Dopo la sospensione del pagamento della quota capitale dei prestiti le banche non dovrebbero far pagare anche lo spread al debitore

Secondo il Collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario (decisione 4136/15) le norme concordate fra ABI ed Associazioni di consumatori, che regolano sospensione della quota capitale dei prestiti erogati nell'ambito del credito al consumo e dei mutui garantiti da ipoteca su abitazione principale muovono dal presupposto secondo cui, al termine del periodo di sospensione, alla banca mutuante debba essere corrisposto il costo che durante la sospensione essa sostiene per procurarsi sul mercato interbancario la provvista di denaro goduta dal beneficiario nel periodo di sospensione (cioè il debito residuo esistente a quel momento).

Tale costo è dato appunto dalla componente di riferimento dei tassi contrattuali d'interesse, ossia dall'Euribor per quelli variabili e dall'IRS per quelli fissi.

Una interpretazione diversa, secondo la quale, durante la sospensione, debba essere salvaguardato anche il margine di profitto della banca mutuante, ossia la differenza (o spread) tra il suddetto tasso di rifinanziamento e l'ammontare degli interessi che sono stati contrattualmente pattuiti, farebbe gravare sui mutuatari beneficiati i costi della sospensione.

Invece, le banche dovrebbero concorrere alla realizzazione di quelle istanze di tutela dei mutuatari appartenenti alle fasce sociali più deboli, e pertanto più esposte alle conseguenze della crisi economica.

15 giugno 2015 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sospensione della quota capitale dei prestiti erogati nell'ambito del credito al consumo e dei mutui garantiti da ipoteca su abitazione principale
L'accordo siglato da Associazione Bancaria Italiana (ABI) e dalle associazioni di consumatori prevede la sospensione per un massimo di 12 mesi della sola quota capitale per i crediti al consumo di durata superiore a 24 mesi e per i mutui garantiti da ipoteca su abitazione principale. La sospensione può essere ...
Beneficio della sospensione del pagamento delle rate mutuo - Può accedervi anche il mutuatario licenziato per giusta causa se ha impugnato il provvedimento
Negli ultimi anni sono state realizzate diverse iniziative a sostegno della clientela in difficoltà nel pagamento delle rate di mutuo. In particolare, il 31 marzo 2015 l'ABI e varie associazioni dei consumatori hanno sottoscritto un accordo per la sospensione del credito alle famiglie. Tale accordo prevede, al ricorrere di specifiche ...
Sospensione pagamento mutuo - Gli interessi vanno calcolati solo sull'importo delle rate sospese
Le rate del mutuo sospese,  sia quando la sospensione sia stata disposta  dalla legge (ad esempio sisma in Abruzzo o nel caso Fondo di solidarietà con intervento di Consap) sia che essa sia frutto di volontaria adesione delle banche alle  indicazioni dell'ABI,  sono  collocate in coda al piano di  ammortamento, che ...
Credito ai consumatori » il mondo dei prestiti e dei finanziamenti: i diritti dei consumatori contro l'impero delle banche
L'arbitro Bancario Finanziario (Abf), numerosissime volte, si è concentrato sulla tematica concernente il credito ai consumatori da parte delle banche (prestiti, finanziamenti, ecc). L'Abf è ormai diventato un punto di snodo fondamentale nelle controversie tra istituti di credito e consumatori. I ricorsi all'Abf, infatti, negli anni addietro, sono aumentati del ...
Mutuo prima casa e sospensione rate » Occhio agli interessi
Dopo aver contratto un mutuo, a causa della crisi economica, molti mutuatari hanno perso il lavoro e non riescono più a estinguere il debito con le banche. Per aiutare queste persone il governo ha da tempo attivato dei Fondi di solidarietà che consentono alle famiglie di sostenere il pagamento delle ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dopo la sospensione del pagamento della quota capitale dei prestiti le banche non dovrebbero far pagare anche lo spread al debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Dopo la sospensione del pagamento della quota capitale dei prestiti le banche non dovrebbero far pagare anche lo spread al debitore Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 15 giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 22 ottobre 2017 Classificato nella categoria decisioni Arbitro Bancario Finanziario adottate dal Collegio di Coordinamento Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca