Cosa si può dire di definitivo sul problema della scelta fra tasso fisso e tasso variabile per un mutuo casa? E’ vero che i mutui a tasso variabile sono più rischiosi?

Devo acquistare casa ed ho bisogno di un mutuo: alcuni mi consigliano il tasso variabile, asserendo che a lungo termine è più conveniente di quello fisso, altri mi dicono che il tasso fisso è troppo rischioso per una famiglia.

La stessa banca a cui mi sono rivolta per l’erogazione del mutuo, mi consiglia di scegliere un tasso variabile, confortata dal fatto, dice, che l’euribor è in discesa.

Cosa si può dire di definitivo sul problema della scelta fra tasso fisso e tasso variabile per un mutuo casa?

E’ vero che i mutui a tasso variabile sono più rischiosi?

Un grazie sentito da Loredana Cassia

Il mutuo a tasso variabile è più rischioso del fisso, ed è alla base di molte delle attuali difficoltà delle famiglie italiane.

Non sono io a dirlo, ma un’indagine della Banca d’Italia. Questa indagine rileva che alla fine del 2007 circa il 75% dei prestiti per comprare la casa risultava contratto con la formula del tasso variabile.

Bankitalia non va a scavare sul perché questo sia successo, ma di frequente i clienti lamentano che sono stati proprio gli istituti di credito a orientarli verso il tasso variabile.

Secondo l’analisi della Banca d’Italia i mutui a tasso variabile concessi nel 2004 hanno una probabilità di entrare in sofferenza più che doppia rispetto a quella dei contratti a tasso fisso. Il rischio che i conti non tornino è particolarmente alto per i mutuatari più giovani, per chi vive al Sud e per gli immigrati extracomunitari. Il differenziale di rischio è massimo per i prestiti erogati alla fine del 2005, quando i tassi d’interesse di mercato hanno toccato il valore minimo: da allora alla metà del 2007 il tasso di interesse «mediano» sui mutui a tasso variabile è salito da 3,7 a 5,5%, mentre il costo di quelli a tasso fisso è salito dal 5 al 5,9%.

Il periodo 2004-2007 è stato di boom per i mutui (di ogni tipo). Le banche italiane ne hanno erogati per un valore cumulativo che supera i 60 miliardi di euro all’anno, senza precedenti nel passato. Bankitalia rileva che «l’insieme di questi fattori potrebbe aver favorito l’accesso al credito da parte di fasce di clientela precedentemente escluse dal mercato perché finanziariamente più fragili, aumentando non transitoriamente la rischiosità, tradizionalmente molto bassa, dei mutui alle famiglie italiane».

In parole povere è avvenuto da noi l’equivalente di un’esplosione di quelli che in America chiamano i mutui «subprime», cioè destinati a fasce sociali meno ricche, e questo ha aumentato il rischio medio. Alla fine del 2007, dice la Banca d’Italia, «il 3,5% dei mutui aveva registrato un ritardo nel pagamento di una o più rate; l’1,2% era classificato come incagliato, e lo 0,63% era passato a sofferenza». In totale, c’erano problemi per 5,3 mutui su cento.

Nel quadriennio in esame è anche aumentato l’importo medio dei mutui: da 125.000 a 138.000 euro. Ma la corsa al mutuo è partita assai prima del 2004: nel periodo tra il 1998 e il 2007 i prestiti alle famiglie per acquisto di abitazioni sono aumentati in Italia mediamente del 17,2% all’anno.

29 Ottobre 2008 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Tasso fisso o tasso variabile per i mutui casa?
Dovendo acquistare casa e stipulare un mutuo perchè non ho tutti i soldi, la domanda è: meglio un mutuo a tasso fisso o uno a tasso variabile? Vi sarei grata per una sollecita risposta. Marina, Frosinone. Mai come adesso è consigliabile il tasso fisso: sul mercato al 5%, ma non durerà per molto. Diciamo che rispetto ad agosto la situazione è addirittura peggiorata perché è aumentata la differenza tra i tassi attuali e quelli pagati nel 2006 e utilizzati per la rideterminazione della rata. Questo potrebbe comportare un ulteriore allungamento della durata del prestito. Nonostante la crisi i mutui si ...

Passando da tasso variabile a tasso fisso è necessario pagare penali?
Ho un mutuo a tasso variabile e volevo chiedervi se chiedendo alla mia banca di passare al tasso fisso vado incontro al pagamento di penali salate. Grazie per l'attenzione. Per passare da un mutuo a tasso variabile a uno a tasso fisso, che offre quindi la certezza di una rata costante, con offerte in pratica equivalenti a quelle del tasso variabile, ci sono varie possibilità. Si può farlo con la stessa banca con cui si ha il mutuo in corso, se l'istituto di credito lo consente: ma nella maggior parte dei casi non è possibile, se non accendendo un nuovo ...

Devo comprare la casa: meglio il mutuo a tasso fisso o a tasso variabile?
Salve, volevo chiedervi un parere. Dovendo comprare casa ed essendo, purtroppo, costretta a chiedere un mutuo, mi conviene optare per il tasso fisso o per quello variabile? Voi cosa ne pensate? Attendo una cortese risposta, grazie. Lucia Nasprato, Casoria (NA) L'esperto consiglia ancora il tasso fisso, che si rivela al momento più conveniente. Chi vuole optare per il variabile, puntando sulla discesa in tempi non lunghi dell'Euribor, deve tenere presente che l'effetto delle misure anti crisi lanciate dai governi e dei tagli dei tassi operati dalla Bce potrebbe essere più lento del previsto a realizzarsi: quindi deve fissare una rata ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa si può dire di definitivo sul problema della scelta fra tasso fisso e tasso variabile per un mutuo casa? e’ vero che i mutui a tasso variabile sono più rischiosi?. Clicca qui.

Stai leggendo Cosa si può dire di definitivo sul problema della scelta fra tasso fisso e tasso variabile per un mutuo casa? E’ vero che i mutui a tasso variabile sono più rischiosi? Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 29 Ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria mutui casa - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)