratta delle associazioni che svolgono la propria attività istituzionale esclusivamente a favore degli associati, i quali versano soltanto le quote o i contributi associativi annuali. In questo caso l'attività svolta dall'associazione non è considerata commerciale, e le somme versate dagli [ ... leggi tutto » ]

Come noto, nel nostro ordinamento, le persone giuridiche (associazioni riconosciute, fondazioni, enti religiosi) sono sempre state sottoposte a controlli particolarmente stretti da parte dello Stato. Ancora oggi per l'acquisto della personalità giuridica è necessario il riconoscimento, atto discrezionale subordinato a valutazioni di opportunità da parte della pubblica amministrazione. Le cose sono cambiate, invece, per quanto riguarda gli acquisti di beni immobili e l'accettazione di donazioni, eredità o legati. Oggi le associazioni e gli enti di ogni genere possono acquistare liberamente beni immobili, senza bisogno di alcuna autorizzazione, così come non occorre più alcuna autorizzazione per l'accettazione di donazioni, eredità [ ... leggi tutto » ]

Il termine ONLUS, ha avuto una rapida diffusione e viene spesso adoperato a sproposito per indicare qualsiasi ente non commerciale, e in particolare le associazioni. In realtà bisogna fare molta attenzione, perché l'uso del termine ONLUS è rigorosamente vietato a chi non possiede i requisiti previsti dalla legge. La categoria degli enti non commerciali comprende una vasta serie di associazioni, comitati e fondazioni accomunati dal perseguimento di uno scopo ideale o altruistico, che si contrappone allo scopo, definito egoistico, delle società commerciali, consistente nell'ottenere un vantaggio economico per il socio. Per questa ragione gli enti non commerciali godono di [ ... leggi tutto » ]

L'intervento diretto dei privati nello svolgimento di opere con finalità caritatevoli è sempre stato un fenomeno diffuso, inizialmente caratteristico di organizzazioni connotate religiosamente, e in seguito esteso anche a gruppi laici. Negli ultimi anni, però, il fenomeno del volontariato è cresciuto in modo significativo, arrivando a sopperire, almeno in parte, alle piccole o grandi mancanze della pubblica amministrazione in molti campi di intervento. Anche il legislatore si è reso conto dell'importanza di queste organizzazioni private, e ha dettato alcune norme destinate ad agevolarne l'attività, almeno sotto il profilo fiscale. Naturalmente, la legge ha fissato una serie di requisiti piuttosto [ ... leggi tutto » ]

La legge italiana consente la più ampia libertà di scelta della forma organizzativa per gli enti sportivi dilettantistici. L'obbligo di costituirsi nella forma di società di capitali (srl o spa), infatti, riguarda solo le organizzazioni che intendono stipulare contratti con atleti professionisti. Tuttavia, bisogna tenere presente che l'adozione di una forma societaria comporterebbe il diniego del riconoscimento da parte del Coni, in base alle norme interne che regolano l'attività sportiva organizzata. Ecco perché nell'ambito dello sport dilettantistico la forma giuridica più diffusa rimane sempre l'associazione sportiva non riconosciuta. Questa comporta necessariamente l'assoluta mancanza di finalità di lucro da parte [ ... leggi tutto » ]

La collaborazione di due o più persone nell'esercizio di un impresa comporta normalmente la costituzione di una società, in uno dei diversi tipi previsti dalla legge. Tuttavia, in certi casi può accadere che la partecipazione di uno o più persone all'impresa sia limitata all'apporto di un capitale, oppure di attività lavorativa, senza un'effettiva partecipazione alla gestione. In questo caso la forma giuridica più appropriata è quella dell'associazione in partecipazione. L'associazione in partecipazione è infatti un contratto con cui un imprenditore (che viene definito "associante") attribuisce a un altro soggetto (chiamato "associato") una partecipazione agli utili della sua impresa, oppure [ ... leggi tutto » ]

15 febbraio 2016 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Chi risponde dei debiti di una associazione?
Le associazioni si dividono in due grandi categorie: riconosciute e non riconosciute. Le associazioni riconosciute hanno personalità giuridica e, di conseguenza, un'autonomia patrimoniale perfetta, in virtù della quale si determina la netta separazione del patrimonio dell'associazione da quella di ciascuno dei soci. Pertanto i debiti contratti dall'associazione devono essere rimborsati ...
I servizi più utili messi a disposizione dalla Banca d'Italia per i contribuenti » Dagli esposti agli accessi alle centrali rischi passando per i ricorsi all'Abf
La banca d'italia ha messo a disposizione dei cittadini/contribuenti una serie di servizi molto utili: vediamo quali. La banca d'italia ha messo a disposizione dei contribuenti un elenco di servizi, piuttosto utili: si va dalla presentazione degli esposti, per problemi con istituti di credito o intermediari finanziari, all'accesso alle centrali ...
Contratto di mutuo – aspetti fiscali
Per aver diritto alle detrazioni in sede di dichiarazione dei redditi, l'immobile va adibito ad abitazione principale entro un anno dall'atto di mutuo. Per abitazione principale si intende quella dove dimorano abitualmente il mutuatario o i suoi familiari. La detrazione spetta al titolare del contratto di mutuo, anche se l'immobile ...
Costituire una società cooperativa » Scopriamo principi scopi e vantaggi di questo tipo d'impresa
Nell'articolo che segue scopriremo come, quando e per quali scopi è possibile costituire una società cooperativa, prevista dell'ordinamento giuridico italiano. Per il codice civile italiano, una società cooperativa è una società costituita per gestire in comune un'impresa che si prefigge lo scopo di fornire innanzitutto agli stessi soci (scopo mutualistico) ...
Assistenza tecnica nel contenzioso dopo la riforma del processo tributario - Quando il contribuente può difendersi in giudizio da solo
La novità di rilievo introdotta dalla riforma del processo tributario attuata dal governo grazie alla legge delega 23/2014, è quella che include, fra i soggetti che possono assistere in giudizio il contribuente, anche i dipendenti dei centri di assistenza fiscale (CAF) e delle relative società di servizi, che siano in ...

Spunti di discussione dal forum

Palestra in associazione e debiti – Chi ne risponde?
Due anni fa, io insieme ad altri soci, abbiamo costituito un'associazione (non riconosciuta), per mettere su un'attività (palestra). Purtroppo, le cose non sono andate come dovevano e abbiamo accumulati svariati debiti con fornitori ed altri creditori. Vorrei sapere, in questo tipo di associazione, rispondono tutti i soci, anche con il…
Decreto ingiuntivo enel verso associazione sportiva dilettantistica
La precedente associazione contrae un debito con Enel di 20 mila euro, per bollette non pagate nel 2008 e 2009. Nel 2009 cambia gestore e si affida a Edison. Nel 2012 cessa di esistere. Nel frattempo nello stesso impianto insiste un'altra associazione sportiva con altra ragione fiscale. In ottobre 2015…
Cambio residenza fittizia
Vorrei riuscire a staccarmi dallo stato di famiglia d'origine: io abito con mia moglie e i miei due figli piccoli di 8 mesi e 3 anni con i miei genitori, mio fratello. la moglie e, tra poco, con loro figlio. Vorrei potermi staccare dallo stato di famiglia per poter abbassare…
Accordo tra ABI e Associazioni dei consumatori – Sospensione della quota capitale del credito alle famiglie
Con questo accordo si prevede che le famiglie possano ottenere la sospensione della quota capitale del finanziamento per massimo 12 mesi. Io ho 4 rate arretrate, se ne pago una posso rientrare nei parametri anche se la finanziaria ha dato mandato ad un ufficio recupero crediti? (uno dei vincoli è…
Conto corrente pignorato ma in rosso – Possiamo chiuderlo?
Siamo una Associazione di promozione sociale che purtroppo ha avuto il conto pignorato, pur essendo fortemente in rosso ma coperto da fido. Vorremmo chiuderlo per cessare l'associazione e la banca mi propone un finanziamento per saldare il fido e chiudere il conto volevo sapere ma è possibile chiuderlo semplicemente cosi…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post gli aspetti fiscali e le pratiche amministrative di un'associazione. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Gli aspetti fiscali e le pratiche amministrative di un'associazione Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 15 febbraio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria avvio attività Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca