Cosa posso fare per tutelare il mio compagno che non è assolutamente coinvolto nè garante dei miei debiti?

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Ho contratto cinque anni orsono un debito personale con un conoscente che era anche il mio padrone di casa nell’aprile 2005 di circa 17000 euro.

Ho pagato dall’aprile del 2005 al gennaio del 2006 circa 3500 del debito che è stato regolamentato solo da un foglio nel quale io ammettevo il debito e concordavo la restituzione senza interessi .

Nello stesso anno ho dovuto chiudere la mia società di persone dichiarando il fallimento in proprio . ho informato la persona con la quale avevo contratto il debito che a causa del fallimento e delle crescenti difficoltà economiche dovute anche dalla mia separazione (ora sono divorziata) non ero in grado in quel momento di continuare ad onorare il debito contratto. Ho avuto contatti con il creditore sino al Gennaio del 2009 quando ci accordammo che in caso di modifica delle mie condizioni lo avrei tempestivamente informato ed avrei ricominciato a pagare , concordando l’importo,che avrei di volta in volta pagato per pagare interamente il debito contratto.

Negli ultimi giorni di Aprile ho ricevuto una lettera raccomandata da una società di recupero credito associata UNIREC che mi chiedeva l’importo richiesto maggiorato degli interessi entro 15 giorni. Ho chiesto spiegazioni (gli interessi non risultavano essere richiesti dal foglio di ammissione del debito) e mi e’stata inviata una mail nella quale l’importo era stato scorporato del computo degli interessi.

Il contatto da parte della Società successivo alla lettera mi accusava di negare il debito visto che chiedevo spiegazioni. Ho cercato di spiegare la situazione mi è stato detto che l’atteggiamento che un debitore dovrebbe avere era differente dal mio. Ho scritto una mail su richiesta della società nella quale avrei dovuto evidenziare la mia situazione cosa che ho fatto. (Non avevo ne ho intenzione di negare la mia situazione debitoria)

La mia situazione è oggettivamente la seguente: 

Convivo stabilmente con il mio compagno e mia figlia nei giorni in cui è con me (affidamento congiunto) , con residenza di mia figlia presso di me , figlia per la quale percepisco un assegno (non per me.,

Ho rinunciato al mantenimentopersonale),ho un contratto di locazione intestato a me ed al mio compagno, ho dichiarato fallimento in proprio e non ho ancora ricevuto la riabilitazione in bonis, i mobili all’interno dell’appartamento sono usati e ci sono stati donati dai nostri familiari , una buona parte sono del mio compagno e di molti abbiamo la fattura ed il contratto di finanziamento a lui intestato per l’acquisto degli stessi ancora in essere, non ho una macchina, non ho un conto corrente, il mio contratto a progetto scade a fine maggio ed al momento non ho avuto informazioni circa la possibilità di rinnovo. 

A fronte di questa mail nella quale evidenziavo la mia situazione , su mio sollecito, mi è stato risposto che il creditore aveva deciso di procedere e che avrei ricevuto nei prossimi giorni (quando?) la visita di un esattore della mia zona. 

Cosa devo fare ? Sono obbligata a far entrare in casa l’esattore?

Che cosa posso fare per tutelare il mio compagno che non è assolutamente coinvolto ne garante del mio prestito ?

Come posso dimostrare che non ho effettivamente cose mie se non libri, suppelletili varie e la cucina regalatami di seconda mano da mia mamma cinque anni orsono quando ha cambiato la sua ?

Esiste prescrizione per questo tipo di debito?

Attendo qualche suggerimento perché non so proprio cosa fare….
Grazie a chi mi vorrà rispondere…

La discussione continua in questo forum.

11 Agosto 2010 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Piena di debiti per colpa di mio padre, cosa posso fare?
Vi spiego la mia situazione rovinata dai miei genitori; tutto cominciò quando avevo 18 anni, mio padre per lavorare doveva aprire una società e non potendo sotto il suo nome, lo fece con il mio e con quello di mia sorella, sull'atto notarile c'è scritto che io sono l'amministrativa, mia sorella socio e mio padre quello che lavora per noi, io e mia sorella abbiamo il 45% della società e quindi mio padre solo il 10%. Lo sbaglio è stato mio firmando tutti quei fogli ma pensavo che non ci avrebbe mai messo nei casini e non fu cosi, dopo ...

Pignoramento casa e debiti vari e sto per andare in pensione quota 100 - Cosa posso fare per uscire da questo labirinto?
Sono carico di debiti, una cessione di 1/5 in corso, una delega di pagamento sempre di 1/5 ed un pignoramento: tutti questi debiti mi portano al di sotto della metà dello stipendio che detratto l'IRPEF, le figlie e moglie a carico lo stipendio netto arriva a 500 euro. Il mutuo contratto è di 580 euro per venti anni. Sono riuscito a pagare per quasi due anni ma poi non c'è l'ho fatto più o mangiavo o pagavo il mutuo. Per sopravvivere ho scelto di staccare il mutuo: la banca ha dato mandato ad una società di recupero crediti. Io sto ...

Sono nullatenente ed Equitalia non è riuscita a riscuotere i miei debiti con l'INPS - Cosa succede ora?
Sono un lavoratore autonomo: non avendo i soldi non ho pagato i contributi e dopo solleciti da parte dell'Inps è arrivata la cartella di Equitalia. Equitalia non ha proceduto con un pignoramento presumo perché io non ho nulla intestato, non posseggo nemmeno un'autovettura. A questo punto il debito che avrei dovuto pagare a Equitalia è ritornato nelle mani dell'Inps? Mi spiego meglio, io avevo il debito con Inps che si è affidata a Equitalia per riscuoterlo forzosamente, non essendoci riuscita Equitalia cosa fa? Restituisce il debito a Inps dicendogli che non è riuscita a riscuotere oppure rimane in carico sempre ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa posso fare per tutelare il mio compagno che non è assolutamente coinvolto nè garante dei miei debiti?. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)