Corsie riservate al transito dei mezzi pubblici: se le telecamere non risultano auorizzate dal ministero, le multe sono illegittime

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Multe illegittime sulle corsie gialle: e non soltanto quando le immagini prodotte sono poco chiare. Ma soprattutto perché le telecamere stesse non sarebbero, il più delle volte,  neppure omologate.

Ne sono certi gli avvocati Umberto e Giovanni Lo Cigno che, oltre a incassare una nuova vittoria legale, aprono la strada a una nuova, possibile, teoria di ricorsi.

La storia ha inizio il 9 gennaio scorso, quando la signora Paola De Francisci riesce ad ottenere l´annullamento di un verbale da 80,54 Euro elevato a mezzo telecamere nelle corsie riservate agli autobus redatto a dicembre 2007.

La telecamera utilizzata per cogliere la donna in flagranza a bordo del proprio scooter la immortalò in due fotogrammi, prodotti poi come prova. La prima immagine ritraeva da tergo la moto con a bordo una persona, la cui targa era illeggibile. La seconda indicava, su fondo completamente nero, solamente il numero della targa. Dunque, ne risultò che non vi era oggettivamente alcun collegamento tra le due fotografie, nè riferibilità alla moto della cittadina.

Ma la novità sarebbe un´altra. «In realtà – sostengono gli avvocati Umberto e Giovanni Lo Cigno – quasi tutte le contravvenzioni elevate in merito al transito nelle corsie riservate ai bus sono suscettibili di essere annullate per altre ragioni degne di essere apprezzate».

Di mezzo vi è infatti un cavillo tecnico-giuridico: le telecamere, spesso, non avrebbero l´autorizzazione ministeriale. «La legge – continuano – prevede che i comuni debbano obbligatoriamente richiedere una specifica autorizzazione al Ministero dei Lavori Pubblici, Ispettorato Generale per la Circolazione e la Sicurezza Stradale. Ma quasi sempre, sulle multe, non compare traccia di quel via libera».

19 Gennaio 2009 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Gli ispettori delle aziende di trasporto pubblico possono sanzionare solo chi sosta all'interno delle corsie riservate
Il legislatore ha inteso conferire agli ausiliari del traffico, ai fini di semplificazione dell'attività amministrativa, il potere di prevenire ed accertare infrazioni al codice della strada in alcune ipotesi tassative. Una prima, è costituita dalle infrazioni concernenti la sosta di autoveicoli nelle aree soggette a concessione di parcheggio, in ordine alla quale le funzioni di prevenzione ed accertamento possono essere svolte dagli stessi dipendenti della società concessionaria. Una seconda, concernente la sosta nell'ambito del territorio del Comune, nella quale le funzioni di prevenzione ed accertamento delle relative infrazioni sono attribuite ai dipendenti comunali. Una terza, infine si riferisce agli ispettori ...

Illegittime le multe elevate con dispositivi autovelox che non risultano sottoposti a periodica taratura e verifica - Non basta la certificazione di omologazione e conformità
Com’è noto, il codice della strada, all'articolo 45, comma 6, dispone che i dispositivi, le apparecchiature e gli altri mezzi tecnici di controllo e regolazione del traffico, nonchè quelli atti all'accertamento e al rilevamento automatico delle violazioni alle norme di circolazione, ed i materiali che per la loro fabbricazione e diffusione, sono soggetti all'approvazione od omologazione da parte del Ministero dei lavori pubblici, previo accertamento delle caratteristiche geometriche, fotometriche, funzionali, di idoneità e di quanto altro necessario. Nello stesso regolamento sono precisate altresì le modalità di omologazione e di approvazione. Nulla viene previsto circa l'obbligo di una verifica periodica della ...

Ricorso al verbale di multa elevato da un ausiliare del traffico per circolazione in corsia riservata ai mezzi pubblici
Gli ausiliari del traffico sono legittimati ad accertare e contestare le violazioni al codice della strada solo se queste ultime concernano le disposizioni in materia di sosta, ma non sono abilitati a rilevare infrazioni inerenti a condotte diverse, come quelle attinenti alla circolazione in corsie riservate ai mezzi pubblici, le quali possono essere contestate, oltre che dalla polizia municipale, anche dal personale ispettivo delle aziende di trasporto pubblico. Ne consegue che, proprio perché la legittimazione degli ausiliari del traffico e quella del personale ispettivo delle aziende di trasporto pubblico è ricondotta al possesso di requisiti specifici fissati dalla legge che ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su corsie riservate al transito dei mezzi pubblici: se le telecamere non risultano auorizzate dal ministero, le multe sono illegittime. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)